"La Notte di Sigonella": Stefania Craxi – "La storia darà ragione a mio padre"

(ASI) Poche sono quelle persone capaci di continuare a dare il proprio contributo alle rispettive nazioni anche dopo anni dalla loro scomparsa.

Il leader socialista Bettino Craxi si è ancora una volta confermato appartenere a questa ristretta cerchia di uomini le cui gesta sono destinate a riecheggiare nella storia presente e futura. Grazie a uno straordinario lavoro di ricerca e approfondimento portato avanti dalla figlia del grande statista, Onorevole Stefania Craxi, la storia di quello che fu uno dei momenti chiave della vita di Bettino Craxi ha potuto essere raccontata fin nei minimi dettagli nel libro intitolato "La Notte di Sigonella". Se possibile ancor più straordinario delle testimonianze storiche raccolte al suo interno, il fatto che il libro, edito da Mondadori, riporta come autore proprio l'indimenticato presidente del consiglio.
La presentazione di ieri a Perugia ha visto la partecipazione della figlia del grande statista, la cui fondazione ha curato la pubblicazione di quest'opera, e di alcuni tra i massimi esponenti della politica locale quali l'Onorevole Pietro Laffranco, e il consigliere regionale Claudio Ricci. Mentre in rappresentanza del comune di Perugia hanno partecipato il consigliere Massimo Perari (FI) e l'assessore Emanuele Prisco (Fdi), oltre a numerose altre persone accorse per assistere alla presentazione.
L'inizio del dibattito vero e proprio sull'opera è stato preceduto dalla proiezione del documentario omonimo "La Notte di Sigonella", che ha illustrato a tutti i presenti i punti salienti della crisi che contrappose l'Italia di Craxi all'America di Reagan esattamente trent'anni fa. A cominciare dagli eventi che portarono al sequestro della nave da crociera Achille Lauro, passando per le delicate fasi di negoziato per ottenerne la liberazione, fino alla rocambolesca operazione intentata dagli statunitensi per vendicare la morte del loro concittadino, Leon Klinghoffer, brutalmente assassinato dal commando di terroristi palestinesi che aveva sequestrato la Lauro, sono state ripercorse le varie fasi che portarono l'Italia di Craxi a giocare un ruolo chiave nelle vicende del medio oriente. Il documentario ha poi analizzato le azioni dell'allora primo ministro italiano, che rifiutò le ingerenze americane, e si adoperò affinché venissero rispettate la legge e il diritto italiano a discapito degli interessi del potente alleato. Decisione quella di far prevalere il diritto italiano, che portò i due alleati quasi allo scontro armato, ma che poi, grazie alla risolutezza e alla fermezza di Craxi, terminò senza spargimenti di sangue e con un grande successo in termini di prestigio e di affermazione della sovranità nazionale per l'Italia.
Subito dopo l'On. Stefania Craxi con chiarezza ha affermato –"La storia darà ragione a Craxi". Per la figlia del grande statista il contesto di quegli anni vide l'Italia essere un paese in prima linea nella Guerra Fredda tra il blocco occidentale democratico e libertario, e quello socialista capeggiato dall'allora Urss. "L'Italia ha avuto un ruolo fondamentale nella Guerra Fredda. Nel nostro paese operava il partito comunista più forte di tutto l'occidente. Una formazione politica quella del Pci, e delle sue ramificazioni, al soldo diretto dell'Urss, che aveva come principale obbiettivo la destabilizzazione e l'indebolimento di una nazione, e della sua leadership, che aveva scelto di schierarsi con la libertà e la democrazia"- ha puntualizzato l'On. Craxi che si è poi soffermata anche sul rapporto che la nazione, sotto la guida del padre, aveva con il potente alleato americano, leader del blocco occidentale, concludendo –"Craxi sognava una grande nazione e non una piccola italietta".
Per l'On. Pietro Laffranco ci sono pochi dubbi - "Craxi era un vero politico. Faceva ciò che diceva. Per questo guardo con molta nostalgia ad un passato fatto da uomini che facevano politica con dignità e competenza. Provo una profonda tristezza nel mettere a confronto lo spessore di questi politici con quello dell'attuale classe politica alla guida del paese". Per l'On. Laffranco restituire l'onore e la dignità che furono sottratte a Bettino Craxi con l'intrigo e la manipolazione è da considerarsi come "un dovere della politica nei confronti della verità".
Anche per Claudio Ricci, consigliere regionale umbro, ed ex candidato alla presidenza del centrodestra nelle ultime elezioni, la storia di Craxi deve far riflettere sull'importanza della geopolitica e sulla necessità di aver peso in essa, così come sulla differenza tra "fare politica ed essere un politico". "Fare politica significa perseguire i propri scopi personali. Essere un politico significa mettere se stessi e le proprie competenze al servizio della comunità impegnandosi a dare sempre il massimo" – ha dichiarato Ricci.

Cenusa Alexandru Rares – Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Assange, Ascari (M5S): rivelare crimini non e' un crimine. A Londra per seguire l'udienza che deciderà su estradizione

(ASI) Londra - "Mi trovo a Londra, dove con la collega europarlamentare Sabrina Pignedoli, seguirò i due giorni di udienze al termine dei quali l'Alta Corte di Giustizia britannica deciderà ...

Ospedali, Migliore (Fiaso): "Utilizzo IA è già realtà, bisogna formare medici e personale sanitario"

(ASI) Roma -"Gli ospedali sono stati e sono il motore dell'innovazione, dell'eccellenza del servizio sanitario nazionale". "Adesso gli ospedali sono di fronte a una nuova sfida - dice Migliore ...

Faisa Cisal: Sicurezza, priorità imprescindibile anche nel Settore dei Trasporti.

(ASI) Firenze - Durante il Consiglio Regionale della Faisa Cisal della Toscana, il Segretario Generale Mauro Mongelli ha ribadito l'assoluta centralità del tema sicurezza anche nel settore dei trasporti. ...

Smog. Greco (S.I.d.R.): "Dati inquinamento Milano allarmano, alto rischio infertilità

(ASI) Milano - "I dati diffusi dalla società svizzera IQAir, che indicano Milano tra le città più inquinate al mondo, con una concentrazione di PM2.5 di 29,7 volte il valore guida ...

Giovedì 22 febbraio a Trevo verrà presentato il Convegno internazionale: "La Cooperazione Internazionale Strumento di Sviluppo"

(ASI) Trevi. Si terrà giovedì 22 febbraio 2024 ore 10.30 presso la sala consiliare del Comune di Trevi la conferenza stampa del Convegno: "La Cooperazione Internazionale ...

Argentina: livello di povertà sempre più allarmante

Non funziona la cura ultraliberista del neopresidente argentino Javier Milei. Gli ultimi dati riferiscono infatti che le persone colpite dalla povertà in Argentina a gennaio ammontano a 27 milioni, pari al 57,4% ...

In Campania e nel Sud imprese più giovani e più solide. Gianni Lepre: “C’è voglia di rinascita, si riparta da qui”

(ASI) A dispetto di quelli che sono i numeri e i dati che circolano nel nostro Paese su Imprese e sistema produttivo, le rilevazioni dell’Istituto Tagliacarne sul 2023 fanno registrare ...

"Al mattino su whatsapp", Il libro del Generale Petrella su fede e sulla vita

(ASI) Un "viaggio spirituale" che trae spunto dai messaggi inviati da Giuseppe Petrella, generale dell'Arma dei Carabinieri, ogni giorno ad una platea di amici e conoscenti.

Credito d’Imposta, Bonus pubblicità 2024

(ASI) Dal primo marzo 2024 è possibile presentare la domanda di accesso al credito d’imposta “bonus pubblicità 2024” e c’è tempo fino al 2 Aprile termine ultimo per presentare domanda, ed è il provvedimento ...

Cina. La Festa di Primavera surriscalda il turismo e rilancia i consumi interni, alta velocità sugli scudi

(ASI) Ben 474 milioni di spostamenti turistici nazionali - il 23% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e il 19% in più rispetto al 2019 - per una spesa complessiva superiore ai 632 ...