Calcio. Catania, 5 partite comprate? Arresti domiciliari per il Presidente, l'Ad e il dg del club etneo nell'operazione "i treni del gol

(ASI) Calcio. Catania, 5 partite comprate? Arresti domiciliari per il Presidente, l'Ad e il dg del club etneo nell'operazione " i treni del gol.

Gli arresti domiciliari. Cinque partite vinte dal Catania nello scorso campionato di serie B sotto inchiesta. L'accusa: la squadra etnea le avrebbe "accomodate", tramite il versamento di quote di denaro (in media, 10.000 euro) versate a giocatori di squadre avversarie, per evitare la retrocessione in Lega Pro. Arresti domiciliari per il Presidente del club siciliano, Antonio Pulvirenti; l'amministratore delegato Pablo Cosentino e il direttore generale Daniele Delli Carri, ex Pescara, al Catania dal gennaio scorso. Insieme a loro sono finiti ai domiciliari anche quattro procuratori e agenti di scommesse: Fernando Arbott, Piero Di Luzio, Giovanni Impellizzeri e Fabrizio Milozzi, tutti accusati di frode sportiva.

Le partite incriminate. Secondo quanto emerso, le cinque partite dell'ultimo campionato sono Varese-Catania (0-3) del 2 aprile scorso; Catania-Trapani (4-1) dell'11 aprile; Latina-Catania (1-2) del 18 aprile; Catania-Ternana (2-0) del 25 aprile; Catania-Livorno (1-1). Durante la conferenza stampa convocata stamattina, gli inquirenti hanno dichiarato che si sta indagando anche su Catania-Avellino (1-0) del 29 marzo. Quella serie di risultati (inframmezzati solo dalla sconfitta a Bologna della 38.a giornata, il 28 aprile) è risultata poi decisiva per permettere al Catania di rimontare dalle ultime posizioni della classifica e salvarsi.


Altri indagati. Nell'inchiesta, oltre ai sette arresti, ci sono anche altre persone indagate. Il Procuratore di Catania, Giovanni Salvi, nella conferenza di stamattina, ha fornito i loro nomi: Pietro Lo Monaco, Alessandro Failla e Fabrizio Ferrigno, rispettivamente patron, amministratore delegato e direttore sportivo del Messina; ed i giocatori Alessandro Bernardini (Livorno) Riccardo Fiamozzi (Varese), Antonio Daì (Trapani) e Matteo Bruscagin (Latina). Non risultano indagati giocatori del Catania.

Il linguaggio in codice. L'operazione, denominata, "i treni del gol", ha preso il via da intercettazioni telefoniche eseguite dalla Polizia di Stato. Le indagini sono coordinate dalla Procura della Repubblica di Catania e condotte dalla Digos del capoluogo etneo con l'ausilio di personale delle Digos di Roma, Chieti e Campobasso e del compartimento della polizia postale di Catania. Nelle conversazioni telefoniche gli interlocutori usavano frasi in codice: i "treni in arrivo" erano i giocatori da avvicinare per indurli a prestarsi alla truffa, mentre gli "orari di arrivo" o "i binari" erano i numeri di maglia indossati dai giocatori. Pulvirenti era "il magistrato"; mentre con "l'udienza" e "la causa" si alludeva all'incontro da truccare. Il prezzo da pagare per corrompere i calciatori era denominato "tariffa" o "parcella dell'avvocato". Secondo la Procura, si è in presenza di "elementi importanti" che configurerebbero un'associazione per delinquere tutt'altro che episodica. Una organizzazione, secondo gli inquirenti, nella quale i ruoli erano ben definiti e volta in maniera stabile e strutturata a perpetrare "una serie indeterminata di delitti di frode in competizioni sportive e di truffe".


Le risorse, gli intermediari, le scommesse. L'indagine avrebbe appurato che il gruppo poteva contare su notevoli risorse economiche, procurate da uno egli arrestai, Giovanni Impellizzeri, agente di scommesse on line. Nella divisione dei compiti all'interno dell'organizzazione, il compito di avvicinare i giocatori da corrompere era affidato ad Arbotti, procuratore e agente Fifa. Oltre al reato ipotizzato di frode sportiva, gli inquirenti lavorano anche sull'ipotesi che le combines fossero utilizzate per le scommesse clandestine. Il Procuratore Salvi ha infatti detto che sono stati notate oscillazioni improvvise e anomale nelle quotazioni delle partite sotto esame, come se qualcuno fosse a conoscenza del risultato.


Le dichiarazioni del Presidente Lega Serie B, Abodi. Il Presidente della Lega di B, Andrea Abodi, si è detto sgomento per la notizia, "tanto più perché lavoriamo ogni giorno per rendere comunque credibile e per aumentare la reputazione del nostro contesto". Abodi ha comunque escluso che il campionato possa essere invalidato, dato che risponderà dei fatti solo chi ha sbagliato. Il numero 1 della B ha auspicato che la vicenda venga chiarita prima possibile e ribadito che, comunque, proseguirà il suo lavoro senza alcun tipo di indulgenza e accomodamento verso comportamenti contrari allo spirito sportivo.

Daniele Orlandi - Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Energia, l’appello di Confagricoltura: ulteriori rincari insostenibili anche per le imprese agricole umbre.

(ASI) Perugia – Secondo i dati diffusi da ISMEA, i costi di produzione dell’agricoltura, nei soli primi tre mesi di quest’anno, sono aumentati di oltre il 18% sullo stesso ...

Economia Italia: In arrivo dalla UE altri 21 mld del Recovery Fund per il Pnrr. L'analisi dell'economista Gianni Lepre

Economia Italia: In arrivo dalla UE altri 21 mld del Recovery Fund per il Pnrr. L'analisi dell'economista Gianni Lepre

Tutto esaurito  al Politeama di Terni per “Soldato sotto la luna”.

(ASI) Grande successo per la prima di “Soldato sotto la luna” di Massimo Paolucci prodotto dalla phneutrofilm di Christian Costa ed Eusebio Belli. In una sala gremita il pubblico ha ...

Elon Musk ha svelato il prototipo del robot umanoide Elon Muskdurante l’evento AI Day di Tesla. Costerà meno di 20.000 euro e sarà commercializzato tra 5 anni.

(ASI) California - Elon Musk ha rivelato il primo prototipo di robot umanoide soprannominato Optimus durante l’AI Day della Tesla.

Salute mentale: Marchetti (Fenascop Lazio), piano Regione Lazio è solo spot elettorale

(ASI) “Nonostante l’aumento costante ed esponenziale dei problemi psicosociali, che colpiscono soprattutto le fasce giovanili, la Regione non intende apportare alcuna modifica al budget economico per la cura del ...

Consumi: Coldiretti, arrivano cibi in provetta, no da 7 italiani su 10. Al via petizione mondiale per fermare sbarco a tavola nel 2023

(ASI) Ben 7 italiani su 10 (68%) non si fidano del cibo creato in laboratorio con cellule staminali in provetta. 

Terracina, Ottaviani (Lega): “Reddito di cittadinanza così è destinato a fallire”.

(ASI) Roma - “Un plauso ai militari dell’Arma dei Carabinieri di Terracina, che hanno arrestato due stranieri, i quali presentando documenti contraffatti, hanno tentato di ottenere il reddito ...

Taormina e Trisciuoglio: "La difesa di Castellino denuncia un indebito accanimento ed ai limiti della legittimità della Procura capitolina e della Questura di Roma contro Giuliano Castellino"

(ASI) "Castellino già sottoposto a misura di sorveglianza speciale e dopo la carcerazione cautelare di Poggioreale e Rebibbia, per i fatti del 9 ottobre il presunto assalto alla C.G.I....

Economia Italia: Ammontano a 1100 i miliardi che lo Stato non riesce a riscuotere. I l punto dell'economista Gianni Lepre

Economia Italia: Ammontano a 1100 i miliardi che lo Stato non riesce a riscuotere. I l punto dell'economista Gianni Lepre

Meloni: Coldiretti, ha firmato petizione contro cibo in provetta Al fianco del Presidente Ettore Prandini al Villaggio di Milano

(ASI) Giorgia Meloni, nella sua prima uscita pubblica dopo la vittoria alle elezioni, ha firmato la petizione mondiale per fermare lo sbarco a tavola del cibo sintetico promossa da World ...