La colpa di essere una minoranza nel Pakistan insanguinato

(ASI) Se l'Isis chiama, i Talebani rispondono prontamente. Il weekend della preghiera e delle messe nel Pakistan cristiano, lontano dalle capitali cattoliche occidentali, ha vissuto un'altra domenica di sangue.

Quindici morti certi, almeno settanta feriti, tra cui molti in pericolo di vita, il terrore istantaneo e le conseguenti rappresaglie. Due kamikaze deflagrati con i loro esplosivi all'ingresso delle basiliche di Lahore, città nel cuore del Punjab, poi l'assalto e la rabbia dei cristiani che dopo aver identificato i complici degli attentatori, spontaneamente li linciano e li fanno ardere vivi nella pubblica piazza. La reazione inesorabile si espande a macchia d'olio, da Rawalpindi alla capitale Islamabad, da Karachi ai palazzi del potere del primo ministro Nawaz Sharif.

Il caos nel Paese per l'ennesimo attentato rivendicato dai Talebani, mentre gli agenti della sicurezza stavano pranzando e vedendo la televisione. Intanto le vittime sono sempre le stesse, piccole comunità di cristiani all'interno di vastissime comunità musulmane. Gli attentati sono proporzionalmente aumentati, la sorveglianza inversamente diminuita e la corruzione del potere appare dilagante.
Il Vaticano stesso ha scelto ormai di aprire all'uso legittimo della forza a difesa delle proprie minoranze. Il Papa nell'Angelus di ieri ha richiamato l'importanza del confronto e perfino la necessità di reagire con interventi mirati al fine di far cessare le persecuzioni. L'arcivescovo Silvano Maria Tomasi ai microfoni della Radio Vaticana sottolinea: "Intervenire è compito della comunità internazionale. Per salvare il salvabile è necessario difendersi e l'aggressore va necessariamente fermato." La Santa Sede rilascia così forti dichiarazioni in difesa delle minoranze cristiane del mondo, ma è evidente come quella pakistana, senza considerare quelle nigeriane e siriane, soffra sviluppi politici e conflitti etnici ormai fuori controllo.

L'Isis e Al Qaeda si combattono sul fronte terroristico nel folle merito di chi uccide più "infedeli". Molte campane in Europa e in Occidente, non solo quelle che ormai troppo spesso suonano per i propri morti, sono stufe dei dialoghi moderati. L'escalation della violenza è rischiosissima e rappresenterebbe un danno ben più grave anche per le comunità musulmane.
Il sogno di Benazir Bhutto, la donna che più di ogni altra in Pakistan aveva cercato la riconciliazione sociale e religiosa, sembra infrangersi come le facciate delle basiliche devastate dai kamikaze di Lahore. Casualmente, dalla sua morte nel 2007, le cose sono solo peggiorate, purtroppo dietro la sottile e indifferente connivenza della politica di Islamabad.


Lorenzo Nicolao - Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Cina. Manifattura torna in territorio espansivo, cresce la fiducia delle imprese

(ASI) Torna in territorio espansivo la manifattura a settembre. È questa la notizia più importante che emerge dal consueto rapporto mensile del Dipartimento Nazionale di Statistica della Repubblica Popolare Cinese. Malgrado ...

Alleanza per Israele: congratulazioni a Bothelo eletto al vertice della Comunità ebraica portoghese

(ASI) Roma/Lisbona, 30 settembre 2022 - “Ci congratuliamo vivamente con l’amico Davide Bothelo per la sua elezione a Presidente della Comunità ebraica di Lisbona. Davide Bothelo, è medico, già da vent’...

Diritto & Società: La Colpa medica. Analisi giuridica delle circostanze a cura dell'avvocato Alessandro DI Dato

Diritto & Società: La Colpa medica. Analisi giuridica delle circostanze a cura dell'avvocato Alessandro DI Dato

Emergenza economia e lavoro, le priorità del nuovo governo (a cura del giuslavorista Severino Nappi)

Emergenza economia e lavoro, le priorità del nuovo governo (a cura del giuslavorista Severino Nappi)

Rdc, Nappi (Lega): con quale coraggio parla De Luca?

(ASI) “Con quale coraggio De Luca parla di reddito di cittadinanza? Voglio ricordare al governatore che proprio lui, con la totale assenza di ogni intervento regionale in materia di politiche ...

Rampelli (VPC-FDI): “La madre di tutte le battaglie è il tetto al prezzo del gas in Europa”

(ASI) “Per affrontare il caro energia bisogna agire subito in sede europea per porre un freno alla speculazione in corso alla borsa di Amsterdam e imporre un tetto al prezzo ...

Croatti e Lanzi (M5S): "Al via incontri per organizzazione M5s sui territori. Il 6 ottobre si parte da Ravenna"

(ASI) "Giovedì 6 ottobre saremo a Ravenna per partecipare all'incontro del gruppo locale. Sarà l'occasione per fare il punto sulla situazione post elezioni e per organizzare il lavoro che ci aspetta ...

8 e 9 ottobre  Roma,  Un anno dopo.  Taormina, Trisciuoglio, Castellino :  Italia Libera - Il Popolo del dissenso si presenta all'Italia

È nell’Urbe che sarà lanciato la nostra adesione al Fronte Unitario di Resistenza. È nell’Urbe che Italia Libera - Il Popolo del Dissenso presenterà il Librezzo Azzurro i 7 punti ...

Ucraina, Papa Francesco ripete: “È in atto la Terza Guerra Mondiale

(ASI) "È in corso una guerra e credo sia un errore pensare che sia un film di cowboy dove ci sono buoni e cattivi. E’ un errore anche pensare che ...

Usa, dipartimento di Stato: “Via cittadini americani dalla Russia”

(ASI) I cittadini americani sono invitati a "lasciare la Russia immediatamente", usando "le limitate opzioni" di trasporto commerciale ancora disponibili.