Museo che vai, direttore straniero che trovi

(ASI) Il ministro Franceschini, in cerca di venti direttori per i musei più importanti d’Italia, apre il bando a professionalità estere. Nel resto del mondo, l’internazionalizzazione è già realtà.

Preparati, specializzati e con una forte esperienza in ruoli dirigenziali. Saper parlare italiano? Un plus. L’identikit del direttore di museo ideale è tracciato nel bando del ministro italiano per i Beni culturali, Dario Franceschini, che, in cerca di venti direttori per i musei più importanti del Belpaese, apre il concorso anche a professionalità estere. Una international call per figure dalla “comprovata qualificazione professionale in materia di tutela e valorizzazione dei beni culturali”, che abbiano “ricoperto ruoli dirigenziali, per almeno un quinquennio, in Italia o all’estero”, che siano in possesso di una “particolare specializzazione professionale, culturale e scientifica” e che si ritroveranno a capo di istituzioni come la Galleria Borghese di Roma, gli Uffizi di Firenze, la Pinacoteca di Brera, il Palazzo Ducale di Mantova o il Parco archeologico di Paestum. Scaduto il termine per presentare le domande (15 febbraio), dovremo aspettare maggio per sapere se anche i musei italiani saranno travolti da quell’ondata di internazionalizzazione che, nel resto del mondo, di fatto, è già realtà. A frenare le perplessità per una ricerca che per la prima volta si spinge oltre i confini italiani, infatti, potrebbe essere la consapevolezza che, all’estero, molti “super musei” sono gestiti da “stranieri”, ma nessuno si stupisce. A Londra il tedesco Martin Roth è il direttore del Victoria and Albert Museum. Il Met (Metropolitan Museum of Art) di New York è attualmente guidato dall’inglese Thomas P. Campbell mentre a capo della Gagosian Gallery di New York c’è l’italiana Valentina Castellani. Tornando a Londra, la Tate Modern non vede un direttore inglese da 16 anni: il belga Chris Dercon, alla guida del museo dal 2010, ha preso il posto dello spagnolo Vicente Todolì. Prima di lui, a gestire la galleria d’arte dal 1998 al 2001, fu lo svedese Lars Nittve. Anche il caso dell’inglese Neil MacGregor, attuale direttore del British Museum e che in Germania è considerato “il candidato più desiderabile” alla direzione dell’Humboldt Forum, dimostra come i confini, soprattutto quelli dell’arte, vanno via via allentandosi. L’arrivo di “uno straniero al museo” non è sinonimo di delegittimazione e non nasconde nessun fallimento strategico. A darne prova è la lista dei musei d’arte più visitati del mondo che ogni anno viene stilata da Giornale dell’arte con The Art Newspaper: sono proprio quelle istituzioni citate come esempio di internazionalizzazione che si piazzano nelle posizioni più alte della classifica. Il Met della Grande Mela (con un inglese a capo) sale sul terzo gradino del podio registrando oltre sei milioni di visitatori nel 2013. Nella top ten anche la Tate Modern,settima galleria d’arte più visitata con quasi cinque milioni di accessi.

In dodicesima posizione, con più di tre milioni di visitatori, il Victoria and Albert Museum del tedesco Roth. La National Gallery di Londra (in quarta posizione per numero di visitatori) avrà un direttore di origine italiana. Gabriele Finaldi (italo-inglese che ha studiato a Napoli e Londra) è attualmente co-direttore del Prado di Madrid e secondo il Financial Times è stato scelto per uno degli incarichi più importanti nel mondo dell’arte. Sembra proprio che le maggiori istituzioni culturali del mondo vogliano assicurarsi i migliori talenti, a prescindere dalla nazionalità.

Questo trend, tuttavia, non sembra coinvolgere l’Italia, almeno secondo i dati diffusi dal Mibact alla scadenza del concorso: sono 1222 le candidature arrivate, di cui solo 80 da stranieri. A designare i nuovi direttori ci penserà la commissione di valutazione presieduta da Paolo Baratta (presidente della Biennale) e di cui fanno parte Lorenzo Casini (professore di Diritto amministrativo a Roma), Claudia Ferrazzi (segretario dell’Accademia di Francia), Luca Giuliani (rettore del Wissenschaftskolleg di Berlino) e Nicholas Penny (già direttore della National Gallery).


Silvia Paradisi - Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Nord Corea, missile sul Giappone: cittadini nei rifugi

(ASI) Sale la tensione in Asia.  La  Corea del Nord ha lanciato, questa notte, un nuovo missile. Secondo quanto si è appreso, si tratterebbe di un Irbm ...

Ucraina, Russia: “Basta armi, o rischio guerra diretta contro la Nato”

(ASI) I dispositivi bellici, che gli Stati Uniti forniscono all’esercito di Kiev che combatte contro le truppe del Cremlino, stanno aumentando il rischio di un possibile “scontro militare diretto”&...

Governo, verso un ritorno del Ministero del Commercio Estero. L’imprenditore Lorenzo Zurino in pole position tra i papabili ministri

(ASI) Nel totoministri che impazza in queste ore o, meglio ancora, sul tavolo dei ragionamenti di natura politica e strategica relativi al prossimo assetto che la premier in pectore Giorgia ...

PD: Boccia, Letta chiamato da Parigi dopo caduta Governo giallorosso e crollo Dem. Merita massimo rispetto

(ASI) “Il Segretario Enrico Letta è stato chiamato da Parigi dopo la caduta del governo giallorosso e con il Partito democratico che era drammaticamente crollato al 15%.

Nappi (Lega): sicurezza al centro dell’azione politica a tutti i livelli

(ASI) “La 72enne vittima prima di rapina e poi ricoverata in ospedale perché caduta battendo la testa sul selciato dissestato, conferma la drammaticità della situazione napoletana e campana anche sul ...

Veneto, Elisa Venturini: su trasporto pubblico intervenga la Regione

(ASI) "La situazione di grande difficoltà nel trasporto pubblico locale non può essere una sorpresa perché da tanto tempo si stanno susseguendo problemi di varia natura che finiscono per ripercuotersi ...

DL Aiuti-Ter, Pallavicini (Confcommercio Salute): “Un tavolo con Stato e Regioni sul tema risorse e per un’analisi organica del socio sanitario

(ASI) Roma - “L’apertura del Governo alle strutture sanitarie del privato accreditato tramite il riconoscimento alle stesse, con il Decreto Aiuti-ter, del diritto ad accedere alle risorse destinate ...

M5S Europa: in 13 anni abbiamo rivoluzionato la politica italiana 

(ASI) “Il 4 ottobre 2009 dall’intuizione rivoluzionaria di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio nasceva il Movimento 5 Stelle. In questi tredici anni abbiamo dimostrato che in Italia è possibile fare politica mettendo ...

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "Dal 2023 il 30% di Energia Idroelettrica in meno se non si ferma la legge sul deflusso ecologico voluta dall'Europa, facendo aumentare la dipendenza dell'Italia. Il nuovo Governo intervenga con urgenza".

(ASI) In un momento tragico sul fronte dei costi dell'energia, la principale fonte rinnovabile,  l'energia idroelettrica, rischia il prossimo anno di avere un calo di produzione di circa il 30 ...

Festa di San Francesco. Omelia del Card. Matteo Zuppi, Presidente della CEI

(ASI) Assisi - La Parola di Dio parla sempre a noi e di noi. Parla oggi e ci aiuta a capire i segni dei tempi e questi ci aiutano ...