Dibattiti: Difendere l’Europa

(ASI) In questi drammatici giorni in cui abbiamo assistito, quasi in diretta, alle raccapriccianti immagini dalla Francia, dove il fondamentalismo e il terrorismo di matrice islamista-salafita hanno colpito il cuore del vecchio continente, è iniziata la solita serie di commenti degli analisti politici su come arginare il terrorismo e su come approcciarsi rispetto

ai problemi della società europea, ormai multiculturale e multi-religiosa. In questa sede non voglio soffermarmi sulle radici del problema, in quanto, così come stanno le cose, non si può evidentemente tornare indietro e cercare di sistemare le cose. Bisogna andare avanti, anche perché, come le esperienze dell’ultimo decennio insegnano, la Storia non è maestra di vita; questi problemi si erano posti anche dopo l’11 settembre 2001 e puntualmente dopo gli attacchi a Londra e Madrid. Se non si è riusciti a trovare delle soluzioni al problema del terrorismo di matrice islamista e a quello del multiculturalismo, i motivi potrebbero essere molteplici, ma eviterei di addentrarmi in questi dibattiti: quindi, vediamo cosa fare per il futuro. Ci sono, come abbiamo detto, due problemi: il terrorismo islamista e il multiculturalismo in Europa. I due temi sono intrecciati tra loro, ma richiedono discorsi separati. Il terrorismo islamista nasce fuori dall’Europa, si afferma fuori dal vecchio continente e, le statistiche lo dimostrano, deborda in Europa, fortunatamente, in modo saltuario. Non conosco esattamente i numeri, ma così, su due piedi, mi verrebbe da dire che il terrore per ogni colpo che infligge in Europa, compie centinaia di stragi nel mondo musulmano, ergo, le principali vittime del radicalismo islamico sono i musulmani. D’altro canto si potrebbe obiettare a questa argomentazione dicendo che di quello che avviene fuori dall’Europa ce ne freghiamo altamente, dobbiamo pensare ai fatti nostri. Se accettassimo tale tesi però, dovremmo in primo luogo ritirare le truppe e la presenza militare europea in giro per il mondo, visto che la priorità sarebbe quella di combattere il terrore in casa nostra.  A parte la pochezza di vedute che comporta tale analisi, questa via a oggi non è percorribile visto l’alto grado di permeabilità della comunità internazionale che grazie ai processi di globalizzazione ci ha resi, volenti o nolenti, collegati al resto del mondo; teorie isolazioniste mi sembrano fuori luogo. Il terrorismo deve essere combattuto sul fronte interno e su quello internazionale, perché esso si alimenta fuori dall’Europa e solo una parte minima delle reti terroristiche islamiste, sia a livello strutturale, sia a livello delle azioni violente compiute, opera qui. Il terrore quindi va combattuto alla fonte, nei paesi dove per vari motivi tale fenomeno nasce e si alimenta. Il terrorismo si combatte con la guerra; con le parole e con l’educazione vorrei proprio vedere come si ferma una banda di fanatici armati fino ai denti. Poi vi è il lato della radice del problema: organizzare entità violente che agiscono, come Al Qaida o l’ISIS, su base transfrontaliera, richiede uno sforzo organizzativo, economico, logistico e militare immane. Queste attività sovversive richiedono una grande preparazione che può essere attuata solo da grandi entità, private o pubbliche che siano. Quindi alla base del terrorismo ci devono per forza essere grandi enti internazionali, come organizzazioni o organismi di vario genere, oppure, molto più semplicemente, gli Stati nazionali e i loro apparati di sicurezza. Senza andare troppo indietro nel tempo e senza fare troppi esempi, possiamo dire che l’attuale minaccia terrorista denominata ISIS si afferma tra Iraq e Siria con l’obiettivo dichiarato di destabilizzare in primo luogo due Stati nazionali del mondo arabo, Iraq e Siria appunto, per poi lanciarsi, almeno questo è quello che dicono i dirigenti di tale formazione, in una sorta di conquista del mondo islamico e dell’Occidente. Quindi, l’ISIS, nel breve ha due nemici: il governo iracheno e quello siriano, ma in prospettiva gli avversari sono anche i paesi europei. Per difendere l’Europa urge quindi un coordinamento a livello di apparati di sicurezza con questi due governi del Medio Oriente, e un serio avvertimento ai paesi che, in nome dell’avversione a questi due paesi mediorientali, per progetti geopolitici, hanno innescato un processo di sostengo all’estremismo islamico finalizzato alla deposizione di regimi e governi nemici. La lotta al terrorismo sul piano interno europeo, e tale fenomeno ha degli evidenti legami col più ampio problema del multiculturalismo, è un aspetto che procede su due binari paralleli: repressione ed educazione. L’apparato repressivo dello Stato non può certamente andare in ibernazione in nome delle libertà individuali, anche perché le libertà sono garantite dallo Stato, dall’ordinamento giuridico; senza lo Stato, in caso di sconfitta di esso da parte del terrorismo, non ci sarebbe più il garante delle libertà dei cittadini. La sicurezza della collettività e le garanzie individuali sono strettamente connesse; se manca la sicurezza pubblica, verrà a mancare il garante della libertà dei cittadini. L’apparato repressivo però non può agire da solo in tale contesto: vi è indubbiamente l’obbligo da parte della collettività di promuovere l’educazione alla convivenza: la società europea, che piaccia o no, è ormai un modello multiculturale. Tale tipo di società ha bisogno di valori forti in nome dei quali unificare gli intenti, anche quelli di chi almeno in partenza ha in mente un tipo di cultura completamente antitetica rispetto al paese europeo ospitante. Chi deve adeguarsi al modello europeo, che in ogni caso garantisce uno spazio per le libertà, anche religiose degli immigrati, sono gli ospiti della casa Europa; questo processo di adeguamento avviene attraverso l’educazione civica e scolastica. Non bisogna avere paura, in nome del multiculturalismo, di promuovere tali concetti, altrimenti si rischia solo di fare ulteriore confusione. Certo, l’educazione deve essere promossa anche nei confronti degli autoctoni, che in alcuni casi estremi, come dimostra la presenza di terroristi di origine europea proveniente da famiglie non musulmane, imbracciano una fede radicale a scopo sovversivo e terroristico, dimostrando come il fattore educativo non deve essere rivolto solo ai nuovi arrivati, ma a tutti i cittadini in modo indiscriminato. Il resto sono urla e farneticazioni di chi, in nome della lotta al terrorismo islamista, in nome della difesa dell’Occidente cristiano – solo loro hanno visto un “Occidente cristiano”, ovunque mi giro, al massimo, io vedo un Occidente illuminista, laicista e dissacrante, sulla falsa riga del giornale satirico francese oggetto della bestiale furia fondamentalista – vuole solo creare una atmosfera di caccia alle streghe finalizzata a qualche voto in più da prendere o a qualche copia di giornale in più da vendere. Un eventuale Occidente cristiano era da difendere il 14 luglio del 1789 a Parigi, non nel gennaio del 2015, nella stessa città; ora è un po’ tardi. Chi ha sconfitto l’Occidente cristiano sono stati i Lumi alla “Charlie”, non i fondamentalisti islamici. Per difendere l’Europa da questi ultimi non servono le urla in televisione, ma una razionale condotta basata sulla repressione qui e nel mondo del fenomeno, con corrette alleanze internazionali, soprattutto nel mondo musulmano, combinata a una politica ragionevolmente rigida sul fronte dell’immigrazione e del multiculturalismo. Ma so bene che queste, in ogni caso, sono parole al vento; anche dopo l’undici settembre alcuni dicevano queste cose…  


Ali Reza Jalali

Ultimi articoli

Domani Schlein incontra la stampa estera

  (ASI) La segretaria del Partito democratico Elly Schlein incontrerà i corrispondenti della stampa estera domani, lunedì 15 aprile alle ore 10.30, presso la sede dell'Associazione della stampa estera (Via del Plebiscito, 102 – ...

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...