×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Ilva. Una vecchia storia italiana.

(ASI) Il Tribunale di Taranto ha stabilito che la più grande acciaieria d’Europa inquina e avvelena l’ambiente, compromettendo la salute pubblica, nonostante anni di denunce e vittime innocenti. La reazione dei 15.000 operai, compresi quelli dell’indotto, è di forte contrarietà, preoccupati per un futuro lavorativo a rischio. La sentenza di per sé ha una portata rivoluzionaria perché sancisce finalmente il principio della tutela della salute pubblica che giaceva sulla carta senza trovare sostanziale applicazione. E’ probabile che l’ Ilva riprenderà la normale produzione e le sue polveri nere continueranno a uccidere gli abitanti dei quartieri limitrofi, tra i quali ci sono molti dei lavoratori che versano nella paradossale posizione di vittime e carnefici di se stessi: così gli operai saranno stati beffati dall’illusione di essere scampati al peggio, plagiati dal dogma di un futuro ineluttabile. La questione coinvolge interessi diversi e contrapposti la cui composizione richiederebbe un’opera coraggiosa di mediazione e compromesso, per ripartire però da presupposti inediti; ma come abbiamo detto, le cose molto probabilmente non andranno così, causando in chi scrive la sgradevole frustrazione di doversi trovare a redigere l’ennesimo necrologio del buon senso. Scrivere di cronaca nel nostro Paese equivale ormai a raccontare di marcio, sempre e comunque, e non per una personale perversione della categoria o per la generale tendenza del settore editoriale a fare dello scandalo l’unica forma di offerta commerciale, quanto perché nella gestione della cosa pubblica sembra smarrito completamente il contatto con la realtà. Duole, ancora una volta, ritrovare nella classe politica il responsabile di una situazione lasciata alla gangrena, a causa della sua sconvolgente apatia di fronte alle più tragiche evidenze. Non serviva quest’ultima inchiesta giudiziaria per accorgersi che a Taranto si moriva di cancro; non è servita la sentenza che già condannò la proprietà per le contaminazioni da amianto ai danni dei soliti lavoratori.

Perché questo Paese non riesce a destarsi dal suo torpore, svegliato bruscamente solo dai sussulti di emergenze e disastri preannunciati? Adesso sarebbe troppo facile trovare il capro espiatorio nell’individuo, nel grande capitano d’azienda che all’improvviso diventa il padrone senz’anima, stessa sorte di quei dittatori che per decenni hanno torturato e affamato i loro popoli impunemente, sotto lo sguardo placido degli amici di convenienza. In questa ennesima brutta storia di mala Italia, anche i sindacati recitano l’unico copione che conoscono, paventando il rischio di una grave emergenza sociale nell’ipotesi in cui lo stabilimento tarantino dovesse chiudere i battenti, come se centinaia di decessi per cancro non rappresentassero una grave emergenza sociale. Non si vogliono qui sottovalutare le conseguenze di una soluzione estrema, tuttavia, continuando a declinare ogni accadimento sociale in termini unicamente economici, senza considerare che anche la salute, l’ambiente, la cultura, concorrono complessivamente al benessere generale, gli organismi rappresentativi disattendono la funzione loro delegata, che non è quella di assecondare e domare gli impulsi dell’istinto ma di elevare il livello di consapevolezza individuale al fine di una generale propensione al progresso sociale.

 

Fabrizio Torella - Agenzia Stampa Italia

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Lavoro. Speranzon (FdI): Presentata pdl per favorire staffetta generazionale nelle aziende

(ASI)“Nelle aziende dei servizi ambientali e del trasporto pubblico locale si registra da anni il bisogno di un ricambio generazionale. Ho presentato una proposta di legge al Senato per ...

Pratica di Mare, Gasparri: Berlusconi è stato vero pacifista

(ASI) "Il 28 maggio del 2002, a Pratica di Mare, il Presidente Berlusconi portò il presidente americano George Bush e quello russo Putin a firmare degli accordi tra la federazione russa e ...

Air Dolomiti, Sciopero di 24 ore dei piloti. Uiltrasporti: pronti ad azioni di lotta per tutta stagione estiva se inascoltati

(ASI) Roma - I piloti della compagnia aerea Air Dolomiti, di proprietà del gruppo Lufthansa, continuano con determinazione la loro protesta per ottenere, a oltre 10 anni dalla scadenza, il rinnovo ...

50 anni fa, nel corso di una manifestazione contro il terrorismo in Piazza della Loggia a Brescia, una bomba provocò la morte di 8 persone e ne ferì oltre cento.

(ASI) “Il 28 maggio 1974 costituisce una ferita profonda nella storia del Paese. La ferocia e la violenza dell’ignobile disegno eversivo colpirono vittime innocenti nel tentativo di minare le basi della ...

Giornata Nazionale di Confcommercio “Legalità, Ci Piace!”

Domani, alle ore 10.00, in Confcommercio con Sangalli, Valditara e Molteni. (ASI) Domani 29 maggio, alle ore 10.00 a Roma, nella sede della Confederazione, si svolgerà la Giornata nazionale di Confcommercio “Legalità, ci ...

Napoli grande polo culturale europeo

(ASI) Che Napoli sia la capitale geografica del Mediterraneo è assodato e universalmente riconosciuto, ma che la città di Parthenope possa assumere anche il ruolo di polo culturale europeo è un fatto ...

Cnpr forum, logistica settore strategico per la competitività

(ASI)  “In Italia per poter usufruire di un servizio adeguato di logistica sono necessari due grandi fattori: gli investimenti su strade, ferrovie e porti da un lato; usufruire di ...

MO: Provenzano (PD), Netanyahu si fermi, subito cessate il fuoco 

(ASI) "Ancora orrore dalla Striscia di Gaza. Ieri una strage di civili e bambini a Rafah. Immagini inaccettabili, tanto più a due giorni dalla pronuncia della Corte internazionale di Giustizia.

Presidente Giorgia Meloni e Presidente degli Emirati Arabi Uniti, Mohamed bin Zayed bin Sultan Al Nahyan: ribaditi gli eccellenti rapporti bilaterali.

Creata joint venture MAESTRAL tra Fincantieri e l’emiratina EDGE Group (ASI) "Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il Presidente degli Emirati ...

MO: Laureti (PD), subito cessate il fuoco e riconoscimento stato Palestina 

(ASI) "Nel Sud di Gaza, a Rafah, un raid israeliano contro un campo di persone sfollate. L'ennesima strage di civili, in una comunità piegata, da mesi, dalla violenza militare e ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113