draghilettaconte(ASI) Sembrano che tutti e tre, Mario Draghi, Enrico Letta, Giuseppe Conte, siano venuti dal nulla.  Capitati quasi per caso nel circuito della politica italiana per guidare tre macchine: l’Italia, il Pd e i 5 Stelle. Tre mezzi moderatamente sgangherati. E così ora tutti guardano, con meraviglia e curiosità, cosa riusciranno a fare.

E anche con un certo interesse perché le faccende cui sono chiamati a sbrigare riguardano, chi più chi meno, un po’ tutti.

Mario Draghi si stava godendo il suo meritato riposo a Città della Pieve, nella dolce Umbria, dopo anni intensi alla Banca d’Italia e alla Bce, quando improvvisamente ha chiamato il Quirinale. E a Sergio Mattarella non si può dire di no, si risponde in un solo modo: obbedisco. E così è stato. Il buon Mario è andato a Roma, è passato e si è preso una macchina,ma appena arrivato a Palazzo Chigisi è accorto che c’era, ad aspettarlo, tanta bella gente che voleva salire a bordo, alloraMario, riservato e paziente, è tornato indietro e al Quirinale ha chiesto un pullman, ma nel garage ce ne era solo uno, degli anni 60, e si è dovuto accontentare di quello. Sgangherato, chiamato Italia. Non solo era ridotto male il mezzo, non c’era il carburante ed è pure assai accidentato il percorso che ora è chiamato ad attraversare. E con tutti quegli scalmanati a bordo. Insomma un’impresa difficile,ad altissimo rischio. Certo, altrimenti non avrebbero chiamato lui. Di mezzecalzette, a Roma e dintorni, ce ne sono a iosa. Dai salotti, sobri e infidi,dell’alta finanza ai ruvidi colloquicon la manovalanza del caravanserraglio politico. Non siamo proprio dalle stelle alle stalle, ma ci siamo vicini.

I messaggi a Enrico Letta che poteva tornare, mentre stava tranquillo e sereno a insegnare a Parigi, gli sono arrivati con il fumo, mandati dal Nazareno dove sono attendate, agguerrite e guerreggianti, le varie tribù del Pd che da anni non trovano pace. La prima notizia, a fargli credere di poter stare sereno, è che il suo acerrimo nemico non c’è più nel Pd, ma c’è il sospetto che quelli rimasti non è detto siano meglio. Anzi. Tuttavia il pio Enrico, con spirito missionario, proverà a conciliare gli animi e far tornare un po’ di serenità.Nel tempio c’è, ancora, più di un mercante. Certo lui non mi pare – così d’acchito – di essere un Cristiano Ronaldo, quello dei gol, piuttosto ricorda molto Comunardo Niccolai, quello degli autogol. Ad occhio, credone abbia già fatti più d’uno. È vero da Parigi, prudente com’è, si è portato il cacciavite, ma potrà bastare? 

Non meno avventurosa e rischiosa è la missione di Giuseppe Conte. I 5 Stellenon sono solo sparpagliati, smarriti, in piena crisi esistenziale, sono pure evanescenti, pensate che non hanno nemmeno una casa,loro hanno il web, la rete, internet, vivono nel nulla. Una nuvola di enigmi in cui sono finiti parte dei dieci milioni di consensi del 4 marzo 2018. Hanno puntato su Conte perchéhanno visto, e ora sanno, che si sa adattare. Non è stato facile con Salvini e Renzi. Se si è saputo barcamenare con loro, lo potrà fare con tutti.  E, poi, è rimasto, indelebile, il ricordo gradevoledi una persona umile, quando, per il commiato dal governo e (provvisoriamente) dalla politica, triste e rassegnato, con un banchetto, nella piazza pressoché desertadi palazzo Chigi, ha dato l’arrivederci ai sostenitori, presenti e futuri. Per il dopo Covid, ci sono loro, la troika della salvezza.

Fortunato Vinci - www.lidealiberale.com - Agenzia Stampa Italia 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.