(ASI) “Finalmente i ministri Costa dell’Ambiente e Franceschini dei Beni Culturali hanno firmato l’atteso decreto che dichiara l’incompatibilità ambientale dell’allargamento dell’aeroporto di Fiumicino con la presenza della riserva naturale del litorale romano. Anche il governo Pd-M5S è costretto dall’evidenza a dichiarare inattuabile l’allargamento del sedime aeroportuale di Fiumicino perché devasterebbe la riserva.

E’ una battaglia che Fratelli d’Italia conduce da anni e che ha trovato sempre la dura resistenza della sinistra amica degli speculatori e dei Benetton concessionari di Adr. La decisione di oggi è anche il risultato delle dure battaglie condotte da FdI in questi anni. Solo poche settimane fa Fratelli d’Italia ha smascherato il ministro De Micheli che aveva inserito nel piano Italia Veloce il raddoppio dell’area aeroportuale di Fiumicino. E sempre poco tempo fa il governo era scappato dall’interrogazione orale al Senato proprio sulla riserva naturale del litorale romano aggredita dalla speculazione dell’aeroporto. Questo pronunciamento sia ora la pietra tombale sull’insensato allargamento di Fiumicino, in modo che le ingenti risorse risparmiate possano essere indirizzate al potenziamento di Fiumicino all’interno dell’attuale sedime, al miglioramento dei collegamenti tra l’aeroporto e Roma e alla realizzazione del terzo aeroporto del Lazio. Fratelli d’Italia continuerà a vigilare contro ogni tentativo di speculazione sull’area”. Lo dichiara in una nota il senatore di Fratelli d’Italia, Giovanbattista Fazzolari, responsabile nazionale del programma di FdI.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.