(ASI) Roma  - "Le motivazioni con cui Agcom ha multato la Rai, ipotizzando addirittura il danno erariale, sono una barzelletta che non fa ridere.
Non c'è traccia dell'intervista truffa di Conte su Erdogan e si colpisce ai limiti dello stalking il Tg2, come nel caso del servizio sull'omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega: si accusa il notiziario di aver parlato di due nordafricani come presunti responsabili dimenticandosi che l'ipotesi fu accreditata in principio da fonti ufficiali e che la stessa notizia venne ripresa quindi anche da Tg1 e RaiNews senza che questi vengano menzionati da Agcom. L’Autorità addirittura contesta sempre al Tg2 un’intervista all’ex Capo dei consiglieri della Casa Bianca, che è stato intervistato da tutti i media mondiali. Il fatto che poi il M5S risulti sotto rappresentato è solo la conseguenza di criteri di rilevazione soggettivi e da ristrutturare. E' evidente che M5S, Pd e Renzi abbiano rinviato di un anno il rinnovo delle cariche in Agcom per trasformarlo da autorità indipendente a tribunale politico. La multa è infondata. La Rai faccia subito ricorso".
 
Lo dichiarano con una nota i parlamentari della Lega in commissione di Vigilanza Rai Massimiliano Capitanio (segretario), Paolo Tiramani (capogruppo), Giorgio Bergesio, Dimitri Coin, Ettore Fusco, Igor Iezzi, Simona Pergreffi.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.