(ASI) “La vergognosa oltre che inconsistente replica dell’ufficio stampa di Junior Cally alle richieste di tutti i partiti politici di cancellare la sua partecipazione al Festival di Sanremo la dice lunga sulla volontà di confondere la vera arte con lo squallore e i rantoli di un rapper che parla sboccato e di temi che mirano alla sensibilità della persona col solo scopo di fare cassa. L’arte è fatta di suggestioni, creatività, armonie e distonie trasgressive, ma non di vaneggiamenti volgari che convincono l’immaginario collettivo a sdoganare stupro e atti violenti.

Junior Cally non può cantare a Sanremo, non con questi testi e questa filosofia. A chi ci accusa di denigrare la musica ‘trap’ rispondiamo che questo sproloquio non può essere considerato musica e che giovani “trasgressivi” come lui e Pippo Sowlo dovrebbero scegliere altri modi per far emergere il loro – a noi ancora nascosto – talento.”

Così in una nota Cinzia Pellegrino, Coordinatore nazionale del Dipartimento tutela Vittime di Fratelli d’Italia.

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.