Bilancio. Unione Inquilini : "Saggia decisione della maggioranza di governo di non procedere all'aumento della cedolare secca per contratti concordati dal 10% al 12,5%. Ora si proceda Piano casa e aumento della cedolare secca per contratti a libero mercato"

ui(ASI) "La decisione presa dalla maggioranza di non procedere all'aumento della cedolare secca per i contratti agevolati è  una saggia decisione.  Sarebbe stato un grave errore procedere ad innalzare la cedolare secca dal 10% al 12,5%, perché  avrebbe comportato un possibile aumento dei canoni di locazione agevolati colpendo famiglie, ma anche studenti fuorisede e lavoratori in mobilità costretti a stipulare contratti transitori."

" In Italia abbiamo due necessità impellenti: da una parte quella di  abbassare gli affitti privati indirizzando il mercato verso i contratti agevolati per ridurre gli sfratti che ancora oggi colpiscono 60.000 famiglie ogni anno con una sentenza di sfratto motivata al 90% da morosità,  figlia di un impoverimento delle famiglie e di affitti insostenibili, rendendo sempre più  appetibili i contratti agevolati aumentando almeno al 25%  o sopprimendo la cedolare secca sul libero mercato che non ha alcuna motivazione di esistere, tenuto conto che la cedolare secca comporta minori entrate fiscali per 2,2 miliardi di euro e che di questi 1,84 miliardi di euro restano nelle tasche del decimo più  ricco dei proprietari."

"Dall'altra è  sempre più  necessario  avviare quel piano casa promesso dal governo per aumentare l'offerta di alloggi di edilizia residenziale pubblica basato sul riutilizzo dell'enorme patrimonio immobiliare pubblico e privato inutilizzato, tenuto conto che in Italia sono 650.000 le famiglie nelle graduatorie aventi diritto ad una casa popolare."

"Un grande e vero piano casa di edilizia residenziale pubblica senza consumo di suolo."

"Questo ci aspettiamo dalla prossima legge di bilancio."

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.