×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
All'Ambasciata di Colombia presso la Santa Sede incontro con ex prigionieri delle Farc

(ASI) L’Ambasciata di Colombia presso la Santa Sede ha proposto, nel pomeriggio di mercoledì, un dibattito tra la stampa e sei membri delle forze pubbliche colombiane recentemente rilasciati dai guerriglieri delle Farc (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia).

L’Ambasciatore Cesar Mauricio Velasquez Ossa ha fornito una sintetica ma accorata introduzione all’argomento, profondamente sentito nel Paese latinoamericano. Egli ha affermato, in nome del Governo colombiano, che le pratiche adoperate dalle Farc - sequestri, attentati, omicidi - non favoriscono una soluzione pacifica a un conflitto che perdura ormai dal 1964, anno di fondazione del gruppo rivoluzionario. “Non esiste pace senza giustizia”, ha sospirato l’Ambasciatore, il quale ha inoltre voluto inviare un appunto neanche troppo velato a certi ambienti culturali europei, ammaliati da miti esotici di insurrezioni popolari. “La visione romantica che si ha, spesso, in Europa delle Farc è fuorviante e non confortata dalla realtà dei fatti”. Prima di concludere il suo intervento, Velasquez Ossa ha tenuto a sottolineare che i valori cristiani sono alla base dell’atteggiamento del Governo colombiano in merito a questo conflitto, dunque il dialogo e la propensione al perdono rappresentano pilastri della sua politica. Alle parole dell’Ambasciatore è seguito un breve intervento di Roberto Montoya, coordinatore di Mediatrends, Osservatorio indipendente che studia le tendenze dell'informazione internazionale. Montoya ha spiegato ai presenti la natura dell’impegno dell’Osservatorio di cui è coordinatore, dopodiché ha ceduto la parola agli ospiti d’onore della conferenza: i sei ex prigionieri delle Farc.

Ognuno dei sei, dopo una presentazione personale e del proprio grado militare, ha raccontato l’esperienza vissuta, ovvero le modalità del sequestro, il periodo di tempo passato in reclusione e le emozioni che hanno scandito le loro interminabili giornate. Alcuni di questi militari hanno passato quattordici anni della propria vita privati dei più elementari diritti, senza possibilità di incontrare i propri familiari e con una catena stretta al collo. Risale al febbraio 1998 il più lontano nel tempo dei sequestri raccontati, uno smisurato calvario che è finito soltanto lo scorso 2 aprile, data del rilascio. Le sofferenze subite sono, per questi uomini, cicatrici che nessuna retribuzione materiale può risanare, ma solo una fede profonda. “Gli unici conforti che ci hanno permesso di superare questi patimenti - ha spiegato commosso un militare - sono stati l’amore per Dio, per le nostre famiglie, per le Istituzioni che rappresentiamo, per la Colombia, per la sua stupenda gente e per tutto il mondo libero”. Essi hanno superato, non senza difficoltà, il trauma di questa esperienza, ritenendosi fortunati in quanto ancora vivi (a differenza di altri, che sono morti durante il sequestro) e privi di ferite psicologiche gravi. Molto emozionante la testimonianza di uno dei sei, un sottoufficiale dell’Esercito che ha espresso un messaggio di speranza: “Nella mia vita non avrei mai pensato di poter incontrare il Santo Padre. Ebbene, l’occasione così meravigliosa l’ho avuta grazie a questa esperienza negativa”. Come a dire, anche il più nefasto degli episodi può rivelarsi foriero di sorprese magnifiche. L’incontro con papa Benedetto XVI è avvenuto nei giorni scorsi in Vaticano.

Insieme ai sei militari presenti a questo dibattito, altri quattro sono stati rilasciati lo scorso 2 aprile dalle Farc. Il rilascio è avvenuto nella giungla, i prigionieri sono stati presi in consegna da due elicotteri dell’aviazione brasiliana. L’Ambasciatore Velasquez Ossa ha ringraziato il cardinale Dario Castrillón Hoyos, determinante negoziatore tra Governo e Farc ai fini del rilascio. Il conflitto tra le due parti prosegue da quarantotto anni, le Farc sono un’organizzazione di stampo socialista e bolivariano che contesta allo Stato politiche liberiste che penalizzano le fasce più povere della popolazione.

Federico Cenci – Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...

Veneto, Tabarelli (UGL Salute): "Su Arpa Veneto basta giochetti, si trovino soluzioni per il bene dei lavoratori"

(ASI) "Fondi contrattuali, pronta disponibilità, applicazione contrattuale fantasiosa, programma di formazione senza ECM, sono situazioni che hanno messo a dura prova i lavoratori di ARPA Veneto.        &...

Maltempo: Coldiretti, è allarme gelate per ortaggi e frutta. Il freddo arriva dopo un inizio 2024 più caldo di sempre con +2,04 gradi

(ASI) Con il crollo delle temperature è allarme gelate nelle campagne italiane, dove lo sbalzo termico rischia di causare gravi danni agli alberi da frutto, in primis ciliegie, albicocche e pesche, ...

M5S: da Meloni bugie e omissioni su AGI, par condicio e carcere a giornalisti

(ASI) Roma - “Parlando della situazione della libertà di stampa in Italia, Giorgia Meloni ha inanellato una serie di falsità e di omissioni che non sono degni di un presidente ...

Rischio idrogeologico: Mazzetti (FI), "Gettiamo le basi per nuova strategia di contrasto"

Lunedì 22 aprile convegno dell'Intergruppo "Progetto Italia" al Palazzo delle Professioni a Prato (ASI) Prato  – C'è un prima e un dopo l'alluvione di novembre: adesso è il momento di una ...

 Elezioni in Basilicata, UNCEM: costruire legami tra territori e sostenere i comuni insieme. la montagna è strategica per affrontare crisi demografica e climatica

(ASI)"La Basilicata che va al voto e che sceglie il Presidente e il Consiglio regionale deve avere una attenzione specifica per montagna e piccoli Comuni. Deve cambiare verso nell'investire ...

Europa League. Roma Milan 2-1. Le parole dei due allenatori De Rossi e Pioli

(ASI) Un match di straordinaria intensità ed importanza ha promosso in semifinale la Roma, che ora spera di riprendersi ciò che le è stato sottratto lo scorso anno. A questo però ...

Pd: Domani a Catania terzo incontro 'Impresa Domani' su Innovazione

(ASI) Domani, sabato 20 aprile, a Catania presso Isola Catania (Piazza Cardinale Pappalardo, 23), si terrà "Innovazione, Tecnologie, Intelligenze", terzo appuntamento del ciclo di incontri "Impresa Domani", che il Pd dedica alle ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113