Turchia, elezioni: Erdogan di nuovo presidente

(ASI) Ankara – Prima sindaco di Istanbul, poi diverse volte Primo ministro. Ora la riconferma a presidente della Repubblica per i prossimi cinque anni. Da oltre trent’anni, Recep Tayyip Erdogan è il protagonista incontrastato della vita politica turca.

La riconferma alla carica di capo dello Stato è arrivata domenica 28 maggio. Un evento tutt’altro che scontato, se si pensa che per la prima volta Erdogan è stato costretto a confrontarsi con il ballottaggio.

Il principale sfidante, Kemal Kilicdaroglu, è riuscito nell’impresa di riunire le molteplici forze laiche e socialdemocratiche in un’unica grande coalizione, l’Alleanza della Nazione. Ma nemmeno questa significativa mossa ha potuto scalfire i conservatori del Partito della Giustizia e dello Sviluppo, riunitisi nell’Alleanza del Popolo assieme a ultranazionalisti, islamisti e antifemministi.

Al secondo turno, la percentuale dei votanti si è ridotta di tre punti percentuali, attestandosi alla soglia dell’84%. Erdogan ha comunque totalizzato il 52% delle preferenze, staccando di meno di 5 punti le opposizioni.

Contestualmente si sono tenute le elezioni parlamentari, dove l’Alleanza del Popolo ha conquistato 323 seggi contro i 212 dei sostenitori di Kilicdaroglu. In Assemblea, le forze di opposizione hanno incrementato i seggi ottenuti rispetto alle consultazioni del 2018. Sono state superate, tuttavia, dalla coalizione di destra ed estrema destra nonostante il partito di Erdogan abbia perso una trentina di scranni.

Commentando a caldo gli esiti del ballottaggio, il presidente ha fatto appello al senso di responsabilità, promettendo di lavorare anche per chi non l’ha votato. “Oggi nessuno ha perso. Ognuno dei nostri 85 milioni di cittadini ha vinto. Non siamo offesi, risentiti o arrabbiati con nessuno. È tempo di lasciare da parte tutte le dispute e i litigi, di unirci e stringerci attorno ai nostri obiettivi e sogni nazionali”, ha affermato dinanzi ai sostenitori.

Eppure, oggi la Turchia è molto più divisa di quanto potrebbe apparire. Appesantito dalla crescita galoppante dall’inflazione, ferito dalle devastazioni del terribile terremoto dello scorso febbraio, lacerato dalle amare contese in tema di libertà fondamentali e diritti umani, il paese cerca di sopravvivere in eterno equilibrio fra Occidente e Oriente.

Erdogan ha promesso di lasciarsi guidare da due concetti chiave: fiducia esterna e stabilità finanziaria. Ha detto, cioè, di voler costruire “un’amministrazione economica solida” capace di combattere l’inflazione crescente. Ha parlato di investimenti corposi in molteplici settori dall'istruzione alla sanità, dai trasporti all'energia, dall'industria all'agricoltura. Ha fatto riferimento alla creazione di nuovi posti di lavoro.

Il tutto caratterizzato dal miglioramento della “reputazione internazionale” di Ankara, anche alla luce della ridefinizione degli equilibri globali innescata dalla guerra in Ucraina. “La Turchia avrà una forza molto significativa e acquisirà il ruolo che le spetta. Opereremo in modo più attivo sui canali politici e diplomatici”, ha dichiarato.

Il capo dello Stato ha illustrato il suo progetto di rendere la Turchia un punto di riferimento internazionale nello stoccaggio e smistamento delle fonti energetiche. Ha annunciato, in merito, massicci investimenti interni ed esteri nei settori dei trasporti e dell'energia.

Kemal Kilicdaroglu, dal canto suo, ha fatto sapere di voler mantenere in vita la coalizione di opposizione, continuando a guidarla in prima persona. Lo sfidante ha criticato aspramente quello che definisce un “governo autoritario”. Ha bollato le consultazioni appena concluse come “le più ingiuste degli ultimi anni”, denunciando un sistema fin troppo sbilanciato a favore di Erdogan.

Ha poi puntato il dito contro le ingiustizie di un’economia sempre più fragile: “Il mio cuore non può permettere che i nostri figli vadano a letto affamati e che i negozianti si indebitino. Siamo tutti una sola famiglia”. Per il capo del Partito Popolare Repubblicano, c’è in ballo l’esistenza stessa della democrazia: “Come vostro amico, vostro figlio, vostro zio, come persona di questa terra ho sempre combattuto per i vostri diritti e continuerò a sostenere la lotta per la democrazia per i bambini, per il popolo, per i pensionati e per gli agricoltori”.

D’altronde, sono varie le criticità con cui Erdogan è chiamato a misurarsi. Vi è la controversa gestione del drammatico terremoto che ha flagellato il paese. A ispirare la sua coalizione c’è poi una visione religiosa e sociale spiccatamente conservatrice, ispirata ai valori dell’Islam sunnita. Una visione che – assai lontana dall’impronta laica del padre fondatore Ataturk – danneggia le minoranze religiose, la comunità omosessuale, le donne. Basti pensare, a titolo di esempio, alla clamorosa decisione di riconvertire in moschea la celeberrima Basilica di Santa Sofia. O all’eclatante uscita dalla Convenzione internazionale contro la violenza alle donne. Per amara ironia della sorte, il trattato venne firmato proprio a Istanbul, nel 2011.

E che dire delle ambiguità nelle relazioni Est-Ovest, prepotentemente riemerse in seguito al conflitto in Ucraina. La Turchia – membro della Nato – sta bloccando ormai da mesi l’allargamento dell’organizzazione alla Svezia. Alle radici del veto, la disputa con Stoccolma sull’estradizione dei curdi, considerati pericolosi terroristi da Ankara.

Non solo. Il paese che è riuscito a scongiurare una crisi alimentare mondiale ottenendo un accordo importantissimo sull’esportazione di milioni di tonnellate di grano bloccate in Ucraina è, in fondo, il medesimo paese che ha affidato ai russi il ricchissimo progetto di estensione e ammodernamento della centrale nucleare di Akkuyu.

E se i capi di Russia e Iran sono stati fra i primi a congratularsi per la rielezione, nemmeno i principali vertici dell’Occidente hanno perso tempo, sfruttando l’occasione per richiamare Erdogan a cooperare concretamente.

Il presidente statunitense Joe Biden ha esortato a “lavorare insieme come alleati della Nato”. La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha definito “di importanza strategica” i rapporti fra Bruxelles e Ankara. Da Kyiv, persino Volodymyr Zelensky ha voluto incoraggiare il collega a “sviluppare la cooperazione per la sicurezza e la stabilità dell'Europa”.

Al di là di promesse, avvertimenti e accuse reciproche, il destino della Turchia non è mai stato così in bilico fra Est e Ovest, fra oscurantismo e libertà, fra autoritarismo e democrazia.

Marco Sollevanti – Agenzia Stampa Italia

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Cina e Perù: Il Megaporto di Chancay e le sue implicazioni geopolitiche

(ASI) La Cina è pronta a inaugurare un megaporto nella città di Chancay, Perù, un evento che potrebbe trasformare radicalmente gli equilibri geopolitici e commerciali dell'America Latina.

Benvenuti all’Hotel Abisso. L’Europa e il tramonto dell’Occidente

(ASI) Benvenuti all’Hotel Abisso: si chiama Europa. L’Europa è lo specchio del tramonto dell’Occidente. Tema logoro, merita un aggiornamento.

Caporalato, delegazione Pd a Latina domani con Schlein  

(ASI) Il Pd parteciperà oggi a Latina alle 17 alla manifestazione contro il caporalato. La delegazione, guidata dalla segretaria Elly Schlein sarà composta da Marta Bonafoni, Annalisa Corrado, Alfredo D'Attorre, ...

Pubblica Amministrazione, CGIA Mestre: pagamenti lumaca, in particolare al Sud.  A soffrire sono le PMI

(ASI) Tra acquisti, consumi, forniture, manutenzioni, formazione del personale e spese energetiche, nel 2023 lo Stato italiano ha sostenuto un costo complessivo di 122 miliardi di euro[1].

Foad Aodi (Amsi): Negli ultimi 5 anni si assiste ad un pericoloso e drammatico aumento del 42% degli infortuni sul lavoro ai danni di cittadini stranieri. È il fallimento della politica!

Amsi-Uniti per Unire: escalation di morti e incidenti sul lavoro tra i cittadini stranieri. La triste e drammatica realtà della schiavitù moderna è sotto i nostri occhi in Italia. Chiediamo giustizia ...

Lorefice (M5S):Gela Commemora Salvatore Aldisio con il Patrocinio del Senato della Repubblica

(ASI) Sono lieto di annunciare che, in occasione della commemorazione per i 60 anni dalla scomparsa del nostro illustre concittadino, il Senatore Salvatore Aldisio, che si terrà a Gela il ...

Luca Iemmi eletto presidente FISM. Gli auguri del Ministro Giuseppe Valditara

(ASI) "Congratulazioni a Luca Iemmi per la sua elezione a Presidente FISM. A lui i miei più cari auguri di buon lavoro" Lo scrive su X il Ministro dell'Istruzione e ...

Giustizia, Gasparri: andremo avanti con riforma

(ASI) “Rattrista e infastidisce, ma non preoccupa l'atteggiamento dei Santalucia e dei vari correntocrati della magistratura e dell'Anm. Andremo avanti con la riforma.

GDF: Albano (FdI), auguri al Corpo per i 250 anni di storia gloriosa al servizio dell’Italia

(ASI) Roma – “In occasione del 250° anniversario della sua fondazione, porgo i miei più sentiti auguri alla Guardia di Finanza, una Forza militare dello Stato che si è distinta per dedizione, professionalità ...

Spazio. Colombo (FDI), l'Italia é in prima linea

(ASI) “Grazie al lavoro del Ministro Urso, l'Italia ha la sua prima legge quadro sulla Space economy, che porterà la Nazione in prima linea nel settore spaziale. Per il nostro ...