Istituto Friedman: preoccupazione per democrazia e stato di diritto in Moldova

(ASI) Roma - "Ultimamente seguiamo con preoccupazione lo sviluppo dello Stato di diritto nella Repubblica di Moldova, Stato che ha recentemente ottenuto lo status di candidato all'integrazione nell'Unione europea.

Le recenti azioni dei partiti democratici eletti e dei suoi membri, compresi i membri del Parlamento moldavo, sono state, a prima vista, attaccate da valori fondamentali relativi al rispetto dei principi democratici fondamentali dello stato di diritto, come pluralismo di opinione, multipartitismo, diritto di associazione e di riunione e diritto a un sistema giudiziario equo ed equo, che osservi pienamente il diritto e tuteli i diritti e le libertà dei cittadini.

Vorremmo sottolineare il fatto che attualmente c'è un solo partito al potere nella Repubblica di Moldova, il Partito di Azione e Solidarietà (PAS), che è pubblicamente dichiarato europeista. Il leader fondatore di questo partito, il presidente Maia Sandu, è a capo del Paese e rimane estremamente influente in termini di processo decisionale all'interno di questo partito e del governo che rappresenta, a prescindere dalla separazione dei poteri. Vale anche la pena notare che il presidente Maia Sandu e la PAS godono di un enorme sostegno da parte delle istituzioni europee, che gli hanno dato un credito di fiducia e che finora hanno reagito molto timidamente quando il governo di Chisinau ha commesso errori o apparentemente abusato del suo potere.

Sebbene nelle cancellerie occidentali il governo moldavo sia percepito come equo e anti-corruzione, alcune delle sue azioni sollevano seri interrogativi e richiedono un monitoraggio molto più attento. Ad esempio, la cosiddetta riforma della Procura, che ha portato alla rimozione del Procuratore generale, è stata realizzata con gravi carenze procedurali e regole generalmente non accettate. Lo ha notato anche lei, alla Commissione di Venezia, che ha espresso parere negativo sulle modifiche apportate ed ha formulato una serie di raccomandazioni che sono state ignorate dalla maggioranza parlamentare di Chisinau. Un altro elemento di prova che conferma i presunti abusi è la nota emessa dalla Corte europea dei diritti dell'uomo, che raccomandava alla Moldova di rivedere le sue decisioni sulla destituzione del Procuratore generale, suggerendo che, in caso contrario, vincerà la sua causa presso la CEDU.
 
Un'altra riforma controversa riguarda l'attività radiotelevisiva della Moldova, che ha consentito al partito al governo di subordinarvi tutte le emittenti radiofoniche e televisive pubbliche, ma ha anche messo in enorme svantaggio i media critici nei confronti dell'attuale governo. Questo fatto è stato rilevato anche dal Consiglio d'Europa, che ha deciso, a seguito di queste azioni, di porre la Repubblica di Moldova sotto un monitoraggio speciale, il che significa che la democrazia in questo paese si sta deteriorando invece di evolversi.
 
La parte più preoccupante, tuttavia, è l'atteggiamento del governo PAS nei confronti dei partiti di opposizione, in particolare i partiti parlamentari, che sono emarginati, intimiditi e privati del diritto di iniziativa. Tuttavia, in uno Stato democratico, l'opposizione ha un ruolo importante quanto quello del governo, e il suo compito è denunciare ogni abuso o errore da parte della maggioranza e mantenere vivo lo spirito critico nella società, al fine di garantire equilibrio di potere e principio di rappresentatività.
 
Inoltre, a quanto pare, stiamo assistendo a una vera campagna per annientare le forze di opposizione, attraverso perquisizioni, detenzioni, arresti, prevenzione del diritto alla protesta e altri casi. A riprova di ciò, abbiamo la detenzione e la successiva custodia cautelare in un famigerato carcere di Chisinau di una delle figure di spicco dell'opposizione parlamentare, la deputata al Parlamento, la signora Marina Tauber, che è anche vicepresidente del ' SHOR', la terza forza politica della Repubblica di Moldova. Allo stesso tempo, sono stati effettuati ampi controlli sul partito, con membri e attivisti del partito perquisiti, spogliati dei loro averi e in alcuni casi detenuti da polizia, agenti anticorruzione e agenti dei servizi di intelligence e sicurezza.
 
Senza voler essere coinvolti nel processo giudiziario nella Repubblica di Moldova, non possiamo trascurare il fatto che tutte queste azioni sembrano essere svolte su istruzione diretta della leadership statale, compreso il presidente Maia Sandu, cheha parlato apertamente e ripetutamente che uno dei loro obiettivi fondamentali è mettere fuori legge il partito in questione e condannare al carcere i suoi dirigenti .
 
Attiriamo la vostra attenzione sul fatto che, in uno Stato democratico governato dallo Stato di diritto, gli unici tribunali che determinano lo status di una persona e vietano l'attività di determinate entità politiche sono i tribunali e non gli attori politici, in particolare quelli al potere. 
 
È nel nostro interesse, nell'interesse dell'Unione europea e della più ampia comunità europea che i potenziali membri dell'area comunitaria condividano i nostri valori comuni e rispettino, in primo luogo, i diritti umani e le libertà fondamentali.” 
 
Così dichiarano Alessandro Bertoldi e Stefano Valdegamberi, rispettivamente Direttore esecutivo dell’Istituto Milton Friedman e Consigliere regionale del Veneto del Veneto (Italy), anche socio del medesimo Istituto, che insieme ad altri politici ed esponenti di associazioni e istituzioni hanno sottoscritto una lettera rivolta al Consiglio d’Europa per portare attenzione sulla situazione in Moldavia.
Tags
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Elezioni, Jonghi Lavarini: cresce l'astensionismo. L'elettorato premia la Meloni, crolla la Lega, tiene Forza Italia e il PD va all'opposizione

(ASI) Si sono svolte le elezioni politiche il 25 settembre. Crescono ancora sia l'astensionismo, quindi la sfiducia degli italiani nel sistema, che la volatilità del restante elettorato che, ad ogni elezione, ...

The rose Trilogy – La trilogia delle rose di Maria Tedeschi

(ASI) Castellammare di Stabia (Na) – Dopo il grande successo de La rosa gialla, opera in versione audible, The Rose Trilogy – La Trilogia delle rose, è l’ultima fatica letteraria di ...

Cina, Russia e gli altri. Politica estera rischia ulteriore deriva ma governo dovrà fare conti con realtà

(ASI) Con il trionfo di Fratelli d'Italia e della sua leader Giorgia Meloni alle ultime elezioni politiche italiane, il Belpaese vira decisamente verso destra. Il 26% raccolto dalla formazione di ispirazione ...

Elezioni, gli elettori bocciano il fronte del dissenso diviso. Unito con il 3,85% sarebbe entrato in Parlamento

(ASI) Il fronte del dissenso, che era stato molto unito nelle grandi manifestazioni di piazza durante il periodo della contestazione popolare contro l’obbligo vaccinale e la politica del governo ...

Cuzzupi (UGL): Risultati elettorali, e adesso si lavori per costruire il futuro

(ASI) “Adesso è il momento di costruire il futuro. Questa deve essere la parola d’ordine del Parlamento che scaturirà da questa tornata elettorale. I risultati non lasciano ombra di dubbi: ...

 Mario Adinolfi: Il nostro percorso continua

(ASI) Anche questa è fatta. A chi profetizzava “zero voti” rispondiamo ringraziando le decine di migliaia di italiani che ci hanno scelto tra tutti, nella difficoltà di una presenza a macchia ...

Sanità, De Palma Nursing Up: con i rincari energetici, gli infermieri italiani rischiano di trovarsi coinvolti nel disastro  sociale e di diventare nuovi poveri. 

(ASI) Roma - «Mesi fa, quando ancora le contingenze economico-finanziarie del nostro Paese, seppur gravi, non erano arrivate a toccare lo stato di emergenza attuale, il nostro sindacato fu il ...

Elezioni, Mannello: Astensionismo, primo partito

(ASI) "Ho vinto io, assertore convinto dell’astensionismo" scrivevo già nel 2015, in occasione delle elezioni regionali.  Stamane, con il dato ufficiale del 36% di cittadini italiani che hanno scelto, legittimamente, ...

Politiche, Tavernise (M5S): "Movimento prima forza politica in Calabria anche grazie al lavoro in Regione"

(ASI) Corigigliano Rossano (Cosenza) – "C'è un dato politico chiaro in Calabria: il M5S è la prima forza politica della regione. I seggi all'uninominale contesi nella provincia di Cosenza e ...

Wizz Air abbandona lo scalo aereo di Palermo, intervengono Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti e Ugl T.A.

(ASI) Aeroporto Falcone Borsellino: le Segreterie Regionali FILT CGIL, FIT CISL,  UILTRASPORTI e UGL Trasporto Aereo, a seguito della notizia della chiusura  da parte di Wizz Air della ...