×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Estero. Afghanistan il perché è difficile portare la pace in quel paese

(ASI) La recente uccisione dell'alpino italiano Matteo Miotto, avvenuta in Afghanistan,  proprio l’ultimo giorno dell’anno 2010, porta ad un totale di 34 soldati italiani caduti in questa missione.


L’ennesima vittima italiana ci spinge, proprio all’inizio del 2011, a fare una serena riflessione e riportare l’attenzione sulla reale situazione in atto in quella terra e sui risultati raggiunti finora dall’Operazione Enduring Freedom dal 2001 ad oggi.
Premesso che, con ben 711 morti in terra afgana, l’anno 2010 segna il primato  dei morti dei militari della coalizione. Il prezzo di sangue più alto pagato dall'inizio della operazione. Inoltre già dal primo giorno del 2011 si segnalano altre 2 uccisioni che portano dal 2001 ad oggi ad un totale di 2.283 vittime  fra i soldati stranieri. 1
A questo triste riscontro va aggiunto il fatto che gli insorti non accennano a diminuire, anzi aumentano, i loro attacchi verso i militari della coalizione. Sorge spontanea una domanda come si può interrompere questa infeconda scia di sangue.
Se a ciò includiamo e  non sottacciamo, un’altro amaro dato che vede un alta percentuale di soldati, la cui cifra è indecifrata, ma che sicuramente è rilevante,  essere rimasti vittime pure degli effetti collaterali (feriti, mutilati e distrutti a livello psichico) derivatagli da questa dura esperienza di guerra, allora cominceremo a vedere e valutare l’intervento straniero in terra afgana con gli occhi, della realtà e non più con le fuorvianti parole della falsa retorica.
Infine se  a quanto rilevato, aggiungiamo pure il numero enorme e, comunque, spropositato degli inermi civili morti in seguito a questa operazione militare, allora prenderemo atto che oltre ad essere un insuccesso sotto ogni punto di vista, si è trattato di un disumano impegno bellico che ha prodotto solo morte, sofferenza, lutti e distruzione. Non la tanto decantata democrazia e la pacificazione del popolo afgano.
Gli esiti devastanti e negativi sono sotto gli occhi di tutti e il Paese asiatico oggi è più che mai insicuro e politicamente instabile, mentre, per converso, nonostante la massiccia presenza di numerosi eserciti stranieri sul territorio afgano, se della pace ce ne è poca, in compenso, cresce la produzione dell’oppio.
Di più, il cosiddetto modello democratico occidentale, non è detto che sia “trapiantabile” ovunque e sia la giusta soluzione da adottare in ogni lembo del globo.  Mentre una cosa è certa, la democrazia non si esporta mai, tantomeno lo si deve fare con le armi. Infatti, i valori fondanti della libertà e della democrazia si conquistano  individualmente  negli anni e si radicano nella coscienza di un popolo  nel tempo.
Per cui è cosa sbagliata  volerli imporre con la forza e rapidamente. Si è pagato un costo umano altissimo, peggiorando le cose, con il risultato di trovarsi ancora impantanati e in un vicolo cieco, rendendo inconsistenti le prospettive di venire fuori da questa intrigata, triste situazione in tempi brevi.
Infine, alla luce di queste argomentazioni che presuppongono altre forme d’intervento da parte dell’occidente, altre sincere azioni diplomatiche.
La storia ci insegna che nel martoriato Afghanistan l’opzione degli eserciti, in epoca diverse, ha visto perdere sul campo, prima  inglesi, russi e american, adesso quelli della coalizione composta da 28 nazioni.
Necessitano altre soluzioni che presuppongono il coinvolgimento di tutte le parti in lotta e la reale volontà di portare pace a questo tormentato Paese asiatico. Allo stesso modo ci si deve interrogare anche come si possa riportare sani e salvi i numerosi soldati che ora si trovano, in uno scenario di estremo pericolo, ad operare in terra afgana.
A tal proposito segnalo il seguente importante articolo apparso di recente su http://italian.irib.ir/
Il cui titolo è: Le 10 bugie più grandi degli Stati Uniti sulla guerra in Afghanistan, e il cui testo in italiano lo trovate collegandovi a: http://italian.irib.ir/notizie/mondo/item/87693-le-10-bugie-più-grandi-degli-stati-uniti-sulla-guerra-in-afghanistan
Il contenuto di questo pezzo ci svela un’altra verità e cosa si celava dietro  i “buoni propositi” dell’ Enduring Freedom. Bugie usate per manipolare le coscienze degli uomini e condizionare le loro opinioni? Non sarebbe la prima volta, purtroppo è un metodo  sperimentato e ancora in uso in America (da Pearl Harbor alle armi di sitruzione di massa di Saddam).
In ogni caso, il bravo lettore deve verificare sempre tutto ciò che legge, approfondire e cercare, più fonti dirette e con giudizio e cognizione di causa, formarsi una sua opinione.
Pericoloso è  farsi fuorviare dalle suadenti parole che, in realtà, nascondono infimi progetti spacciati per l’affermazione di principi quali: democrazia, libertà, progresso. Paraventi dietro i quali si nascono i più spregiudicati personaggi e si commettano i più efferati delitti. Si rischia di scambiare la verità per la bugia e il nemico per amico.



Nota
1 Per avere una situazione più precisa e aggiornata sul numero delle morti dei soldati stranieri in Afganisthan consultare  il sito: http://icasualties.org/OEF/index.aspx  
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Nord Corea, missile sul Giappone: cittadini nei rifugi

(ASI) Sale la tensione in Asia.  La  Corea del Nord ha lanciato, questa notte, un nuovo missile. Secondo quanto si è appreso, si tratterebbe di un Irbm ...

Ucraina, Russia: “Basta armi, o rischio guerra diretta contro la Nato”

(ASI) I dispositivi bellici, che gli Stati Uniti forniscono all’esercito di Kiev che combatte contro le truppe del Cremlino, stanno aumentando il rischio di un possibile “scontro militare diretto”&...

Governo, verso un ritorno del Ministero del Commercio Estero. L’imprenditore Lorenzo Zurino in pole position tra i papabili ministri

(ASI) Nel totoministri che impazza in queste ore o, meglio ancora, sul tavolo dei ragionamenti di natura politica e strategica relativi al prossimo assetto che la premier in pectore Giorgia ...

PD: Boccia, Letta chiamato da Parigi dopo caduta Governo giallorosso e crollo Dem. Merita massimo rispetto

(ASI) “Il Segretario Enrico Letta è stato chiamato da Parigi dopo la caduta del governo giallorosso e con il Partito democratico che era drammaticamente crollato al 15%.

Nappi (Lega): sicurezza al centro dell’azione politica a tutti i livelli

(ASI) “La 72enne vittima prima di rapina e poi ricoverata in ospedale perché caduta battendo la testa sul selciato dissestato, conferma la drammaticità della situazione napoletana e campana anche sul ...

Veneto, Elisa Venturini: su trasporto pubblico intervenga la Regione

(ASI) "La situazione di grande difficoltà nel trasporto pubblico locale non può essere una sorpresa perché da tanto tempo si stanno susseguendo problemi di varia natura che finiscono per ripercuotersi ...

DL Aiuti-Ter, Pallavicini (Confcommercio Salute): “Un tavolo con Stato e Regioni sul tema risorse e per un’analisi organica del socio sanitario

(ASI) Roma - “L’apertura del Governo alle strutture sanitarie del privato accreditato tramite il riconoscimento alle stesse, con il Decreto Aiuti-ter, del diritto ad accedere alle risorse destinate ...

M5S Europa: in 13 anni abbiamo rivoluzionato la politica italiana 

(ASI) “Il 4 ottobre 2009 dall’intuizione rivoluzionaria di Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio nasceva il Movimento 5 Stelle. In questi tredici anni abbiamo dimostrato che in Italia è possibile fare politica mettendo ...

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "Dal 2023 il 30% di Energia Idroelettrica in meno se non si ferma la legge sul deflusso ecologico voluta dall'Europa, facendo aumentare la dipendenza dell'Italia. Il nuovo Governo intervenga con urgenza".

(ASI) In un momento tragico sul fronte dei costi dell'energia, la principale fonte rinnovabile,  l'energia idroelettrica, rischia il prossimo anno di avere un calo di produzione di circa il 30 ...

Festa di San Francesco. Omelia del Card. Matteo Zuppi, Presidente della CEI

(ASI) Assisi - La Parola di Dio parla sempre a noi e di noi. Parla oggi e ci aiuta a capire i segni dei tempi e questi ci aiutano ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113