Caro Berlusconi, la nostra destra è diversa da quella di Trump? Anche del fascismo si diceva che era diverso dal nazismo

maimone1

 

 

 

 

 

 

Lettera di Biagio Maimone

Caro Silvio Berlusconi,
mi spiace contraddirLa circa le Sue affermazioni secondo cui la destra italiana sia diversa da quella che ha assaltato, negli Stati Uniti, il Campidoglio.
Forza Italia, certamente, diversa lo è e sono convinto ciecamente che gli elettori del Suo partito non farebbero assalti alle sedi delle istituzioni, tuttavia, sento la necessità di chiederLe se la stessa cosa possa affermarsi per i sostenitori dei partiti, di cui Lei è alleato.
Lei è un liberale, è vero, ma non i Suoi alleati, Salvini e Meloni, i quali incarnano una visione sovranista e populista della politica, la stessa dell'ex Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ora condannato da tutto il mondo.
Come ho sempre sostenuto e, per tale ragione, sono stato attaccato ed insultato, il sovranismo è l'anticamera del totalitarismo.
Come Lei ben sa, si diceva che il fascismo italiano non sarebbe mai diventato come il nazismo tedesco. Purtroppo, la storia ci insegna che non è andata così.
Le destre estreme, purtroppo, prima o poi, manifestano la loro vera identità, ossia la prepotenza e la violenza, solo inizialmente verbale.
Ciò si può constatare anche in Italia ascoltanto le dichiarazioni di alcuni politici delle destre che si permettono, indisturbati, di offendere mediante l'utilizzo di definizioni di carattere razzistico, del tipo "gay", "negri" o "sudici meridionali", a cui segue la violenza fisica, agita mediante azioni violente e guerre per rivendicare il proprio odio sociale.
Tale modalità di vivere la relazione con gli avversari è stata dimostrata negli Stati Uniti, in cui i sostenitori di Trump, che è sovranista, hanno assaltato il Campidoglio, fracassando tutto quello che trovavano lungo il loro percorso.
In tale rapapresaglia hanno perso la vita ben 5 persone.
E' stato un efferato attacco alla democrazia, che denota, difatti, l'agire violento dei sovranisti.
Si può affermare allora, senza paura di essere smentiti, che il sovranismo sia l'anticamera del totalitarismo.
Che ci piaccia o meno, è così.
In Italia si teme la stessa violenza da parte di gruppi estremistici di destra, che hanno già dimostrato, anche se in modo diverso, che ogni volta che sono scesi in piazza hanno seminato disordine e scompiglio.
Cosa succederà? Si teme un'altra marcia su Roma? Noi italiani, democratici ed anche liberali, speriamo proprio di no.
La vittoria di Joe Biden negli Stati Uniti dimostra che il populismo, a livello globale, è stato ridimensionato e che i popoli, anche quello americano, anelano alla democrazia, al superamento della rozzezza umana, della violenza e di tutti quei disvalori che caratterizzano la visione populistica della politica e, conseguentemente, della vita.
Presidente, Le consiglio - e lo faccio ormai da lungo tempo - di sganciarsi da chi, in Italia, ha sposato il pensiero sovranista, che guarda caso, sono i suoi stretti alleati di destra, Matteo Salvini e Giorgia Meloni.
Lei è democratico e liberale. E proprio per questo c'è da chiedersi: "Cosa li unisce a quei due sovranisti?".
"La nostra destra è diversa" Lei sostiene. Ma ne siamo sicuri?
Ci chiediamo, inoltre, fino a quando Lei riuscirà a tenere a freno i suoi due alleati?
Il popolo italiano democratico, ora, vive nella paura di vedere nuovamente
l'affermazione della violenza di una nuova dittatura.
La vittoria di Biden segna il ritorno sulla scena politica dei democratici, dei moderati, anche di fede cattolica, voluto dal popolo, stanco delle vessazioni dei sovranisti, che hanno seminato discordia e povertà e che non si sono preoccupati di debellare la pandemia, che hanno preferito negare, con la conseguenza che essa dilaga indisturbata.
Lei non può più eludere, ormai, la necessità di cercare una nuova alleanza politica.
Sta nascendo un nuovo centro democratico, che darà vita ad una nuova democrazia aperta al mondo laico e cattolico, all'Europa, fondata sulla cooperazione economica e sull'intento di eliminare le disuguaglianze.
Il mondo sta cambiando e l'Italia anche dovrà cambiare e, per farlo, non potrà che ispirarsi al nuovo modello di democrazia, che balza sulla scena politica, dimostrando che, senza i suoi principi, l'universo va alla deriva.
Biden è l'uomo della speranza. Ad egli e al suo modo di intendere la politica e la vita guarda il mondo intero ed anche l'Italia, in cui sorge la "Nuova Democrazia", corrente di pensiero e di impegno socio-umanitario, che non esclude l'impegno politico.
La democrazia, la solidarietà, la cooperazione, la fratellanza e l'umanità saranno gli antichi e nuovi valori per far rinascere l'intero universo, sofferente per la pandemia e per i danni da essa derivanti.
Non più un'economia selvaggia, ma un'economia dal volto umano dovrà essere il fine dell'impegno degli uomini della democrazia, al fine di contrastare gli uomini del dominio assoluto, che negano la centralità dell'essere umano, la cui conseguenza nefasta salta agli occhi di tutti.
Berlusconi, si allontani e lo faccia subito, da chi vuole dominare il nostro Paese ricorrendo alla sottocultura del totalitarismo e del razzismo, che crea solo il male che dilaga irrefrenabile. Siamo certi che vi sarà una svolta e che artefice di tale svolta sarà la nuova democrazia.

 

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Sardegna, Licheri(M5S): "Il Centrodestra ci ha dato una grossa mano scegliendo Truzzu. Todde competente e brava ma è stata l'ultimissima scelta"

(ASI)“Che il centrodestra ci abbia messo del suo, mi pare indubitabile. Ci hanno dato una grossa mano, non solo perché in questi cinque anni il centrodestra ha veramente fatto ...

Sardegna, Mulè(FI): "Impariamo dagli errori e marciamo compatti verso la scelta del candidato in Basilicata" 

(ASI) In merito all'esito delle votazioni regionali della Sardegna si riportano le dichiarazioni rilasciate a Radio Cusano dal vicepresidente della Camera Giorgio Mulè, esponente politico di Forza Italia. 

Cangianelli (FIPE): per il gambling regolamentato parliamo di digitale, non solo di online

(ASI) Emmanuele Cangianelli, Presidente di EGP, organizzazione di categoria di FIPE Confcommercio degli esercizi pubblici che offrono giochi in concessione (bingo, scommesse, apparecchi da intrattenimento)

Incentivi alle Imprese, Bando ISI INAIL 2023: compilazione delle domande dal 15 aprile 2024

(ASI) Pubblicato il calendario dei prossimi adempimenti legati al bando ISI 2023, l'agevolazione che garantisce finanziamenti a fondo perduto per migliorare la sicurezza sul lavoro.

I tre indizi che fanno una prova dell’inquietante trojan che abbiamo addosso e ci segue ovunque

(ASI) “Un indizio è un indizio, due indizi sono una coincidenza, ma tre indizi fanno una prova”. Era quello che sosteneva Agatha Christie, la famosa scrittrice, regina del giallo. Mi è tornata ...

Missione del Ministro Tajani a Zagabria per partecipare alla sesta riunione del Comitato di coordinamento dei Ministri di Italia e Croazia

(ASI) Il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, è in missione a Zagabria per la sesta riunione del Comitato di coordinamento ...

Scuola: Marti (Lega), bene misure approvate in CdM tra cui proroga contratti ATA

(ASI) Roma - “Bene le misure del MIM contenute nel nuovo decreto legge del Pnrr e approvate in Consiglio dei Ministri. Grazie a un lavoro puntuale e in costante sinergia ...

Confcommercio su regolamento ue imballaggi: rischio pesanti effetti su filiere produttive e distributive, modificare norme

(ASI) Il nuovo regolamento Ue sugli imballaggi, che sarà discusso in sede di trilogo ad inizio marzo, desta molte preoccupazioni e, in assenza di modifiche significative, rischia di travolgere interi ...

Pavanelli (M5S): “Sardegna, vittoria storica per Todde e il M5S”

“Alessandra Todde è la prima Presidente di Regione del M5S e la prima donna alla guida della Regione Sardegna. Si tratta di un risultato storico. (ASI) II cittadini sardi hanno ...

L’Economia della cultura come fattore di sviluppo. Gianni Lepre, “una grande opportunità per Napoli e il Mezzogiorno”

(ASI) L’Economia della cultura come fattore di sviluppo, questo il titolo del Convegno che si svolgerà a Napoli il prossimo 28 febbraio nella splendida cornice di Palazzo Fuga.