castelofrankenstein(ASI) Quando si parla di scienziati pazzi, esperimenti macabri, mostri associamo il tutto alla figura, al personaggio di Frankstein. Ma il nome tedesco ha una storia che risale secoli prima che Mary Shelley scrivesse il suo famoso romanzo.
Con il termine "Frank" veniva designata un'antica tribù germanica e "Stein" significava “pietra”: molti toponimi hanno “stein” come suffisso in Germania. Ma il luogo più associato con il romanzo di Shelley è il castello di Frankenstein , 400m seduto sopra la valle del Reno nel Odenwald, una catena montuosa alberata nel sud della Germania con vista sulla città di Darmstadt: il castello sulla collina del 13 ° secolo è stata a lungo avvolta nel folklore e mito.

Nessun residente era più famoso di Johann Konrad Dippel. Nato nel castello nel 1673, alla fine divenne il suo alchimista ufficiale. Dippel si dilettava nel preparare elisir e nello sperimentare e trovare l’elisir di lunga vita se non della immortalita’.

Il tutto lo faceva su cadaveri di animali creando "Dippel’s oil " fatto di un distillato di corna, sangue, pelle e avorio. Egli sosteneva che tale intruglio nero fosse l’ "elisir di lunga vita" e potesse curare tutto dalla epilessia al comune raffreddore. Mentre non c'è alcuna prova che furono fatti effettivamente esperimenti come la fantasia afferma su cadaveri umani, Dippel invece ebbe un forte interesse per l'anatomia e scrisse giurando a se stesso che sarebbe stato capace di trasferire l'anima da un corpo ad un altro con l'uso di un imbuto, tubo flessibile e lubrificante.

Dippel morì d'infarto nel 1734 (appena un anno dopo la pubblicazione di un saggio ove affermava che sarebbe vissuto fino a 135), ma molti ipotizzano un avvelenamento come punizione per la sua impopolarità con la gente del posto.

Tutto questo non ha fatto altro che implementare le visite al castello che cadde in rovina nel 1700. Fu successivamente restarurato nella metà del 19 ° secolo, con le due torri a punta di spicco assumendo un aspetto gotico romantico di ispirazione che era popolare in quel momento. Ancora intatte le pietre delle pareti inferiori e parti del ponte levatoio originale nonché appaiono ben segnalati i sentieri dei boschi intorno alla rovina con ricchezza ed abbondanza di foraggi e prodotti tipici. Avere paura nel visitare il castello di Frankstein diventa un po 'più facile ogni ottobre, quando le rovine spettrali ospitano una delle più grandi feste di Halloween della Germania.

Cio’è duvuto alla tradizione esportata dagli americani durante la seconda guerra mondiale che ebbero stanza nella vicina base aerea di Rhein Mein. Celebrare annualmente Halloweeen era diventato un po 'troppo chiassoso per la caserma, e quindi dal 1978 i soldati hanno spostato la loro tradizione direttamente al Castello di Frankenstein tanto da divenire oggidi una delle più grandi celebrazioni di Halloween in Europa.

Il resto dell'anno, il castello medievale rimane un luogo relativamente tranquillo da visitare, accessibile da una strada ventosa alberata. Aperto al pubblico, l'ingresso e il parcheggio sono gratuiti, e di un ristorante in loco (aperto da marzo a dicembre) offre i classici piatti e sfizi tedeschi così come regolari Cene Horror per coloro che preferiscono la cena di Frankenstein con spettacoli orror.

Francesco Rosati di Monteprandone - Agenzia Stampa Italia

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2022 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.