Film da Vedere. "L’ora più buia" di Joe Wright

orapiubrutta(ASI) Un carismatico leader di fronte al dilemma di una nazione. “L’Ora più buia” narra del primo mese del governo di Winston Churchill; divenuto Primo Ministro inglese per necessità più che per scelta. La necessità dettata da una politica ferma e decisa contro la Germania nazista di Hitler, che ha ormai assediato la Francia ed è vicino al domino assoluto dell’Europa Occidentale.

La minaccia di un’invasione tedesca per il Regno Unito diviene sempre più tangibile. Il popolo inglese attraversa quindi la sua "ora più buia" e al Primo Ministro Winston Churchill toccherà la decisione più difficile. Che fare? Negoziare con la Germania nazista o combattere fino alla fine? Churchill riuscirà a mobilitare la politica incerta della nazione grazie anche ad un aiuto del tutto inaspettato.
È curioso che nell’anno di "Dunkirk", l’opera del regista Joe Wright contenga diversi riferimenti alla battaglia di Dunkerque, conosciuta come “Operazione Dynamo” che fu appunto indetta dal Ministro Churchill. Ma mentre nell’opera di Nolan viene descritta l’azione e la vicenda dal punto di vista militare, Wright ha saputo svelare i retroscena di quegli eventi soffermandosi sul panorama politico che faceva da sfondo.
Protagonista assoluto del film è il Primo Ministro inglese Churchill. ”L’ora più buia” non ha lo scopo di esaltare il personaggio, bensì il suo spiccato lato umano, che lo porta a battagliare contro il suo stesso partito, contro l’avanzata nazista, e soprattutto ad intraprendere un profondo conflitto interiore. Ed è proprio in questa rappresentazione umana che il leader della nazione mostra le sue debolezze più evidenti. Emblematico è il momento del suo primo discorso alla radio, una luce rossa si accende e riempie completamente l’inquadratura, angoscia e paura traspaiono dal volto del protagonista; deve mentire alla nazione per un fine superiore, ma la sua sensibilità ed i suoi principi non lo lasciano indifferente a ciò, generando in lui una profonda sofferenza.
L a sua umanità traspare anche nella conversazione al telefono con Roosevelt, nella quale il Primo Ministro britannico implora aiuto al suo fidato amico.
Winston Churchill è interpretato nella pellicola dal grande Gary Oldman, premio Oscar come migliore attore protagonista in virtù della sensazionale trasformazione compiuta per incarnare al meglio il personaggio. L’attore ha lavorato incessantemente sulla presenza fisica del leader inglese, col suo incedere molle e scattoso, con fare impacciato e curvo su sé stesso. Inoltre Gary Oldman fa uno spettacolare lavoro sulla mimica facciale e sul “parlare” del personaggio. Lo sguardo di Churchill nel film risulta spesso perso, frequentemente dai suoi occhi traspare la malinconia e la tristezza di un leader con grandi responsabilità, ma pervaso da una sensazione di impotenza. Balbetta e ansima frequentemente, lasciando trapelare incertezza e una malinconia quando nessuno sembra apprezzarne operato o voler collaborare con lui alla salvezza della nazione.
In conclusione, nell’opera di Wright ci viene mostrato il profilo personale di Winston Churchill, ancor prima di quello politico. Un uomo che di fronte alle atrocità della Seconda Guerra Mondiale, ha saputo trovare forza anche dalle donne della sua vita; in particolare dalla moglie e della sua stenografa, brillantemente caratterizzate in questo film.
Un leader che ha trovato il coraggio di fare la sua rivoluzione, grazie al conforto non tanto dei suoi compagni di partito, quanto delle persone comuni, le uniche che hanno saputo riconoscere la grandezza e al tempo stesso la semplicità di Winston Churchill.

Alessandro Antoniacci –Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

L’eroe irredento della Brigata Sassari: Guido Brunner

(ASI) – Padova. Il nuovo libro di Stefania Di Pasquale, fresco di stampa per i tipi di Ravizza Editore, ha il merito di ricostruire la biografia di Guido Brunner, il quale, ...

Digitale. Convegno al Senato sulla intelligenza artificiale in vista del provvedimento annunciato dal sottosegretario Butti in arrivo in Parlamento

(ASI) Si è svolta, presso la Sala "Caduti di Nassirya" del Senato della Repubblica, la conferenza dal titolo, "IA: Innovazione ed Etica nel Cuore della Rivoluzione Digitale", promossa dalla Senatrice Cinzia ...

Bonus studenti 2024: tutti gli aiuti previsti

(ASI) Nel 2024 sono dodici i bonus studenti attivi, dedicati a coloro che studiano. Sono le famiglie, degli studenti minori a dover fare richiesta, altrimenti, se gli studenti sono maggiorenni, possono ...

Festival del giornalismo, per Forza Nuova è il festival del pensiero unico

(ASI)"Forza Nuova e Lotta Studentesca di Perugia ha voluto salutare il Festival del Giornalismo di Perugia con un’azione politica in centro storico, nell’ultimo giorno della sua edizione.

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "La grande finanza di Soros che depredò l’Italia, finanzia politici che si accaniscono contro di me” 

(ASI) "La verità viene sempre a galla. In molte occasioni la deputata del Partito Democratico Rachele Scarpa si è accanita contro di me, con ipocrite strumentalizzazioni e petizioni di scarso ...

Tanti hanno costruito il loro futuro sul martirio: forse c'è speranza anche per i palestinesi

(ASI) La storia è disseminata di episodi che fanno riferimento diretto o indiretto al martirio, cioè alle persecuzioni subite da singole persone o da interi popoli, a causa di poteri religiosi ...

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Crediti d’imposta, Cataldi (commercialisti): “Strumento da migliorare, non eliminare”

(ASI) “La sospensione del credito di imposta per i beni strumentali nuovi 4.0 e quello per le attività di R&S, emersa dapprima con la pubblicazione del decreto “blocca agevolazioni” ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...