Sospesi i lavori nei Piani di Pezza per procedura non corretta. Per il WWF Abruzzo restano tutte le criticità dovute all'impatto ambientale 

L'Associazione raccoglie le considerazioni del prof. Bernardino Romano, esperto di pianificazione e consumo di suolo.  

(ASI) Il Comune di Rocca di Mezzo costretto a sospendere i lavori sui Piani di Pezza per la realizzazione di uno stadio del fondo nel Parco Regionale Sirente-Velino.

A seguito delle segnalazioni pervenute da più parti, in un documento pubblicato nelle scorse ore sul sito del Comune il Responsabile del procedimento ammette che bisogna aspettare i termini della pubblicazione della VINCA e raccogliere le osservazioni da Enti, Associazioni e cittadini prima di concludere il procedimento e avviare i lavori. 

Dopo una prima segnalazione con osservazioni sul progetto e sull'iter seguito, il 27 luglio il WWF Abruzzo aveva presentato un esposto per richiedere la sospensione del cantiere per un evidente errore procedurale. 

Purtroppo però i lavori, senza neppure attendere i giusti tempi amministrativi, erano stati avviati con una prima compromissione della naturalità del luogo ed è stata necessaria la reazione delle associazioni affinché le istituzioni si accorgessero di quanto stava avvenendo.  

Ma al di là della correttezza degli iter amministrativi, restano tutte le criticità per l'impatto che le opere in progetto possono arrecare ad habitat e specie tutelati dai Siti Natura 2000 presenti sui Piani di Pezza: criticità in una nota che il WWF Abruzzo ha dettagliatamente segnalato nelle osservazioni inviate. 

Ci si chiede ora cosa accadrà se il progetto dovesse essere rimodulato in base alle osservazioni che si riceveranno: sui lavori già fatti cosa si potrà chiedere se non il rispristino dei luoghi? 

Nel frattempo, le foto del pesante intervento all'interno di un'area protetta stanno rimbalzando sui social e sono in molti a chiedersi come sia possibile che un intervento del genere sia stato progettato all'interno di aree tutelate. 

Il WWF Abruzzo ha raccolto alcune considerazioni del Prof. Bernardino Romano, docente del Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile - Architettura, Ambientale dell'Università degli Studi de L'Aquila che segue da anni il tema del consumo del suolo e della pianificazione di area vasta. 

"I Piani di Pezza rappresentano l'ombelico del Parco regionale Sirente-Velino, in quanto area annidata tra boschi e rilievi di grande importanza naturalistica e bio-connettiva (il parco è scientificamente riconosciuto da anni come uno dei maggiori corridoi ecologici dell'Europa meridionale). Ma la stessa area è anche in posizione baricentrica rispetto alle stazioni sciistiche di Campo Felice e Monte Magnola e, per questo motivo, è soggetta da decenni ad una pressione ciclica e insistente mirata al collegamento dei due bacini. Tutto ciò che è avvenuto dagli Anni '80 in poi sul territorio è sempre stato sostanzialmente finalizzato a questo risultato. Si è trattato di un processo che ha visto nel tempo aggiungersi vari tasselli: prima l'efficientamento con asfalto del collegamento da Rocca di Mezzo a Vado di Pezza che ha consentito l'intensificarsi degli afflussi automobilistici ai Piani (senza alcuna regolamentazione), poi la costruzione di un rifugio (detto "del Lupo") a cui sono seguite altre edificazioni adiacenti. Anche i 5 km di strada sterrata che percorrono da Est a Ovest i Piani di Pezza propriamente detti sono aperti al traffico privato senza alcun tipo di limitazione, e, seppur con alcune contrarietà e polemiche, l'area è anche stata sede di organizzazione di alcune manifestazioni di massa. Dopo il sisma del 2009 sono state stanziate cospicue risorse per un ampliamento impiantistico del bacino Magnola che però non hanno sortito all'epoca esiti concreti, salvo che più recentemente il progetto del Vallone delle Lenzuola è stato ripreso con il sostegno economico del PNRR proprio a nord degli impianti preesistenti e quindi in direzione Campo Felice. Il progetto dello Stadio del Fondo (anche questo PNRR?) è quindi un ulteriore tassello verso l'obiettivo principale descritto poco sopra. Il tutto ha come ambito di esercizio un'area dove le quote massime si attestano poco sopra i 1800 m e già da anni la gestione invernale si deve necessariamente avvalere dei cannoni sparaneve che equipaggiano praticamente tutte le piste dei due comprensori. Tenendo conto che il Parco è stato a lungo commissariato, e che la Regione ha anche promosso di recente una riperimetrazione riduttiva dello stesso (poi bocciata dalla Corte Costituzionale), viene spontaneo chiedersi se nei fatti vi è ancora la volontà da parte della Regione e di alcuni comuni di mantenere questa area protetta istituita con la legge regionale n. 54 del 1989 o se, al contrario, sia più coerente con le aspettative e i programmi dominanti ipotizzare scenari di ripensamento".   Così in una nota il WWF Italia ONLUS, Abruzzo.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Domani Schlein incontra la stampa estera

  (ASI) La segretaria del Partito democratico Elly Schlein incontrerà i corrispondenti della stampa estera domani, lunedì 15 aprile alle ore 10.30, presso la sede dell'Associazione della stampa estera (Via del Plebiscito, 102 – ...

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...