Energia: Coldiretti, contro rincari orti anticrisi per 44% italiani. Con arrivo primavera in terrazzi, giardini e piccoli appezzamenti pubblici e privati

colfdiretti orto(Con i rincari nel carrello della spesa scatenati dal caro energia ben oltre 4 italiani su 10 (44%) con l’arrivo della primavera si difendono coltivando in proprio frutta e verdura a chilometri zero in giardini, terrazzi, orti urbani e piccoli appezzamenti di terreno per garantirsi cibo in una situazione di grande difficoltà e incertezza.

È  quanto emerge da una indagine Coldiretti/Ixe’ diffusa in occasione dell’iniziativa al mercato di Campagna Amica da via San Teodoro 74 a Roma e in tutta Italia (www.campagnamica.it) dove sono entrati in azione i tutor con dimostrazioni pratiche in campo per aiutare gli italiani a sfruttare tutti gli spazi a disposizione, dentro e fuori le mura di casa, per produrre in autonomia.

Se in passato erano soprattutto i più anziani a dedicarsi alla coltivazione dell’orto, memori spesso di un tempo vissuto in campagna, adesso – sottolinea la Coldiretti – la passione si sta diffondendo anche tra i più giovani e tra persone completamente a digiuno delle tecniche di coltivazione. Un bisogno di conoscenza che – precisa la Coldiretti – è stato colmato con il passaparola e con il boom delle pubblicazioni specializzate, ma che ora ha favorito la nascita della nuova figura del tutor che la rete degli orti urbani di Campagna Amica mette a disposizione.

L’investimento per realizzare un orto tradizionale in giardino si può stimare – continua la Coldiretti – intorno ai 250 euro per 20 metri quadrati “chiavi in mano” per acquistare terriccio, vasi, concime, attrezzi, reti per delimitare le coltivazioni, sostegni vari, sementi e piantine. Individuare lo spazio giusto e, la stagionalità, conoscere la terra di cui si dispone, scegliere attentamente semi e piantine a seconda del ciclo e garantire la disponibilità di acqua sono – precisa la Coldiretti – alcune delle regole fondamentali per ottenere buoni risultati.

La crisi economica scatenata dal confitto e dal caro bollette – rileva la Coldiretti – fa dunque rivalutare la funzione degli orti di “guerra” quando nelle città italiane, europee e degli Stati Uniti si diffondevano gli coltivazioni per garantire approvvigionamenti alimentari. Sono famosi i “victory gardens” degli Stati Uniti e del Regno Unito dove nel 1945 venivano coltivati 1.5 milioni di allotments sopperendo al 10% della richiesta di cibo. Ma sono celebri anche gli orti di guerra italiani nati al centro delle grandi città per far sì che, nell’osservanza dell’imperativo del Duce, “non (ci fosse) un lembo di terreno incolto”. Sono negli annali della storia le immagini del foro Romano e di piazza Venezia trasformati in campi di grano e la mietitura svolta in piazza Castello, centro e cuore di Torino in ogni epoca.

Ora i tempi sono cambiati ma il ritorno della guerra in Europa – sottolinea Coldiretti - ha portato con sé, oltre alla grande solidarietà al popolo ucraino, grande preoccupazione per gli effetti della guerra sull’economia reale a partire dall’alientazione. I giardini e i balconi delle abitazioni lasciano spazio così ad orti per la produzione “fai da te” di lattughe, pomodori, piante aromatiche, peperoncini, zucchine, melanzane, ma anche di piselli, fagioli fave e ceci da raccogliere, trasformare o conservare all’occorrenza.  Un fenomeno che, oltre a far risparmiare, aiuta anche a trascorrere momenti di relax e allentare le ansie.

Accanto a chi coltiva gli spazi a disposizione su balconi e terrazzi ci sono anche 1,2 milioni di italiani che hanno a disposizione almeno un ettaro di terreno a uso familiare. Si tratta – spiega la Coldiretti – in larga maggioranza di famiglie che hanno ereditato aziende o pezzi di terreno da genitori e parenti dei quali hanno voluto mantenere la proprietà per esercitarsi nel ruolo di coltivatori e allevatori, piuttosto che venderli come accadeva spesso nel passato.

Ma non manca neppure chi ha approfittato dell’opportunità messa a disposizione dagli enti locali che da nord a sud dell’Italia organizzano e affittano veri e propri orti urbani che – sottolinea Coldiretti – registrano una crescita del 18,6% in cinque anni superando i 2,11 milioni di metri quadrati secondo l’analisi della Coldiretti sul rapporto Istat sul verde urbano 2021. Ogni amministrazione – conclude la Coldiretti – applica parametri e sistemi diversi per la concessione degli orti pubblici: ci sono comuni che li danno in uso annuale in cambio di un piccolo canone dopo averli recintati e attrezzati con acqua e piccolo riparo per gli attrezzi, altri che li riservano solo a certe fasce di età e altri ancora che aprono dei veri e propri bandi per le assegnazioni con quote di canone che cambiano a seconda del reddito e dell’età.
 
I 10 consigli della Coldiretti per un orto perfetto

  1. Spazio giusto: è necessario individuarlo. L’orto in piena terra è la soluzione migliore. Per chi non ha il giardino, il balcone o il terrazzo sono una buona alternativa. L’importante è che siano soleggiati e ventilati.
  2. Stagionalità: occorre conoscerla. A ogni periodo dell’anno il suo prodotto. Per sapere quando e cosa coltivare è utile dotarsi di un calendario delle semine con indicate le fasi lunari.
  3. Giusto tempo: gli orti, anche quelli di piccole dimensioni, necessitano di cure quotidiane. Se si ha poco tempo il consiglio della Coldiretti è di comprare le piantine già sviluppate e trapiantarle.
  4. Buona terra: è garanzia di risultati. Per mantenere un buon livello di fertilità è meglio scegliere compost vegetale biologico o terriccio universale.
  5. Semi e piantine: ci sono selezioni da fare e regole da rispettare a seconda che si lavorino ortaggi a ciclo lungo (fagioli, piselli, fave) o a ciclo corto (ravanelli, rucola o carota).
  6. Trapianto: si realizza quando le dimensioni della piantina superano quelle del recipiente. E’ possibile cambiare più volte il vaso aumentandone man mano la grandezza.
  7. Acqua: per un’adeguata crescita alle colture il terreno deve essere sempre umido, ma mai bagnato, secondo la Coldiretti. Le innaffiature vanno regolate a seconda della temperatura e dello sviluppo delle piante.
  8. Temperatura: è importante fare attenzione all’andamento del tempo. A marzo e ad aprile il rischio di gelate notturne è ancora alto: è bene quindi proteggere le piantine con dei teli isolanti;
  9. Parassiti: formiche, mosca degli orti, ragnetti rossi e bruchi sono i principali insetti che possono arrivare a creare seri problemi alla produzione. Per limitare questi attacchi, oltre a usare prodotti specifici, è bene scegliere ortaggi che si adattano meglio al clima e al territorio dove si vive.
  10. Costi: realizzare un orto in giardino, secondo Coldiretti, ha una spesa contenuta. Tra terra, piantine o semi, concime e strumenti di lavoro, l’investimento si può stimare intorno ai 250 euro per uno spazio di 20 metri quadrati “chiavi in mano”.
Tags
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Istituto Friedman: Buon lavoro a nuovo parlamento e a nostri iscritti eletti

(ASI) Roma,   “Oltre dieci tra i nostri iscritti e componenti del Comitato Scientifico appartenenti a diverse liste elettorali sono stati eletti in Parlamento domenica. Altrettanti neoeletti hanno già ...

Elezioni, Jonghi Lavarini: cresce l'astensionismo. L'elettorato premia la Meloni, crolla la Lega, tiene Forza Italia e il PD va all'opposizione

(ASI) Si sono svolte le elezioni politiche il 25 settembre. Crescono ancora sia l'astensionismo, quindi la sfiducia degli italiani nel sistema, che la volatilità del restante elettorato che, ad ogni elezione, ...

The rose Trilogy – La trilogia delle rose di Maria Tedeschi

(ASI) Castellammare di Stabia (Na) – Dopo il grande successo de La rosa gialla, opera in versione audible, The Rose Trilogy – La Trilogia delle rose, è l’ultima fatica letteraria di ...

Cina, Russia e gli altri. Politica estera rischia ulteriore deriva ma governo dovrà fare conti con realtà

(ASI) Con il trionfo di Fratelli d'Italia e della sua leader Giorgia Meloni alle ultime elezioni politiche italiane, il Belpaese vira decisamente verso destra. Il 26% raccolto dalla formazione di ispirazione ...

Elezioni, gli elettori bocciano il fronte del dissenso diviso. Unito con il 3,85% sarebbe entrato in Parlamento

(ASI) Il fronte del dissenso, che era stato molto unito nelle grandi manifestazioni di piazza durante il periodo della contestazione popolare contro l’obbligo vaccinale e la politica del governo ...

Cuzzupi (UGL): Risultati elettorali, e adesso si lavori per costruire il futuro

(ASI) “Adesso è il momento di costruire il futuro. Questa deve essere la parola d’ordine del Parlamento che scaturirà da questa tornata elettorale. I risultati non lasciano ombra di dubbi: ...

 Mario Adinolfi: Il nostro percorso continua

(ASI) Anche questa è fatta. A chi profetizzava “zero voti” rispondiamo ringraziando le decine di migliaia di italiani che ci hanno scelto tra tutti, nella difficoltà di una presenza a macchia ...

Sanità, De Palma Nursing Up: con i rincari energetici, gli infermieri italiani rischiano di trovarsi coinvolti nel disastro  sociale e di diventare nuovi poveri. 

(ASI) Roma - «Mesi fa, quando ancora le contingenze economico-finanziarie del nostro Paese, seppur gravi, non erano arrivate a toccare lo stato di emergenza attuale, il nostro sindacato fu il ...

Elezioni, Mannello: Astensionismo, primo partito

(ASI) "Ho vinto io, assertore convinto dell’astensionismo" scrivevo già nel 2015, in occasione delle elezioni regionali.  Stamane, con il dato ufficiale del 36% di cittadini italiani che hanno scelto, legittimamente, ...

Politiche, Tavernise (M5S): "Movimento prima forza politica in Calabria anche grazie al lavoro in Regione"

(ASI) Corigigliano Rossano (Cosenza) – "C'è un dato politico chiaro in Calabria: il M5S è la prima forza politica della regione. I seggi all'uninominale contesi nella provincia di Cosenza e ...