×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Calcio Serie A: Catania senza timori reverenziali al cospetto della Vecchia Signora: al Massimino finisce 1-1

(ASI) Partiamo dalla fine per raccontare Catania – Juventus, anzi direttamente dalla salastampa, con le parole del patron rossazzurro Nino Pulvirenti: “Mi sono piaciuti lo spirito e la mentalità con cui i ragazzi hanno affrontato la partita, senza alcun timore reverenziale nei confronti dei quotati avversari. Da elogiare, sicuramente, le prove di Bergessio e Delvecchio”.

L’1-1 al triplice fischio che ha sancito la divisione della posta in palio tra i padroni di casa, reduci dalla batosta rimediata contro il Genoa nel turno precedente, e la capolista bianconera, ha entusiasmato il pubblico che ha gremito in ogni ordine di posti il catino dello stadio Massimino.

Repentini cambi di fronte, occasioni da una parte e dall’altra, gara incerta sino all’ultimo minuto di recupero: questa, in estrema sintesi, la trama di un match che ha visto un Catania in buona forma che, soprattutto nel primo tempo, ha messo alle corde gli avversari mentre nella ripresa, anche grazie l’ingresso in campo di Pepe al posto di un impalpabile Elia e ad una maggiore vivacità di Krasic, gli uomini di mister Conte hanno raddrizzato il risultato, ottenendo un punto che consente loro di mantenere la vetta della classifica in coabitazione con l’Udinese.

Partono subito bene i padroni di casa e, dopo le schermaglie iniziali, passano in vantaggio al 20’ con Bergessio che, preferito a Maxi Lopez, anticipa in scivolata Chiellini, sfruttando al meglio il calibrato cross di Gomez. Gli etnei, sulle ali dell’entusiasmo, cercano di affondare i colpi, il sinistro al volo di Catellani mette paura al numero uno Buffon. La Juventus fatica a carburare, l’unico brivido per Andujar è il destro di Marchisio che l’estremo difensore etneo in tuffo devia in calcio d’angolo.

Nella ripresa, giocata sotto una pioggia battente, i bianconeri appaiono più reattivi e concreti, da una parte il nuovo entrato Pepe dall’altra un Krasic più ispirato vivacizzano la manovra e al minuto numero 49 pervengono al pareggio grazie ad una botta da fuori area del serbo e ad un tentativo di parata tutt’altro che ortodosso di Andujar. Le occasioni si susseguono, complici anche alcuni errori dovuti al terreno scivoloso. E così sul fronte Catania i vari Delvecchio, Bergessio e Gomez non trovano la stoccata vincente per un soffio, sul fronte opposto è Vidal a sprecare malamente da ottima posizione. C’è ancora tempo per ammirare alcune accelerazioni di Suazo, entrato in campo al posto dell’applauditissimo Bergessio, e nei minuti di recupero l’indecisione di Catellani a cui tremano le gambe davanti a Buffon. 1-1 e pubblico di casa che saluta con uno scrosciante applauso la performance offerta dai propri beniamini.

Il tabellino

Catania – Juventus 1-1

Reti: 20’ Bergessio; 49’ Krasic

Catania (4-3-3): Andujar; Alvarez (29’ Marchese), Bellusci, Spolli, Capuano, Delvecchio, Almiron (64’ Ledesma), Lodi, Catellani, Bergessio (78’ Suazo), Gomez. All. Montella

Juventus (4-1-4-1): Buffon; Lichtsteiner, Barzagli, Chiellini, Grosso, Pirlo, Krasic, Marchisio (81’ Quagliarella), Vidal, Elia (46’ Pepe), Matri (72’ Del Piero). All. Conte

Ammoniti: Capuano, Almiron; Chiellini, Marchisio, Vidal

Arbitro: Mazzoleni di Bergamo


Ultimi articoli

Giornata Mondiale contro la droga 2022_La Comunità Incontro Onlus di Amelia ha celebrato la ricorrenza insieme ai futuri “baschi verdi” della Guardia di Finanza e al Sottosegretario alla Difesa Giorgio Mulè

(ASI) La Comunità Incontro Onlus di Amelia ha celebrato la ricorrenza insieme ai futuri “baschi verdi” della Guardia di Finanza e al Sottosegretario di Stato alla Difesa On. Giorgio Mulè ...

Femminicidi, Croatti (M5S): sgomento e dolore, urgente moltiplicare impegno contro la violenza sulle donne

(ASI) Rimini - “Sgomento e dolore per un altro caso di femminicidio a Rimini. Una drammatica vicenda familiare che appare troppo simile a tante altre che continuano a ripetersi nel ...

Sciopero low cost, Uiltrasporti: adesione lavoratori EasyJet e Volotea spinga compagnie ad aprire tavolo discussione

(ASI) Roma  - "Grande partecipazione delle lavoratrici e dei lavoratori compagnie EasyJet e Volotea, anche per la seconda azione di sciopero indetta oggi, dopo quella dello scorso 8 giugno".

Suprema Corte Usa e Aborto. Pro Vita & Famiglia: in America è iniziata la riscossa della Vita.

(ASI) "La Corte Suprema degli Stati Uniti d’America ha deciso che l’aborto non è (più) un diritto costituzionale. Significa che i singoli Stati americani posso decidere liberamente se e ...

Toscana - crisi Venator, Ripani: “Tavolo regionale che coinvolga tutti i livelli istituzionali”

(ASI) “La vicenda Venator rischia di innescare una bomba occupazionale ed una crisi economica devastante che la Maremma non può assolutamente permettersi.                &...

Incendi Boschivi, Protezione Civile: oggi 16 richieste d’intervento aereo.

(ASI) Roma - Nella giornata odierna gli equipaggi dei Canadair e degli elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile sono stati impegnati dalle prime luci ...

Aborto USA, Troiano (Misto) : primi Stati già chiudono, passo indietro per diritti civili

(ASI) "In alcuni stati americani tradizionalmente più conservatori stanno già iniziando a chiudere i primi centri antigravidanza, costringendo centinaia di donne a lunghi spostamenti per accedere a quello che fino ...

IEF: Lorenzo Zurino lancia Stati Generali dell’export a Ravenna

(ASI) Modena -- Si è tenuta oggi 25 giugno, alle ore 15:00, presso la Direzione Generale BPER Banca di Modena, la conferenza stampa di lancio della Quarta Edizione degli Stati Generali dell’Export.

Scuola - Pittoni (Lega), specializzarsi sostegno non richiederà abilitazione

(ASI) Roma - "Le perplessità sulla norma inserita nel decreto Pnrr che consentirà l'accesso riservato ai corsi di specializzazione sul sostegno di chi vanta tre annualità di esperienza specifica derivano ...

Meloni, Crepaldi (ACE- FDI): “Nostra leader non sarà indebolita dal Pd”

(ASI) Roma - “Il Partito Democratico ammette che desidera indebolire Giorgia Meloni. Ciò non accadrà, in quanto noi cristiani, insieme a tanti altri uomini e donne di buona volontà, lavoreremo ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113