(ASI) “Solo in un Paese come il nostro accade che il Commissario Domenico Arcuri a cui il premier Conte ha assegnato tutte le funzioni possibili e immaginabili per gestire l’emergenza Covid scarichi le sue colpe e le sue responsabilità sui Governatori e sulle Regioni – afferma la Senatrice di Forza Italia, Fiammetta Modena, membro della commissione giustizia - ma dove è stato in questi mesi il Commissario Arcuri?

 

Forse è rimasto rinchiuso nei suoi uffici preferiti di Invitalia? O forse era all’estero, bloccato da qualche parte dal lockdown della pandemia?

Con quale coraggio il commissario Arcuri parla di inefficienze da parte delle regioni? E lui, dove stava? Cosa controllava? Che ruolo ha svolto realmente al servizio del premier? Sarebbe ora che qualcuno ce lo spiegasse una volta per tutte.

 Un uomo solo al comando della nave, ma la nave va alla deriva e il comandante scarica tutto sui marinai in coperta – aggiunge Modena - assurdo, quasi scandaloso, certamente vergognoso per un paese civile come il nostro. Serve rimettere la nave sulla giusta rotta, altrimenti si finisce tutti nel baratro dell’indifferenza.

Le terapie intensive, gli ospedali, i respiratori, ma che farsa ci racconta il commissario Arcuri? Le regioni non avrebbero attivato le terapie intensive, le regioni avrebbero fornito dati poco esatti, ma lui dove stava? A chi ha affidato la gestione reale del controllo? O forse ha preferito interessarsi soltanto di alcuni appalti e nient’altro? Credo che sia arrivato il momento per il premier Conte di sostituirlo – conclude Fiammetta Modena - di nominare al suo posto un tecnico che faccia bene il suo mestiere, che controlli quello che ce da controllare, e lui semmai ritorni al suo mestiere di sempre, di amministratore unico e solo, po0tenmtissimo e intoccabile da dieci anni, di Invitalia. Ma lasci per favore la stanza dei bottoni di Palazzo Chigi perché in tema di controlli e di responsabilità ha dimostrato di aver fallito il suo compito”

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.