ui(ASI) "Clamoroso a Firenze in consiglio comunale il Pd boccia (con la Lega) una mozione che di fatto si oppone al piano casa della Ministra De Micheli. "Quanto successo nel consiglio comunale di Firenze ha dell'incredibile.

Si discuteva una mozione presentata dai consiglieri Bundu e Palagi attraverso la quale si intendeva impegnare il comune a mettere in atto controlli incrociati tra utenze e immobili per stanare il nero e una mappatura degli immobili inutilizzati. Scandaloso per il Pd e la Lega del Comune di Firenze.

La bocciatura da parte della maggioranza è clamorosa in quanto è  un atto che di fatto si contrappone platealmente al piano casa da un miliardo di euro che la ministra  De Micheli dovrebbe inserire nella legge di bilancio proprio basato sulla rigenerazione e riutilizzo degli immobili inutilizzati pubblici e privati. Ma in contraddizione anche con la lotta all'evasione fiscale che si annida proprio nelle locazioni a nero o nei b&b irregolari.

La mozione presentata dai due consiglieri di sinistra era di puro buon senso come si fa rigenerazione urbana senza una mappatura aggiornata degli immobili cielo terra inutilizzati ? Come potrà il comune di Firenze partecipare al piano casa che la Ministra De Micheli intende avviare?  Davvero incomprensibile questo voto contrario del pd che di fatto si trova schiacciato sulle motivazioni con le quali la lega ha motivato il suo voto contrario. Spero e voglio augurarmi che il voto contrario in consiglio comunale sia oggetto da parte del gruppo pd di ripensamento e che si possano recuperare le proposte bocciate e di buon senso in un altro atto consiliare. Il Pd lo deve alla Ministra De Micheli, al buon senso, alla città, ai precari della casa. Anche dimostrando che il Pd a Firenze è  altro dalla Lega e che la stagione degli aiutini alla speculazione immobiliare sono finiti.".                                              Dichiarazione Massimo Pasquini segretario nazionale Unione Inquilini.

Qui l'atto bocciato:

Mozione N. 2019/00584  Tipologia: Mozione

Soggetti proponenti: Antonella Bundu, Dmitrij Palagi

Oggetto: per il censimento del patrimonio immobiliare sfitto e invenduto

IL CONSIGLIO COMUNALE

Premesso che:

- il problema dell’emergenza abitativa è comune a molti insediamenti della città metropolitana  fiorentina, a cominciare dal capoluogo e dai comuni contermini;

- l’abitazione è elemento essenziale nell’organizzazione della propria vita familiare e sociale;

Rilevato invece come nella nostra società l’abitazione non sia considerata “diritto”, in quanto bisogno  primario dell’individuo, bensì come asset patrimoniale personale o societario, oppure come mero prodotto 

scambiato sul mercato in base agli equilibri della domanda e dell’offerta;

Considerato che cresce significativamente il numero delle famiglie che rischiano di perdere l’abitazione perché impossibilitate a pagare canoni di locazione onerosi, spesso insostenibili, conducendole in una  condizione di “morosità incolpevole”;

Appreso da una ricerca demoscopica realizzata da un operatore immobiliare specializzato in locazioni che in  Italia risulterebbero essere oltre sette milioni le case non occupate (oltre il 22% del totale), dove in Toscana le percentuali scendono di poco (rimanendo di poco sopra il 20%, con oltre 385.000 unità immobiliari non abitate);

Evidenziato:

- come sia pertanto necessario trovare delle soluzioni non meramente contingenti, onde aumentare la disponibilità di alloggi e riducendo comunque in modo significativo il disagio abitativo;

- come altri comuni abbiano da tempo avviato attività di monitoraggio, ricerca e sistematico 

censimento degli alloggi sfitti e/o abbandonati, al fine di destinarli a progetti di sostegno per tutte le famiglie in situazione di disagio abitativo;

Ricordato che con l’o.d.g. n. 2016/00101, era stato proposto al Consiglio di effettuare un censimento degli immobili sfitti nell’area Unesco, collegandosi alla deliberazione n. 548/2015, su iniziativa del Gruppo 

consiliare di Firenze Riparte a Sinistra, ordine del giorno con cui si chiedeva espressamente di:

effettuare di concerto con l’agenzia delle Entrate un censimento degli immobili sfitti nell’area Unesco;

mettere a punto misure per il sostegno e la protezione della residenza nel centro storico;

Impegna il Sindaco e la Giunta a: 

promuovere, attraverso la collaborazione degli uffici competenti, un censimento pubblico del 

patrimonio edilizio abbandonato, sfitto e/o invenduto da oltre due anni, ad uso abitativo e non abitativo, attivando controlli incrociati sulle utenze, sulle residenze, sulla registrazione dei contratti di affitto, sul pagamento dell’IMU, utilizzando tutti gli strumenti a disposizione dell’A.C.;

mettere a disposizione del Consiglio un report periodico, almeno semestrale, di aggiornamento del censimento di cui sopra, in cui sia evidenziata la proprietà degli immobili/terreni censiti (privato o pubblico, e, se pubblico, come classificato, con particolare rilievo per quanto al c.d. “federalismo 

demaniale” e per gli immobili/terreni in fase di alienazione).

La Consigliera, Antonella Bundu

Il Consigliere, Dmitrij Palagi

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2020 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.