(ASI) Roma  - "Reputiamo inopportuna l'audizione del dottor Roberto Sgalla alle commissioni congiunte Difesa e Giustizia della Camera.

Ci domandiamo infatti quanto sia credibile una persona che, nel suo ruolo di Capo delle relazioni pubbliche della Polizia di Stato, cercò di accreditare una versione di comodo dei pestaggi della Diaz, arrivando a sostenere che le feritebrutalmente impresse nell'irruzione erano invece ferite pregresse". È quanto dichiarano i deputati del M5S della Commissione Difesa in merito allaconvocazione – prevista per domani martedì 10 marzo 2015 – del dottor Roberto Sgalla nel ciclo di audizioni in merito alla conversione in legge deldecreto sul terrorismo e di proroga delle missioni militari internazionali.

Iparlamentari del M5S ricordano come Amnesty International abbiadefinito l'irruzione alla Diaz "la più grande sospensione deidiritti democratici in un paese occidentale dopo la seconda guerra mondiale", e che " la presenza dell'allora capo ufficio stampa della Polizia sul luogo, nel cortile davanti la Diaz, abbia rappresentato un'implicita ammissione della consapevolezza dei vertici sull'operazione."

"FuSgalla in quel suo delicatissimo ruolo – proseguono i parlamentari – a farsi megafono di una versione depistante e falsa. Infatti si volleroaccreditare gli ospiti della Diaz come un covo di violenti e si dichiarò che erano state rinvenute "tute nere" e "strumenti di offesa di ogni tipo": armi, coltelli, molotov. Le "armi" erano in realtà gli attrezzi di un cantiere che stava ristrutturando la scuola, mentre le moltov vi furono volutamente portate da funzionari di polizia. Fra il materiale mostrato ai giornalisti di mezzo mondo c'era anche un giubbotto di un agente del VII nucleo, con un buco in prossimità del cuore in la polizia sostenne che l'agente sarebbe stato accoltellato e che si sarebbe salvato proprio grazie alla protezione del giubbotto. L'inchiesta ha accertato che si trattava dell'ennesima prova contraffatta"

"Avremmovolentieri anche noi ascoltato il dottor Sgalla in Parlamento – concludono i deputati del M5S – ma non in una audizione sul terrorismo, ma in una commissione d'inchiesta sui fatti del G8 che accertasse le responsabilità di chi gettò nel terrore la città di Genova e restituisse un poco di verità su quei fatti agli italiani".


Redazione Agenzia Stampa Italia

Nota. ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati rappresentano pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. Il nostro intento è di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente invitiamo i lettori ad approfondire sempre l'argomento o gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2022 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.