×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
La crisi perenne della sinistra italiana.
(ASI) Il dissenso interno a un gruppo è sinonimo di democraticità. Quando invece diventa tratto peculiare dei rapporti tra i consociati, si rivela il sintomo di una malattia organica che mina la sopravvivenza stessa del patto originario. L’elezione di Giorgio Napolitano a Presidente della Repubblica, ha rappresentato un fatto inedito per la storia istituzionale e politica del nostro paese, che ha messo in luce, in tutta la sua drammaticità, la crisi dei partiti tradizionali. Dopo la stagione di mani pulite e il sodalizio-suicidio di Alleanza Nazionale con Forza Italia, l’unico sopravvissuto –malconcio- allo tsunami culturale degli ultimi vent’anni è stato il Partito Democratico, erede illegittimo di una tradizione politica che ha fatto la storia di tutto il periodo repubblicano. 

Dopo che l’ultimo segretario, Achille Occhetto, recitò l’orazione funebre del vecchio Partito Comunista alla “Bolognina”, la sinistra italiana è entrata irrimediabilmente –fino ad oggi- in  una profonda crisi d’identità, trovandosi osservatrice passiva del conflitto tra due spinte contrapposte: da un lato l’esigenza di adeguare il substrato ideologico al nuovo momento storico, dall’altro la necessità vitale di salvaguardare quelle fondamenta teoriche come unica possibilità per costruire un progetto comune realistico e duraturo. In questi anni, molto ha giocato anche l’imbarazzo della sua classe dirigente a riconoscersi nelle proprie origini e nel proprio passato, affannata nel tentativo di dissimulare un mutamento genetico di cui non si è ancora compreso il risultato finale. La nuova stagione riformista iniziata sulla carta con il Partito dei Democratici di Sinistra (PDS) e giunta fino a noi con l’attuale PD, risulta ancora in fase embrionale nonostante i molteplici tentativi di spiccare finalmente il volo, mentre la base smarrita si è ridotta alla rassegnazione.

Dal 1921, anno della sua fondazione, il Partito Comunista Italiano ha vissuto momenti di forte tensione interna, al contrario di quanto documentato dalla memorialistica ufficiale, che hanno minato pericolosamente la sua integrità. Ma erano altri tempi e il pericolo rappresentato dai nemici esterni garantiva ogni volta la ricomposizione delle fratture anche più gravi. Il PCI, inoltre, al pari dei suoi omologhi europei, nasceva come materializzazione di una  lotta di classe epocale nell’ambito di una fase storica “rivoluzionaria”. Caduto il Muro di Berlino e infrantosi definitivamente il sogno di Marx e Engels sotto la pressione dell’ideologia liberista che meglio rispondeva agli istinti irrazionali e individualistici della massa e dei suoi singoli, la sinistra italiana nelle sue varie accezioni social-democratiche, socialiste, post-comuniste, ecc. ha intrapreso un cammino inerziale che l’ha condotta ad assumere le sembianze attuali di un ibrido senz’anima.

Gli orfani della tradizione hanno così cercato di adeguarsi alla metamorfosi culturale, tentando disperatamente di aggrapparsi alla realtà per non estinguersi naturalmente. Ci sono riusciti fino ad oggi, grazie alla lentezza cronica di adeguamento alla trasformazione, connaturata al carattere nazionale. E così, vetero-comunisti, liberali, cattolici e socialisti hanno provato una, due e più volte a creare raggruppamenti eterogenei improvvisati, dove l’unico elemento di coesione era la volontà condivisa di non scomparire dagli scranni del potere.

L’ultima esperienza in ordine cronologico è il Pd, un partito nato da un’operazione di lifting all’americana che tuttavia non è stato in grado di ripianare i solchi profondi alla radice. E’ stato il prodotto impacchettato in tutta fretta di un cantiere ancora aperto, obbligato a nascere dalle contingenze del momento che vedevano il Cavalier Berlusconi come l’unica oasi nel deserto politico della seconda repubblica. Il risultato non è cambiato, i dissidi sono all’ordine del giorno oggi più che mai. Non era Bersani il problema, anzi. Lo era sicuramente per chi, fuori e dentro la sinistra, temeva l’ inizio di un nuovo corso, di un vero processo di ammodernamento, seppur lento e doloroso, delle idee stantie e delle vecchie logiche di corrente. Tutto da rifare. L’uomo della provvidenza tanto agognato dal popolo sempre indignato, poteva essere lui. Non per le sue doti oratorie o per le suggestioni comunicative, ma per il suo senso del realismo, perché non prometteva rivoluzioni, perché conosceva l’Italia ma soprattutto gli italiani: l’unico modo per iniziare a modellare un’idea nuova di sinistra, forse meno romantica, quello sì.

Fabrizio Torella – Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...

Olimpiadi 2026, Cappelletti (M5S): si fermi capriccio pista bob e Salvini-Zaia chiedano scusa

(ASI) Roma. – “È ormai palese che non ci sono i tempi tecnici per realizzare il “budello del ghiaccio” a Cortina per i Giochi olimpici del 2026. Il governo metta fina a questa ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113