×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
L'anno più lungo dell'UE: disoccupazione senza precedenti e gli interventi del Nobel Stiglitz
(ASI) La Banca Centrale Europea ha pubblicato nella giornata di giovedì 11 aprile il bollettino del mese di marzo 2013. Ne è venuto fuori un quadro economico a tinte fosche, che ha contraddetto le promesse di ripresa dello scorso anno. La famosa “uscita dal tunnel”, preannunciata a dicembre da Mario Monti e Mario Draghi, sembra essere stata già archiviata per una ignota spirale nera.

Riguardo l'occupazione si legge sul bollettino: «A fine 2012 il tasso di disoccupazione nell'Eurozona ha continuato a crescere raggiungendo livelli senza precedenti. I dati delle indagini, con una disoccupazione al 12% a febbraio, segnalano un ulteriore calo dei posti di lavoro nel primo trimestre del 2013».

La BCE inoltre sembra considerare dubbia la ripresa a fine anno: «La debolezza economica del 2012 si è trascinata nella prima parte di quest'anno, e per la seconda metà dell'anno si prevede una graduale ripresa, che è soggetta a rischio al ribasso»

Prontamente la BCE provvede già ad indicare una sua soluzione. «L'orientamento di politica monetaria resterà accomodante fintantoché necessario. (..) Fra i rischi per la ripresa nell'Eurozona vi è una lenta o insufficiente attuazione delle riforme strutturali nell'area. E' fondamentale che i governi intensifichino le riforme per la crescita, aprendo i mercati dei beni e servizi e del lavoro e modernizzando la pubblica amministrazione. (..) Per ridurre il gap fra l'accesso al credito nel Nord Europa rispetto ai Paesi che risentono di tensioni, occorre procedere velocemente con l'Unione Bancaria. Il futuro meccanismo di vigilanza unico e il meccanismo di risoluzione unico rappresentano elementi d'importanza cruciale per una rinnovata integrazione del sistema bancario e quindi richiedono una rapida attuazione».

I recenti scontri fra Cipro ed Unione Europea rappresentano un importante antecedente nell'analizzare i benefici dell' Unione Bancaria di cui si parla nel bollettino.

Particolarmente funesta sembra essere l'indicazione di Francoforte sulle riforme del lavoro in Europa: «Per promuovere l'occupazione, il processo di formazione dei salari dovrebbe divenire più flessibile e meglio allineato alla produttività. Tali riforme aiuteranno i paesi negli sforzi tesi a recuperare competitività, porre le basi per una crescita sostenibile e favorire il ripristino della fiducia sul piano macroeconomico».

Verso questo genere di flessibilità l'Italia è stata già indirizzata nel 2012 con la riforma del lavoro di Elsa Fornero, che ha scoraggiato le assunzioni a tempo determinato, dannose sì ma di piccolo respiro per le imprese in crisi, e ha innovato la facilitazione dei licenziamenti cambiando l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Elsa Fornero inoltre ha tradotto tale flessibilità nella non copertura pensionistica di circa 65mila esodati.

Tale criticità  è stata ponderata anche dal premio Nobel per l'economia Joseph Stiglitz.

Durante un incontro alla Columbia University Stiglitz ha rivolto la sua attenzione all'Italia e all'irrazionalità dell'austerity europea: «L'austerity in Italia, così come a livello europeo, non funziona. Non ha quasi mai funzionato. È come togliere sangue a un paziente fino a farlo morire».

Il Premio Nobel americano ha aggiunto che, seppure siano passati cinque anni dalla cura italiana alla crisi, nulla è cambiato, e la dirigenza europea si ostina a perseguire la medesima politica. Senza un cambiamento, ha osservato, il costo della recessione diverrà superiore al beneficio della permanenza nel sistema euro. Un calcolo che metterebbe l'Italia, a parere di Stiglitz, davanti ad una scelta difficilissima.

In Europa da molti anni l'accezione del “populismo” è divenuta sinonimo di pericolo estremista, nonostante sia la voce della democrazia. Stiglitz ha osservato a riguardo: «Questo non è populismo. Si tratta di scelte che riguardano la democrazia. Il dovere che ha la società nel capire e ascoltare cosa vuole il popolo è l'essenza della democrazia. La gente vuole un ambiente migliore e questo non è populismo. Anche constatare l'andamento dell'economia non è populismo».

Il premio Nobel ha poi puntualizzato come i governi italiani abbiano delle importanti opportunità in potenza per migliorare l'economia e la finanza del paese, nonostante il cedimento di sovranità all'UE. Con accurate riforme sulla corruzione  e riforme della democrazia elettiva il paese potrebbe riacquistare la fiducia popolare e migliorare, nonostante l'austerity. Motivo per cui Stiglitz, ammiratore del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, ha incoraggiato le forze politiche ad un accordo di larghe intese per la formazione di un governo, pur con delle riserve su Silvio Berlusconi.

Anche Stiglitz, come la BCE, ha sottolineato l'emergenza lavorativa: «È un fallimento della società e del governo quello di non mantenere la piena occupazione e se si fallisce è necessario assumersi la responsabilità».

Maria Giovanna Lanotte - Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Crimini di guerra contro l’umanità. Vecchione(MII): sono d’accordo sul mandato di cattura contro Netanyahu e Sinwar. Ora serve un cammino assieme ed isolare gli estremisti di ambo parti.

(ASI) "Richiesta di mandato di cattura contro Netanyahu e Sinwar per crimini di guerra e contro l’umanità. Sono d’accordo con la decisione presa dal Tribunale dell’ Aia. Forse ...

"Napoli 1860 - La Fine dei Borbone" di Blasetti rende giustizia a Francesco II

(ASI) Ho visto su yotube la miniserie Rai TV "Napoli 1860 - La fine dei Borboni" dell'ottimo regista Alessandro Blasetti che, andato in onda in due puntate tra domenica 15 e domenica 22 ...

Professionisti, costruttori e magistratura a confronto sulla gestione delle partecipate

(ASI) Napoli - “Ritengo indispensabile la strutturazione di un confronto continuo tra professionisti, costruttori, magistratura ed amministrazioni pubbliche sul delicato tema della gestione e delle attività di controllo delle aziende ...

Napoli-Bari, l’Alta Velocità avanza anche al Sud, Gianni Lepre: “Una svolta storica per il Mezzogiorno”

(ASI) Una delle tratte che ancora mancano all’alta velocità ferroviaria italiana riguarda il collegamento Napoli-Bari, cioè l’asse che unirebbe due metropoli del Sud che in due regioni diverse ...

Terremoto: Sciame Sismico in area Flegrea, attivata l’unità di crisi. In allestimento aree di accoglienza per la popolazione 

(ASI) Aggiornamento delle 23.30  -  A seguito dello sciame sismico segnalato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, con evento maggiore di magnitudo 4.4 registrato alle 20.10, il Dipartimento della ...

UE, Ricciardi (M5S): nuovo patto fuori dalla storia, penalizzera' fasce deboli

(ASI) Roma - “Noi già sappiamo che, con il nuovo Patto di stabilità, 11 Paesi saranno sanzionati per deficit eccessivo. Il dato da cui dobbiamo partire è che la metà della ricchezza ...

Istituto Friedman: "Se richiesta CPI accolta, Italia ritiri adesione"

(ASI) Roma - "La richiesta del Procuratore della Corte penale internazionale che la stessa emetta un mandato di cattura internazionale contro il Primo Ministro israeliano, congiuntamente a quello con il ...

Uscita anticipata dal mondo del lavoro: pensioni 2024

(ASI) Molte sono le novità e gli interventi messi in campo dal Governo sul fronte pensioni nel 2024, dall’uscita anticipata dal mondo del lavoro al meccanismo di rivalutazione delle pensioni 2024 ...

Camera dei Deputati 21 maggio ore 17,30. Presentazione proposta su partecipazione dei lavoratori alla gestione ed utili dell’impresa

(ASI) Roma - Martedì 21 maggio alle ore 17,30 nella Sala delle Conferenze Stampa della Camera dei Deputati verrà presentata la proposta di legge sulla partecipazione dei lavoratori alla gestione ed utili ...

Sanità Taranto, Telmo (UGL): “In sit-in per il futuro della Cittadella della Carità e di 160 operatori. La protesta non si ferma, salvare patrimonio della città”

(ASI) Non c'è pace per la Cittadella della Carità di Taranto. Oggi la UGL Salute ha organizzato un sit-in presso l'Arcivescovado di Taranto per far sentire forte la sua voce ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113