×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Bori (Sel): la riforma della sanità umbra “debole, pusillanime e insufficiente”.

(ASI) In Italia, i tagli lineari e l’ “utilizzo privato” della sanità pubblica stanno smantellando un sistema di garanzie e tutele per i cittadini a favore della sanità privata e delle assicurazioni e vanno in direzione di “una sanità ricca per i ricchi e una sanità povera per i poveri”, senza più tracce delle politiche per la prevenzione e la promozione della salute.
In Umbria, la riforma della sanità regionale che si sta preparando, “parte già debole, pusillanime e insufficiente”. Questo il quadro tutt’altro che confortante dipinto da SEL Umbria per bocca del Coordinatore Luigi Bori. Il quale affonda il coltello senza mezzi termini sulle cause della crisi della sanità pubblica regionale, determinata, a suo dire, “dai tagli dei finanziamenti, ma anche dalle amoralità gestionali e dall'uso privato” del bene pubblico sanità.

La riforma regionale in gestazione, per Bori, non affronta gli elementi critici del sistema: gli sprechi, la razionalizzazione della rete ospedaliera, l'eliminazione dei servizi ospedalieri che negli anni si sono moltiplicati, l'individuazione dei punti nascita da chiudere, la “drastica diminuzione delle aziende sanitarie regionali”, un significativo e reale potenziamento dei servizi territoriali e di quelli, sempre più necessari, per la popolazione anziana in aumento.

Alla Regione Umbria Bori rimprovera poi di non affrontare adeguatamente il nodo centrale dei rapporti con l’Università e dell’apporto qualitativo che la Facoltà di Medicina dovrebbe assicurare, specie in alcune discipline, come quelle chirurgiche, dove la mancanza di luminari di qualità sta determinando la fuga dei pazienti fuori regione. Un confronto vero e di merito con l’Ateneo sarebbe indispensabile per Bori prima di sottoscrivere l'ennesima “convenzione” con l'Università degli Studi di Perugia che, così, rischia di essere solo l’ennesimo “patto di potere”.

Così, ugualmente, manca nella impostazione della giunta regionale, ogni riferimento ai “patti di confine” con le regioni limitrofe per le “alte specialità”, per assicurarsi le quali l’Umbria, date le sue dimensioni, non può che accordarsi con i vicini.

Una bocciatura su tutta la linea, dunque, da parte di SEL per la proposta di riforma in discussione al Consiglio regionale. Proposta che, dicono i vendoliani, non prevede un ruolo di partecipazione attiva e di controllo né per gli enti locali, né per i cittadini. Dettata da “equilibrismi politici” e che “mistifica la verità ai cittadini umbri”. Bori invita la Giunta ad uscire dai balletti delle “buone intenzioni e delle dichiarazioni politicistiche” per dire agli umbri “come stanno davvero le cose”: c’è un pericolo di bancarotta del sistema sanitario pubblico umbro e tutti i cittadini dovrebbero essere chiamati a difenderlo da protagonisti.

Redazione Agenzia Stampa Italia

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Inchiesta Perugia, PD: "Da Melillo e Cantone contributo di rigore e chiarezza"

(ASI) "La richiesta di urgente audizione a Commissione  Antimafia, Copasir e CSM da parte del Procuratore Nazionale Antimafia Melillo e del Procuratore di Perugia Cantone va accolta subito. Per ...

Ternana-Parma 1-3, i Ducali escono vittoriosi dal “Liberati”

(ASI) TERNI – Dopo la bella vittoria sul campo del Palermo, la Ternana affronta al “Liberati” il Parma capolista. I rossoverdi di Breda devono cercare di dare continuità di risultati mentre ...

"Quo Vadis Italia", conferenza de La Rete dei Patrioti sul futuro della nazione con Valerio Arenare e Giustino D'Uva.

(ASI) "Si è tenuta sabato 2 marzo la conferenza organizzata dai movimenti aderenti a La Rete dei Patrioti, dal titolo "Quo vadis Italia". Una panoramica della situazione socio-politica nazionale, con uno sguardo ...

Avv. Trisciuoglio: Assumo la difesa del 18enne accusato di tentato omicidio per i fatti avvenuti il 7 gennaio a Savona ed estradato dalla Spagna in Italia.

(ASI)"Le incongruenze e la contraddittorietà delle prove a supporto del provvedimento custodiale in carcere ci permettono di confidare nella richiesta di scarcerazione che sarà avanzata a breve. Un ...

Campi Flegrei, Caso (M5S): “Accelerare con verifiche degli edificI”

(ASI) “La scossa di stamattina, di magnitudo 3.4 ha generato paura tra i cittadini che, nelle aree vicino all'epicentro, al confine tra Pozzuoli e Napoli, sono scese in strada. Non bisogna ...

Difesa: nave Duilio abbatte drone nel Mar Rosso

(ASI) Roma -  Nel pomeriggio di oggi, in attuazione del principio di auto difesa, Nave Duilio ha abbattuto un drone nel Mar Rosso. Il drone, dalle caratteristiche analoghe a ...

Immigrazione. Tubetti (FdI): Operazione alto impatto ha stroncato traffico di esseri umani

(ASI) "Occorre rivolgere un vivo ringraziamento agli uomini e alle donne in divisa, pilastri di uno Stato giusto, per aver portato a termine con successo l’operazione ad alto impatto ...

Dossieraggio: Iezzi (Lega), Lega attenzionata abusivamente, pronti a tutelarci in sedi opportune

(ASI) Roma  - “Sconcertanti dettagli dall’inchiesta sui dossieraggi, con la Lega attenzionata abusivamente. Contro Matteo Salvini e i leghisti la macchina del fango non si ferma mai, per ...

Google in tribunale: media europei rivendicano danni da 2,1 miliardi di euro per pratiche anticoncorrenziali

(ASI) Bruxelles - In una mossa audace che sottolinea la battaglia sempre più intensa tra conglomerati mediatici e giganti tecnologici, Google di Alphabet si trova coinvolta in una causa da 2,1 ...

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113