×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Vertenza "I.P.I.A. Fermi" di Agrigento. Rete Studenti Medi diffida la Provincia

(ASI) Agrigento. Lettere in Redazione -  Quasi un mese fa eravamo intervenuti in merito alla chiusura per inagibilità dell'Istituto per l'Industria e l'Artigianato "E. Fermi" di Agrigento dopo che, attraverso dei controlli effettuati da parte dei tecnici della Provincia di Agrigento, si era scoperto che l'edificio era stato costruito con cemento depotenziato.

 La Rete degli Studenti Medi, in qualità di sindacato studentesco, ha lamentato alcune inadempienze da parte della Provincia di Agrigento come ad esempio l'omesso controllo sui lavori di edificazione dell'I.P.I.A. avvenuti, come già è stato detto, con cemento depotenziato ma anche la mancata adozione di tutte quelle misure necessarie a garantire agli studenti la normale frequenza delle lezioni tra cui la programmazione dei lavori di ristrutturazione prima dell’inizio dell’anno scolastico e l’allestimento di locali alternativi che potessero essere già usufruibili dal momento in cui l’edificio sarebbe stato sigillato.

Circa due anni fa il cedimento di uno dei pilastri di un’ala dell'edificio ha determinato, in primis l’inagibilità per l'intero anno scolastico 2011/2012 di quella stessa parte dell'edificio con il conseguente trasferimento di 18 classi negli edifici scolastici limitrofi e poi, con l'inizio del nuovo anno scolastico, dopo che in estate erano stati effettuati accurati controlli sull'intero edificio da parte dei tecnici della Provincia di Agrigento, la sospensione dell'attività scolastica. Questi disagi hanno determinato conseguentemente diverse problematiche agli studenti dell'istituto i quali si sono ritrovati, in un primo momento, a seguire dei turni per contendersi gli spazi disponibili ed a seguire le lezioni in luoghi non adeguati come auditorium, sala mensa o laboratori, e successivamente ad essere ospitati in altri istituti con relative defezioni, come ad esempio la mancanza di mezzi di trasporto pubblico, dovute principalmente allo svolgimento delle lezioni con doppio turno.

Visto che la Provincia di Agrigento ha continuato a prendere in giro gli studenti senza mai preoccuparsi veramente di risolvere il loro problema, nonostante l'avessimo più volte invitata a rimediare ai propri errori e a trovare una soluzione per garantire agli studenti il diritto allo studio, qualche settimana fa abbiamo deciso di aprire una vertenza sindacale su questa vicenda e di agire per vie legali. Dopo aver contattato il nostro ufficio legale nella persona dell’Avvocato Michele Bonetti e, dopo avergli fornito tutti i documenti necessari per fare chiarezza sulla vicenda, egli ha preparato, lunedì 8 Ottobre, una diffida che è stata mandata, tramite raccomandata a.r., al Presidente della Provincia Regionale D’Orsi ma anche al Dirigente Scolastico dell’I.P.I.A. “Fermi” Casalicchio, che ha delle precise responsabilità nella gestione della scuola, con cui lì invitiamo "a reperire immediatamente e definitivamente un unico stabile dove poter sistemare le 24 aule didattiche e i laboratori al fine di garantire e ripristinare il diritto allo studio a questa comunità di studenti, essendo ormai trascorso troppo tempo dall'inizio dei disagi esposti sopra", e con cui lì avvertiamo che, se ciò non dovesse avvenire, saremo costretti "ad agire nelle sedi competenti per vedere accertate le responsabilità in merito sia all'omesso controllo sui materiali utilizzati nella costruzione dell’istituto professionale che alla non legittima intervenuta autorizzazione ai lavori effettuati" (cit. documento originale).

"Come sindacato studentesco continueremo a monitorare la vicenda e, in caso di inadempienze, daremo seguito alla diffida con un ricorso". Lo ha dichiarato il Portavoce della Rete degli Studenti Medi Sicilia Leandro Bianco. "Infatti il Presidente della Provincia" - aggiunge Bianco - "dopo la riunione in cui si era deciso che gli studenti dovevano essere trasferiti nei locali di zona ASI aveva promesso che 25 aule di quei locali sarebbero state consegnate entro venti giorni dopo la stipula del contratto di affitto e che entro fine dicembre sarebbe stato consegnato tutto lo stabile. Venti giorni sono passati da quando lo ha detto e ancora quel contratto non è stato firmato. "Nei prossimi giorni" - continua - "chiederemo un incontro al Presidente della Provincia e ci faremo dire se, dopo la nostra diffida, ha ancora intenzione di prendere in giro gli studenti o vuole davvero mantenere le promesse che ha fatto. In caso contrario abbiamo già detto cosa faremo". "Non è ammissibile" - conclude dicendo - "che gli studenti debbano subire i danni dell’inefficienza del sistema. Essi con tantissimi sacrifici, con tanta volontà e tanto impegno cercano ogni giorno di frequentare gli studi e poi gli viene vietata la possibilità di farlo. Noi saremo sempre al fianco degli studenti per difendere i loro diritti e il 12 Ottobre saremo in piazza anche ad Agrigento per denunciare ancora una volta le condizioni in cui si trovano gli studenti dell'I.P.I.A.".

UFFICIO STAMPA RETE DEGLI STUDENTI MEDI SICILIA

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

L’Economia della cultura come fattore di sviluppo. Gianni Lepre, “una grande opportunità per Napoli e il Mezzogiorno”

(ASI) L’Economia della cultura come fattore di sviluppo, questo il titolo del Convegno che si svolgerà a Napoli il prossimo 28 febbraio nella splendida cornice di Palazzo Fuga.

L’Economia della cultura come fattore di sviluppo

(ASI) Si svolgerà a Napoli il 28 febbraio con inizio alle ore 9.30  presso Palazzo Fuga, l’ex Real Albergo dei Poveri, in Piazza Carlo III, un importante convegno incentrato sulla ...

Le nuove relazioni tra Argentina e Italia ripartono dal comparto energetico

(ASI) Ripartiranno dal comparto energetico le relazioni tra Italia e Argentina.

Teramo, venerdì 1 marzo alla Mondadori il romanzo "Amal" sulla guerra in Palestina

(ASI) La grande storia che si intreccia con la politica internazionale torna a Teramo. Venerdì 1° marzo 2024 si terrà alle 17.30 presso la libreria Mondadori in Corso San Giorgio 71, la presentazione del ...

La ricchezza delle famiglie in pericolo?

(ASi) Chieti - A rischio la ricchezza delle famiglie. Si sta assistendo a un gioco perverso dei tecnocrati dell'alta finanza globale che vogliono diventare la nuova aristocrazia feudale di stampo ...

Voucher per i nuovi nati secondogeniti come funziona?

(ASI) Per far fronte al calo delle nascite e incentivare la natalità, la Regione Campania ha istituito un bonus sotto forma di voucher dal valore di 600 euro ...

Google stipula un accordo da 60 Milioni di dollari con Reddit per dati di addestramento dell'IA

(ASI) In una mossa significativa che potrebbe ridefinire il panorama dello sviluppo dell'intelligenza artificiale (IA), Google ha siglato un accordo storico con Reddit, del valore approssimativo di 60 milioni di dollari. ...

Torino, Fiore: "Forza Nuova, con il partito paneuropeo APF, sarà presente alle Elezioni Euopee. Pronti a difendere l'Italia dalla politica scellerata dell'UE"

(ASI) "Sabato 24 febbraio, Roberto Fiore a Torino, accolto da militanti e simpatizzanti del movimento, ha parlato della genesi dI Forza Nuova dal 9 ottobre 2021 alle prossime elezioni europee.    Il ...

Sangue sulle strade: lunedì in Campidoglio un convegno organizzato da Azione per fare il punto sulle modalità attraverso le quali arginare una situazione sempre più drammatica

(ASI) Roma – Lunedì 26 febbraio si svolgerà presso la Sala della Protomoteca in Campidoglio il convegno dal titolo "Siamo sulla buona strada per ridurre gli incidenti stradali?", in programma a ...

Roma, Striscione al Colosseo di Militia Christi:" Stop al massacro in Donbass!"

(ASI) Roma - "Uno striscione affisso all'alba, sul cavalcavia del Colosseo, da Militia Christi (Movimento aderente a La Rete dei patrioti) per ribadire quale sia stata la causa scatenante, ovvero ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113