×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Thailandia. Dal massacro di Tak Bai alla guerriglia nel sud del Paese


(ASI) Lontano da Bangkok e dal turismo di massa, nelle provincie del sud della Thailandia, bombe ed agguati sono frequenti. Proprio ieri una serie di imboscate a colpi di arma da fuoco ha causato la morte di undici persone tra Yala, Pattani e Songkhla.

 La guerriglia a bassa intensità fatta dalla minoranza musulmana di etnia malay e volta a colpire le forze di sicurezza thailandesi, ha causato, negli ultimi otto anni, la morte di oltre 5mila persone. Secondo un recente rapporto dell’organizzazione non governativa, Deep South Watch, gli scontri e soprattutto le vittime, sono aumentate nell’ultimo periodo. «Solo nel mese di giungo – riferisce l’organizzazione - 47 persone sono state uccise e 92 sono state ferite dagli attacchi».

Le origini del conflitto sono iniziate nel primo novecento quando la regione fu inglobata dall’allora Siam in cambio di un territorio della futura Malayesia dato agli inglesi. Solo recentemente, dal 2004 ad oggi, gli scontri si sono intensificati.

Era il 25 ottobre del 2004 quando le immagini del massacro di Tak Bai, villaggio del Narathiwat, una provincia a sud della Thailandia, fecero il giro del mondo mostrando file di cadaveri avvolti in sacchi di plastica. In quella giornata di ottobre circa tremila persone si erano ritrovate davanti alla stazione di polizia del villaggio per chiedere la liberazione di sei uomini che erano stati accusati di aver fornito armi a gruppi di estremisti islamici, quando ad un certo punto, le forze di sicurezza reagirono in maniera violenta. «La polizia – racconta un testimone di allora - aveva creato posti di blocco intorno a Tak Bai. Mi fermai. Scesi dal camion e vidi il corteo. Dopo pochi minuti iniziarono gli scontri. I poliziotti aprirono il fuoco. Ho visto un uomo cadere accanto a me per un colpo di pistola. Era morto. Le forze dell’ordine picchiavano i manifestanti e a un certo punto li accerchiarono. Usarono le canne dei fucili per colpirli al volto mentre erano sdraiati a terra. Presero anche me. Mi diedero diversi colpi sul collo e anche dei calci. Adesso non sento più come prima». Alla fine degli scontri, sei manifestanti rimasero a terra colpiti da armi da fuoco e più di settanta persone persero la vita durante il trasporto verso il campo militare di Pattani. Secondo le ricostruzioni ufficiali molte persone morirono per soffocamento dentro ai furgoni sovraffollati durante il trasporto, ma secondo alcune testimonianze, la polizia usò il pugno duro anche durante il viaggio.

Una soluzione politica sembra lontana anche perché, le autorità di Bangkok tendono a considerare la questione come «criminalità comune» e hanno per questo cercato di militarizzare la zona. Ma l’invio di soldati e forze di sicurezza non è servito se non a aumentare gli attacchi e le violenze.

Molto probabilmente la cultura malay non è mai stata capita da un Paese quasi esclusivamente buddista e il rischio e la paura è che le violenze si spostino nelle zone più visitate dai turisti occidentali.

Fabio Polese per Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Inchiesta Perugia, PD: "Da Melillo e Cantone contributo di rigore e chiarezza"

(ASI) "La richiesta di urgente audizione a Commissione  Antimafia, Copasir e CSM da parte del Procuratore Nazionale Antimafia Melillo e del Procuratore di Perugia Cantone va accolta subito. Per ...

Ternana-Parma 1-3, i Ducali escono vittoriosi dal “Liberati”

(ASI) TERNI – Dopo la bella vittoria sul campo del Palermo, la Ternana affronta al “Liberati” il Parma capolista. I rossoverdi di Breda devono cercare di dare continuità di risultati mentre ...

"Quo Vadis Italia", conferenza de La Rete dei Patrioti sul futuro della nazione con Valerio Arenare e Giustino D'Uva.

(ASI) "Si è tenuta sabato 2 marzo la conferenza organizzata dai movimenti aderenti a La Rete dei Patrioti, dal titolo "Quo vadis Italia". Una panoramica della situazione socio-politica nazionale, con uno sguardo ...

Avv. Trisciuoglio: Assumo la difesa del 18enne accusato di tentato omicidio per i fatti avvenuti il 7 gennaio a Savona ed estradato dalla Spagna in Italia.

(ASI)"Le incongruenze e la contraddittorietà delle prove a supporto del provvedimento custodiale in carcere ci permettono di confidare nella richiesta di scarcerazione che sarà avanzata a breve. Un ...

Campi Flegrei, Caso (M5S): “Accelerare con verifiche degli edificI”

(ASI) “La scossa di stamattina, di magnitudo 3.4 ha generato paura tra i cittadini che, nelle aree vicino all'epicentro, al confine tra Pozzuoli e Napoli, sono scese in strada. Non bisogna ...

Difesa: nave Duilio abbatte drone nel Mar Rosso

(ASI) Roma -  Nel pomeriggio di oggi, in attuazione del principio di auto difesa, Nave Duilio ha abbattuto un drone nel Mar Rosso. Il drone, dalle caratteristiche analoghe a ...

Immigrazione. Tubetti (FdI): Operazione alto impatto ha stroncato traffico di esseri umani

(ASI) "Occorre rivolgere un vivo ringraziamento agli uomini e alle donne in divisa, pilastri di uno Stato giusto, per aver portato a termine con successo l’operazione ad alto impatto ...

Dossieraggio: Iezzi (Lega), Lega attenzionata abusivamente, pronti a tutelarci in sedi opportune

(ASI) Roma  - “Sconcertanti dettagli dall’inchiesta sui dossieraggi, con la Lega attenzionata abusivamente. Contro Matteo Salvini e i leghisti la macchina del fango non si ferma mai, per ...

Google in tribunale: media europei rivendicano danni da 2,1 miliardi di euro per pratiche anticoncorrenziali

(ASI) Bruxelles - In una mossa audace che sottolinea la battaglia sempre più intensa tra conglomerati mediatici e giganti tecnologici, Google di Alphabet si trova coinvolta in una causa da 2,1 ...

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113