×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Intervista all'ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela

Intervista in esclusiva
per Agenzia Stampa Italia
a Sua Eccellenza
Luis Josè Berroteran Acosta, 
Ambasciatore  della
Repubblica Bolivariana del Venezuela










Diamo il benvenuto a Luis Josè Berroteran Acosta, Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela. In seguito alle recenti elezioni politiche, come potrebbero cambiare lo scenario del Venezuela?

Un saluto veramente speciale a tutto il pubblico italo-venezuelano, che osserva, che nota e che segue con attenzione questa notizia che rappresenta la continuità della democrazia venezuelana. Per il Venezuela, per il Governo, il gran numero di votanti rappresenta un messaggio universale della volontà democratica che esiste tanto nel popolo quanto nelle intenzioni del Governo. Questo risultato non si discosta dalle volontà del Governo: più democrazia, più partecipazione del popolo venezuelano, e la costruzione del suo destino attraverso un Governo di partecipazione popolare. Nello stesso modo, speriamo che il gran numero di posti ottenuti dall’opposizione nel Parlamento, rappresenti anche per loro più democrazia, senza alcun sospetto di golpe, di brogli, ma, proprio come dicevamo, di una maggior democrazia.

 

Dopo le diverse forti prese di posizione in politica estera da parte del Presidente Hugo Chavez, determinato e duramente critico nei confronti della politica di ingerenza degli Stati Uniti, qual è la collocazione geopolitica del Venezuela?

Il nostro principale alleato commerciale sono gli Stati Uniti, tanto a livello di importazione quanto di esportazione. Non comprendiamo le intenzioni del Governo statunitense in certe situazioni, ma in ogni caso pretendiamo la nostra autodeterminazione, la scelta del nostro popolo, in una maniera obiettiva, sincera e senza alcuna intromissione di alcun tipo. Il popolo venezuelano chiede rispetto al popolo statunitense, come a tutti gli altri popoli del mondo. In caso di ingerenza, in caso di intromissioni, in caso di ostruzionismo, allora la politica estera del Venezuela può senz’altro trovare altri mercati, altri alleati, altri punti di appoggio nel globo, proprio perché la nostra idea internazionale è quella di un mondo multipolare, dove tutti i soggetti internazionali abbiano stessa dignità, stessi diritti e dove tutte le differenze linguistiche e culturali siano rispettate.

 

Che rapporti esistono tra l’Italia e il Venzuela?

Storicamente, parlando degli ultimi sessanta anni, la relazione tra Italia e Venezuela ha costituito un rapporto basata sull’amicizia, sulla fratellanza e di accoglienza alla grande comunità italiana che emigrò nel nostro Paese, per cercare nuove prospettive di vita. Da questo punto di vista, tutto ciò non può che migliorare, e per quanto riguarda l’ambito economico, negli ultimi anni c’è stato un incremento molto importante in questa relazione, che vede la salda presenza di diverse imprese italiane nel nostro territorio, relativamente alle infrastrutture (costruzioni ferroviarie) e all’approvvigionamento energetico, con l’Eni impegnata nei giacimenti di petrolio e di gas del Venezuela.

 

Da alcuni anni tutto il Sud America appare in forte ascesa sullo scenario mondiale. Quanto il Venezuela di Chavez ha contribuito a questo mutamento, soprattutto in relazione al ruolo dell’ALBA (Aliancia Bolivariana por l’America Latina y El Caribe)?

Il popolo venezuelano decise democraticamente di seguire un leader che rappresentasse un cambiamento costituzionale, una dottrina bolivariana di fratellanza della grande patria dell’America Latina. Se altri popoli hanno ricevuto tale messaggio, e hanno voluto accoglierlo, attraverso i propri leader, questo non potrà che rappresentare un grande risultato, con una più vasta unità continentale e maggiori benefici per tutti noi. Questo messaggio è rivolto non solo ai nostri popoli, ma anche a tutti quelli che, come l’Africa e  il resto del mondo, intendano costituire con noi un fronte importante. Non vogliamo peccare di protagonismo e non vogliamo imporre alcun indirizzo in questa larga alleanza, semplicemente chiediamo la vicinanza dell’umanità, diffondendo questo messaggio, e cercando la più ampia partecipazione nell’idea di salvare un mondo che si sta autodistruggendo per colpa del peggior capitalismo. Seguiremo sempre la nostra concezione di autodeterminazione, credendo sempre che, proseguendo su questa strada di cooperazione, potremo porre le basi per creare un mondo migliore.

 

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Autonomia, Lorefice (M5S): scelta distruttiva anche per scuola

(ASI) Roma - “In bocca al lupo agli oltre 500.000 giovani da oggi impegnati negli esami di maturità, passaggio che segna l’inizio di un nuovo capitolo nel percorso di crescita ...

Autonomia, De Carlo (FdI): “Risultato possibile solo grazie al Governo Meloni”

(ASI)“L'autonomia differenziata è legge, un risultato possibile solo grazie all'impegno, al lavoro e alla serietà del Governo Meloni. Per anni questo è stato un obbiettivo solo a parole dei governi che ...

Autonomia, Costa (M5S): "Giorno sciagurato per il Paese"

(ASI) Roma - "L'approvazione dell'autonomia differenziata rende questo giorno nefasto per tutto il Paese. Gli effetti si vedranno nei prossimi mesi: scuola, ambiente, sanità, politiche sociali: tutto sarà frammentato e ...

Autonomia, Lazzarini (Lega): grazie a Salvini e a Calderoli, risultato che dedichiamo a nostri militanti

(ASI) Roma  – “Oggi abbiamo scritto una pagina storica per il Paese, il Veneto e tutte le regioni italiane: dopo 40 anni di battaglie politiche della Lega, un referendum tra i ...

Decreto Coesione, Albano (FdI): Zone Logistiche Semplificate anche in Umbria e Marche

(ASI) Roma - “La Commissione Bilancio del Senato ha appena approvato un emendamento al decreto Coesione che prevede la possibilità di istituire le Zone Logistiche Semplificate (ZLS) non solo ...

Autonomia differenziata è legge, Mariolina Castellone: l’Italia non è più una e indivisibile

(ASI) "L’autonomia differenziata è legge. L’Italia non è più una e indivisibile - lo scrive in una nota Facebook la Vice Presidente del Senato Mariolina Castellone - . Si realizza il ...

Commercialisti, Cataldi: “Rendere professione più attrattiva per i giovani”

Venerdì 21 giugno a Brindisi il Convegno regionale Puglia e Basilicata dell’UNGDCEC (ASI) “Dare una visione di medio e lungo termine alla professione di commercialista è fondamentale: è uno sviluppo che passa ...

Il Trattato di cessione di Nizza e della Savoia alla Francia, non registrato all'Onu?

(ASI) Parigi - La Repubblica Francese oltre al trattato della cessione della Corsica alla Francia da parte di Genova il 15 maggio 1768 (argomento che abbiamo già ampiamente trattato), non avrebbe registrato ...

L’On. Renata Bueno commenta le Elezioni Europee

(ASI) Onorevole Bueno, come considera il risultato delle recenti elezioni europee, dove le forze conservatrici hanno prevalso? "Il risultato delle elezioni europee evidenzia una forte domanda di sicurezza e ...

Lavoro: Laureti (PD): a Latina barbarie che merita risposta immediata

(ASI) "Un grave incidente sul lavoro trasformato in una barbarie: un uomo di nazionalità indiana ha perso un braccio mentre lavorava presso un'azienda agricola in provincia di Latina, nei pressi ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113