×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
L’inarrestabile ascesa militare dell’India

(ASI) Nuova Delhi sempre più in rampa di lancio tra le grandi potenze mondiali. Diventato paese di primo piano a livello economico, pur tra mille ombre, ora l’India sta crescendo anche dal punto di vista militare, quello che più conta per diventare una grande potenza mondiale. Nell’ultimo periodo il gigante emergente ha sperimentato con successo il missile balistico intercontinentale Agni V, dotato di una gittata di cinquemila chilometri e potenzialmente in grado di colpire la Cina; esperimento che fa seguito a quello dell’Agni III del febbraio 2010 e dell’Agni IV dello scorso novembre che dimostra la grande crescita dal punto di vista militare dell’India.

L’interesse indiano per questi vettori è dato dal fatto che una volta messo a punto il paese raggiungerebbe Usa, Francia, Inghilterra, Russia, Cina ed Israele nel ristrettissimo club delle nazioni dotate di missili balistici intercontinentali.

Parlando di riarmo indiano appare opportuno riferire come a farla da padrone in questo comparto industriale siano aziende più o meno controllate dal governo centrale, evidenziando la volontà di crescita militare del paese, con quelle statali che si occupano principalmente di bassa tecnologia mentre quelle partecipate dal governo siano quelle più impegnate nello sviluppo di nuove tecnologie.

Per crescere dal punto di vista militare l’India ha stanziato nel biennio 2012-12 oltre 40 miliardi di dollari, con un aumento del 17% rispetto al biennio precedente, con un esborso secondo solo a quello del 2009-10 quando l’aumento fu di un terzo. Tra il 2006 ed il 2011 inoltre Nuova Delhi è stato il primo importatore mondiale di sistemi d’arma con circa il 9% dei volumi internazionali di scambio, diventando uno dei principali mercati mondiali, avvantaggiato in ciò dalla crisi economiche che ha spinto aziende statunitensi ed europee ad interessarsi come non mai a questo mercato.

A frenare l’India ci sono però due problemi non di poco conto: in primis la necessità di ammodernare in tempi relativamente rapidi l’intero comparto militare e industriale e lo scarso sviluppo di parte della sua industria bellica.

L’India infatti dipende dall’approvvigionamento bellico estero tanto che con un piano decennale il governo punta a sviluppare del 70% il proprio potenziale industriale in termini di sviluppo, progettazione e produzione autonoma di equipaggiamenti per la difesa, anche alla luce del fatto che il paese punta a sostituire la gran parte dei sistemi d’arma esistenti, ritenuti ormai obsoleti.

Va però detto che l’India fatica a trovare partner stranieri disposti a dar vita a delle collaborazioni poiché con alto spirito protezionistico Nuova Delhi non permette ai partner di detenere più del 26% di queste joint ventures; ponendo così ampi ostacoli alla condivisione
di scelte strategiche e in particolare sulle tecnologie da trasferire, rendendo quindi complessa ogni possibilità di cooperazione industriale.

L’obiettivo della politica militare indiana è comunque abbastanza semplice: diventare un paese autonomo da un punto di vista difensivo; mentre il paese viveva un vero e proprio risveglio economico il governo si è anche reso conto che Cina e Pakistan rappresentano due minacce da contenere e, nella più estrema delle ipotesi, fronteggiare ed ha così impresso una accelerazione al mercato militare, anche per diventare una potenza di primo piano nella regione, provocando però magari una escalation nell’area e non solo.


Fabrizio Di Ernesto Agenzia Stampa Italia

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Salute, Medici italiani tra i meno pagati d'Europa. Aodi (Amsi-Uniti per Unire): «È il momento di una svolta nella valorizzazione economica per combattere la fuga per povertà nel mondo».

(ASI) Roma - 110mila euro lordi, oltre. Tanto guadagna un medico italiano dipendente del servizio sanitario, con una tassazione – ricordiamolo - del 43%. Una retribuzione così poco dignitosa e assolutamente ...

Stabilizzazione lavoratori Asl Na3 Sud, Nappi (Lega): cerimonia annullata. De Luca teme la contestazione e scappa

(ASI) “Apprendiamo che De Luca ha annullato la cerimonia per la stabilizzazione di quasi 150 operatori in servizio presso l’Asl Na3 Sud e che doveva tenersi il prossimo lunedì.

Per Assisi Performing Arts continueranno i concerti fino al 15 Luglio.

(ASI) Assisi - Stanno continuando di gran carriera i concerti dell'Assisi Performing Arts e continueranno fino al 15 Luglio. Da ormai trent'anni Il Direttore artistico Gregory Scime' con Estelle Gibbs ...

Maltempo: Coldiretti, al Nord caseifici allagati e grano distrutto dalla grandine

(ASI) Bene richiesta a Ue di misure eccezionali ma aumentare importi anticipi Pac per dare liquidità alle aziende colpite Grano spazzato via dalla grandine, mezzi agricoli ribaltati dal vento, un ...

Storico Premio Spoleto un encomio straordinario per le arti con tanti ospiti vip

(ASI) Spoleto - L'autunno si tinge di arte e cultura con la nuova edizione dello storico Premio Spoleto, che si terrà il 13 ottobre nell'incantevole cornice della Chiesa della Misericordia, nel ...

Congiuntura Confcommercio: 2° Trimestre in chiaroscuro con PIL al rialzo grazie a auto, produzione industriale e turismo

(ASI) Si conferma un secondo trimestre per niente brillante, ma con una stima previsionale al rialzo della variazione congiunturale del prodotto lordo da -0,1% a +0,1%. Tre gli elementi alla base ...

Aborto, Polonia. Pro Vita Famiglia: Bene stop Parlamento alla depenalizzazione. Maggioranza Tusk spaccata. Brandi: “Italia prenda esempio”

(ASI) «Il voto con cui oggi il Parlamento polacco ha bocciato la proposta di legge per depenalizzare l’aborto, grazie ai voti decisivi anche di alcuni parlamentari popolari della stessa ...

DL Agricoltura, Caramiello (M5S): caccia punto cardine azione Governo, FDI asseconda Lega

(ASI) Roma  – “Non sono riusciti a entrare dalla porta e ci riprovano passando dalla finestra. Per la maggioranza, con Lega capofila, la caccia è uno dei punti cardine dell’azione ...

Valditara: “Prosegue azione di valorizzazione di dipendenti che svolgono ruolo fondamentale per funzionalità scuole”

Personale Ata, firmato decreto per le posizioni economiche.  (ASI) Il Ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha firmato il decreto che disciplina le modalità di attribuzione delle ...

RAI, Mollicone (FDI): “Dati smentiscono censura, sinistra chieda scusa”

(ASI) “Dopo giorni di attacchi personali e ripetuti contro la gestione della Rai della copertura delle elezioni legislative francesi, i dati ufficiali della televisione pubblica sul minutaggio smentiscono in modo ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113