Cina. Cancelliere Scholz in missione a Pechino, sul tavolo affari e crisi internazionali

(ASI) È atterrato domenica in Cina il cancelliere tedesco Olaf Scholz, che nella giornata di ieri ha incontrato il presidente Xi Jinping presso la residenza di Stato Diaoyutai, lo storico complesso diplomatico posizionato all'interno del distretto di Haidian, nella parte nordoccidentale della capitale cinese.

«Dal momento che Cina e Germania sono rispettivamente la seconda e la terza economia mondiale, il consolidamento e lo sviluppo delle loro relazioni riveste un'importanza che va oltre la dimensione bilaterale, producendo un impatto più ampio sul continente eurasiatico e sul mondo intero», ha detto Xi Jinping, citato da Xinhua, esortando i due Paesi ad inquadrare ed accrescere i rapporti bilaterali da una prospettiva strategica e di lungo periodo, nonché a lavorare insieme per imprimere maggior stabilità e certezza a livello globale.

Il leader del colosso asiatico ha inoltre sottolineato che Cina e Germania condividono molte cose a livello internazionale, spiegando che quello multipolare è, sostanzialmente, un mondo in cui Paesi con diverse forme di civiltà, sistemi e percorsi di sviluppo si rispettano l'un l'altro e coesistono in pace. Le due potenze economiche «devono condurre in modo indipendente una collaborazione sui fronti multilaterali, premere sulla comunità internazionale per assumere misure concrete capaci di affrontare meglio sfide globali quali il cambiamento climatico, gli squilibri nello sviluppo e i conflitti regionali, e per fornire un maggior contributo all'equilibrio e alla stabilità del mondo».

Scholz, che nei primi due giorni della sua visita aveva già raggiunto le metropoli di Chongqing e Shanghai insieme a rappresentanti del panorama imprenditoriale tedesco, ha osservato che le relazioni bilaterali sono attualmente ad un buon livello e i due Paesi hanno intrattenuto rapporti stretti a tutti i livelli e in tutti gli ambiti. Quest'anno, del resto, segna il decimo anniversario della firma del partenariato strategico globale tra le parti, che ha notevolmente rafforzato il commercio e gli investimenti nelle due direzioni ma anche la cooperazione in ambiti quali il turismo, l'istruzione e la cultura.

«La Germania si oppone al protezionismo e sostiene il libero commercio», ha rimarcato Scholz spiegando che Berlino «è pronta a rafforzare la comunicazione e il coordinamento con la parte cinese per contrastare insieme il cambiamento climatico ed altre sfide globali, si impegna a supportare l'ordine internazionale multilaterale e a promuovere la pace e lo sviluppo mondiali, e rigetta il conflitto e lo scontro».

Stando a quanto scrive Reuters, questa è stata la prima visita del cancelliere tedesco nel Paese di mezzo da quando la Germania e l'intera UE hanno concordato la controversa strategia di de-risking per cercare di ridurre il rischio legato ad un'eccessiva dipendenza dal mercato cinese in alcuni settori strategici.

Secondo dati ufficiali tedeschi (DeStatis), tuttavia, nel 2023 la Cina si è confermata per l'ottavo anno consecutivo primo partner commerciale di beni della Germania con un volume di interscambio pari a 254,1 miliardi di euro, davanti a Stati Uniti (€252,6 mld) e Paesi Bassi (€220,4 mld). Gli investimenti diretti tedeschi sul mercato cinese sono inoltre aumentati del 4,3% raggiungendo flussi-record pari a 11,9 miliardi di euro, come mostra una recente analisi dell'Istituto Tedesco di Economia (IW) su dati della Bundesbank.

Come ha fatto notare Xi, le catene industriali e logistiche di Cina e Germania sono ancora «profondamente intrecciate» e i mercati dei due Paesi risultano «altamente interdipendenti», sottolineando che «la cooperazione dal mutuo vantaggio [...] non è un rischio ma la garanzia di una stabile relazione bilaterale ed un'opportunità per il futuro».

«C'è un enorme potenziale da sfruttare nel perseguimento della cooperazione dal mutuo vantaggio sia nei settori tradizionali, quali la meccanica e l'automotive, sia in quelli emergenti, come ad esempio la transizione verde, la digitalizzazione e l'intelligenza artificiale», ha aggiunto il presidente cinese.

Entrambi hanno auspicato per i due Paesi passi in avanti nella facilitazione dell'accesso al mercato dell'altro per le rispettive imprese. «È importante restare vigili contro l'emersione del protezionismo, adottare una visione obiettiva e dialettica sulla questione della capacità produttiva attraverso una prospettiva globale e di mercato, basata sulle leggi dell'economia, e compiere maggiori sforzi nel dialogo sulla cooperazione», ha ribadito Xi.

I due leader hanno affrontato anche gli spinosi temi legati alle crisi internazionali. Sull'Ucraina, se Scholz ha cercato di convincere Xi ad esercitare in qualche modo un'efficace pressione diplomatica sul Cremlino, il presidente cinese ha fatto presente che «la Cina non è parte in causa nella crisi» e ciononostante ha «coerentemente promosso negoziati di pace a suo modo», proponendo una possibile via d'uscita politica dal conflitto, prima che questo possa condurre ad un'escalation ed andare fuori controllo.

Sono quattro i principi messi in chiaro dal capo di Stato asiatico: focalizzarsi sul superiore interesse della pace e della stabilità anziché sulla ricerca di vantaggi particolari; raffreddare la situazione anziché aggiungere benzina al fuoco; predisporre le condizioni per il ripristino della pace anziché aggravare le tensioni; ridurre il negativo impatto sull'economia mondiale anziché minare la stabilità delle catene industriali e logistiche globali.

Interpretando le parole di Xi, risulta abbastanza evidente che Pechino ribadisce la sua assoluta sovranità sulla propria linea di politica estera, rigettando qualsiasi interferenza esterna. Come sin qui sempre avvenuto dal febbraio 2022, la Cina rifiuta inoltre qualsiasi allineamento alla retorica dei Paesi NATO, mettendo sul tavolo dell'analisi due fattori: l'esigenza ucraina di difendere la propria integrità territoriale e l'esigenza russa di garantire la propria sicurezza regionale.

In relazione al conflitto israelo-palestinese, le due parti concordano sull'importanza di implementare la Risoluzione 2728 del Consiglio di Sicurezza dell'ONU, prevenire qualsiasi escalation ed ulteriore deterioramento della situazione, garantire libero e rapido accesso umanitario a Gaza, sostenere la via diplomatica sulla base della soluzione dei due Stati e chiedere ai Paesi influenti di svolgere un ruolo costruttivo nel mantenimento della pace e della stabilità regionale.

 

Andrea Fais - Agenzia Stampa Italia

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Cnpr forum, logistica settore strategico per la competitività

(ASI)  “In Italia per poter usufruire di un servizio adeguato di logistica sono necessari due grandi fattori: gli investimenti su strade, ferrovie e porti da un lato; usufruire di ...

MO: Provenzano (PD), Netanyahu si fermi, subito cessate il fuoco 

(ASI) "Ancora orrore dalla Striscia di Gaza. Ieri una strage di civili e bambini a Rafah. Immagini inaccettabili, tanto più a due giorni dalla pronuncia della Corte internazionale di Giustizia.

Presidente Giorgia Meloni e Presidente degli Emirati Arabi Uniti, Mohamed bin Zayed bin Sultan Al Nahyan: ribaditi gli eccellenti rapporti bilaterali.

Creata joint venture MAESTRAL tra Fincantieri e l’emiratina EDGE Group (ASI) "Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il Presidente degli Emirati ...

MO: Laureti (PD), subito cessate il fuoco e riconoscimento stato Palestina 

(ASI) "Nel Sud di Gaza, a Rafah, un raid israeliano contro un campo di persone sfollate. L'ennesima strage di civili, in una comunità piegata, da mesi, dalla violenza militare e ...

Scuola: Murelli (Lega), con 'Agenda Nord' 220mln per pari opportunità formative

(ASI) Roma - "Grazie alla Lega e al lavoro del ministro Valditara davvero tutti gli studenti potranno ricevere le stesse opportunità formative. Con 'Agenda Nord' uno stanziamento complessivo di 220 milioni ...

 Confagricoltura. De Carlo (FdI) : “ Bene conferma Giansanti. Priorità condivise per un'agricoltura al centro della discussione politica”

(ASI) “Faccio le mia personali congratulazioni a Massimiliano Giansanti per la rielezione alla guida di Confagricoltura. Non posso che condividere le sue priorità: dialogo, innovazione e ricerca sono i filoni ...

Difesa, Crosetto. Considerazioni su Rafah fatte con mio omologo isreaeliano, primo dovere di qualsiasi collega di Paese amico

(ASI) Roma - "Nel corso di un mio intervento andato in onda questa mattina su 'Sky TG24 Live in' ho pronunciato delle frasi, peraltro da me già esplicitate in altre ...

Energia: il MASE approva il regolamento del Fondo Nazionale Reddito Energetico. Il Ministro Pichetto: “Importante per contrastare la povertà energetica”

(ASI) Roma - Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha pubblicato il regolamento del Fondo Nazionale Reddito Energetico, che sostiene la realizzazione di impianti fotovoltaici domestici a servizio ...

Elezioni, Gasparri: FI in rilancio, sondaggi ci danno risposte positive

(ASI) "Oggi ho incontrato numerosi imprenditori del settore automotive, pulizie e servizi, e di molte altre realtà di un distretto laborioso che chiedono al governo centrale concretezza".

Bonessio (Alleanza Verdi-Sinistra): aree agricole lotto Valle Aniene non aggiudicato, per nuovo bando riavviare confronto con cittadinanza

(ASI) Roma  – "La non aggiudicazione del lotto Valle Aniene nell'ambito dell'iter per l'assegnazione delle terre agricole di Roma Capitale deve essere l'occasione per riavviare sin da ora un dialogo ...