Tensioni Serbia-Kossovo, Jovan Palalic (SNP): dialogo, pace e autonomia sì. Indipendenza no! Il Kossovo è Serbia.

(ASI) Per gli Speciali ASI, abbiamo intervistato, Jovan Palalic, parlamentare dell'Assemblea Nazionale Serba e Segretario Nazionale del Partito Popolare Serbo*, gruppo politico che fa parte della coalizione guidata dal Partito Progressista Serbo a sostegno del Presidente della Repubblica Aleksandar Vučić. Inoltre, Jovan Palalic, è anche presidente dell'amicicizia  parlamentare fra Serbia ed Italia.

Per l'onorevole serbo Palalic è bene fare subito chiarezza su un aspetto fondamentale. Ciò per comprendere anche le cause delle tensioni recenti che si sono svolte al confine del Kossovo e Serbia. Pertanto, prima di tutto bisogna partire dalla posizione della Serbia  riguardo al Kossovo. Per la Costituzione serba il Kossovo è una la provincia settentrionale  della Serbia. Non uno Stato indipendente. Lo è anche a livello del diritto internazionale. Infatti il  Consiglio di Sicurezza dell'ONU con la risoluzione 1244 ha stabilito che il Kossovo è territorio della Serbia e l'amministrazione kossovara ne deve prendere atto.

 La Serbia però vuole trattare con l'amministrazione al potere a Pristina per risolvere i problemi tecnici,  per portare la pace a tutto il popolo che vive nel Kossovo, territorio  -  che Palalic ribadisce con forza -  è provincia serba perché il Kossovo non è uno Stato indipendente.

Poi, sulle tensioni e i disordini avvenuti di  recente dà la colpa al nuovo primo ministro kossovaro Albin Kurti  che  - il parlamentare serbo giudica senza mezzi termini -  e un estremista che promuove l' odio contro i serbi.  La decisione, presa unilareralmente dal primo ministro kossovaro Kurti, d'imporre  ai serbi la lingua kossavara nei documenti, nelle targhe e nei veicoli dei cittadini serbi che vivono in Kossovo è chiaramente  una provocazione oltre ad essere giuridicamente  un provvedimento  illegale in quanto non è stato conocrdato con il governo di Belgrado. Ma anche perchè i serbi del Kossovo si sentono solo cittadini della Serbia e non considerano il Kossovo uno Stato indipendente.  Inoltre, il  Segretario Nazionale del Partito Popolare Serbo, Jovan Palalic precisa che anche l'ambasciatore statunitense ha denunciato che il provvedimento è stato preso unilateralmente da Albin Kurti senza consultare gli alleati USA e pertanto il diplomatico statunitense, anche dietro le proteste serbe, ha bloccato il provvedimento ed ha dato un mese alla Serbia e all'ammistrazione di Pristina per risolvere la controversia. Jovan Palalic in definitiva, spiega la netta posizione del governo servo: Belgrado vuole parlare con l'amministrazione del Kossovo. Noi vogliamo il dialogo per risolvere i problemi della gente e siano per una pacifica e civile convivenza fra tutta la popolazione che vice in Kossovo. Vogliamo pure riconoscere agli albanesi una grande autonomia, ma non l'indipendenza del Kossovo.

Jovan Palalic spiega la posizione politica di Belgrado anche dal puntio di vista storico: è nel Kossovo che nel medioevo nasce il nostro Stato, la nostra chiesa e la nostra identità. Infatti nel Kossovo si trovano 1.300 fra chiese e monasteri ortodossi. Perché i serbi dicono che il Kossovo è il cuore della Serbia perché la nostra anima e tutto ciò che definisce il nostro popolo è collegato con il Kossovo. Seconda cosa fondamentale è stata la battaglia della Piana dei Merli del 1389 contro le milizie ottomane, oltre che ad essere un luogo simbolico della Cristianità ortodossa è stata una battaglia per la libertà e per avere uno Stato serbo indipendente. 

In merito alle notizie secondo cui il ministro dell’Interno serbo,  Alexandar Vulin, avrebbe ricevuto pressioni  da importanti servizi segreti stranieri,  che gli avrebbero intimato di assumere una posizione anti-russa  e che la cosa  possa essersi verificata anche con alcuni parlamentari dell’Assemblea Nazionale Serba, risponde che ho visto le sue dichirazioni, ma non posso commentare perché non conosco la questione. Chiaro che sappiamo che ci  possano essere delle pressioni e che vorrebbero vedere altri politici al governo. Ma una cosa è certa: la Sebia è uno Stato indipendente e il Presidente della Repubblica Aleksandar Vučić è un presidetne che vuole guidare uno Stato ed un popolo indipendente.   

Circa le pressioni internazionali che alcune nazioni stanno facendo alla Serbia per riconoscere il Kossovo, Jovan Palalic ricorda che è nostra posizione storica essere una nazione indipendente e vogliamo essere artifici del nostro destino senza pressioni, ma le decisioni che riguardano il popolo, la politica e la scelta del governo e dei ministri, le decisioni saranno solo nostre, Indipendenti lo saremo con i patner occidentali ed orientali. Tuttavia, la Serbia è ricconoscente alla Russia e alla Cina che misero il veto sulla  violazione della risoluzione 1244 che sancisce che il Kossovo è Serbia. Senza poi dimenticare che la Serbia importa il 100% del gas e petrolio russo, ma naturalmente e per ovvie ragioni, siamo per ll'integrità del territorio dell'Ucraina. Inoltre sulle pressioni esterne ,Jovan Palalic, riporta due sondaggi che attestano quale è il parere dei sebi. L'85% degli intervistati si dichiarano contrari ad entrare nella Unione Europea se questa adesione viene condizionata dal riconoscimento  prima da parte della Serbia del Kossovo come Stato indipendente. Sempre l''85% degli intervistati si dichiarano contrari alle sanzioni alla Russia,

Ettore Bertolini -  Agenzia Stampa Italia

 

 

*Partito popolare serbo (Srpska narodna partija , SNP).

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Al Mef avviato tavolo tecnico su fisco e vigilanza calcio

(ASI) Al Ministero dell’economia e delle finanze si è tenuta oggi una riunione nel corso della quale il viceministro Maurizio Leo e il ministro per lo sport e i giovani ...

Regionali Lazio, Grassi (Tea Energia): con Rocca la vera svolta per il Lazio. D'Amato diffonde dati non reali

(ASI)“I dati che  sta diffondendo D’Amato circa i risultati raggiunti da questa giunta in questi anni non corrispondono alla realtà”, così in un’intervista a Radio Radicale ...

Disney e il monopolio del mercato cinematografico.

(ASI) Il colosso americano Disney sta creando un monopolio nel settore dell'intrattenimento e il bilancio recentemente diffuso testimonia la continua e costante crescita dell'impresa.

CulturaIdentità Genova: "Grave atto vandalico contro il Ricordo dei Martiri delle foibe e gli Esuli"

(ASI) Genova  – L’atto vandalico è avvenuto ieri nei giardini Cavagnaro a Genova-Staglieno, dove si erge la stele che ricorda i Martiri delle Foibe e gli Esuli di Istria e ...

Decreto "milleproroghe", Dehors liberi fino al 31 dicembre 2023. La soddisfazione di FAPI CESAC

(ASI) "Una buona notizia per gli imprenditori della ristorazione. Accogliamo con grande soddisfazione la proroga al 31 dicembre 2023 dei dehors liberi proposta dal Governo. Si tratta di una decisione di buon ...

Giorno del Ricordo, Ambrogio-Ravello-Viscione (FDI): “Inaccettabile che Eric Gobetti presenti libro revisionista al Comune di Grugliasco”

(ASI) “Abbiamo appreso con indignazione l’organizzazione di un convegno sul libro revisionista “E allora le Foibe” pubblicato da Eric Gobetti, personaggio fazioso e denigrante dell’eccidio dei nostri connazionali”.

Sanità, Csa-Cisal incontra l’assessore regionale Volo: “Stabilizzare i precari, non si disperdano competenze e professionalità”

(ASI) Palermo – “La sanità siciliana ha bisogno di investimenti e risorse umane e non può permettersi di disperdere le professionalità e le competenze di chi, durante l’emergenza Covid, ha ...

CIPESS, Morelli: approvato progetto definitivo Pedemontana, risultato storico

(ASI) Roma - “Il Cipess ha approvato il progetto definitivo della Pedemontana piemontese con gli aumenti dei costi legati al caro energia per il limite di spesa pari a 385 milioni”.&...

Vino, Malaguti (FDI): da Irlanda dichiarazione di guerra commerciale ai prodotti italiani

(ASI) “Dall’Irlanda arriva una chiara dichiarazione di guerra commerciale al vino italiano dopo il via libera all'etichetta con gli alert sanitari per gli alcolici. Siamo in presenza di una ...

Liliana Segre cittadina onoraria di Somma Vesuviana

(ASI)  Salvatore Di Sarno (sindaco di Somma Vesuviana nel napoletano): "E' praticamente terminato l'iter per il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, testimone ...