(ASI) Le presidenziali in Bielorussia, vedono riconfermato per la presidenza Aleksandr Lukashenko. Secondo la Commissione elettorale centrale avrebbe ottenuto l’80,23% dei voti.

La candidata all’opposizione Svetlana Tikhanovskaja guadagna solo il 9,9%. Quindi la tornata elettorale vede la vittoria schiacciante di Lukashenko, che si conferma per un sesto mandato. Tuttavia la gente scende in piazza e grida ai brogli.

Un mezzo delle forze dell’ordine come riporta il quotidiano la Repubblica investe i manifestanti nella capitale. Contro i dimostranti granate stordenti, proiettili di gomma e idranti. Internet bloccato. Circa tremila arresti. Condanna da parte dell'UE, mentre arrivano le congratulazioni da Russia e Cina, ossia da Putin e da Xi Jinping, ma anche da molti altri Paesi asiatici.

Alla luce della chiara volontà elettorale espressa dagli elettori e  delle conseguenti  contestazioni di piazza, viene da chiedersi se Lukashenko debba essere contestato a prescindere  perché  inviso all’Occidente? Perché, non si accetta una vittoria democratica schiacciante? Se la vittoria è netta, allora perché vengono organizzate le proteste?  

A chi giova la destabilizzazione della Biellorussia? Ci sono analogie fra le proteste di Minsk e quelle del Libano? C’è qualcuno che vuole speculare sugli equilibri mondiali? Oppure il malcontento, la rabbia e la furia devastante delle masse sono provocati solo da un dissenso sociale? A chi può giovare lo scontro e la guerra civile? A pochissimi. Non certo alla maggior parte della gente.  

Invece, soprattutto, in questo delicato  momento  è più che mai attuale il messaggio  di concordia ed unità lanciato da Papa Francesco  che  predica  amore e rispetto reciproco tra autorità e popolazione. Ci vuole cooperazione, misericordia e amore fraterno l’uno per l’altro. Che l’odio non interceda. Queste le parole del Pontefice, che si augura il ritorno della pace in Libano e nel mondo.

 

Massimiliano Pezzella – Agenzia Stampa Italia

 

 

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.