×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Libia. Ecco chi sono le personalità e le organizzazioni influenti della ribellione




Ecco chi sono le personalità e le organizzazioni influenti della ribellione in Libia.

Tegno Tagne Honoré

(ASI) Il Consiglio Nazionale di Transizione (CNT) è stato creato il 27 febbraio scorso, dopo le prime manifestazioni accadute dieci giorni prima in Cirenaica. Il consiglio è composto di 31 membri che rappresentano diverse personalità provenienti da ogni estrazione sociale libica. Molti dei membri del consiglio sono sconosciuti al pubblico. I loro nomi sono nascosti per motivi di sicurezza. Solo i nomi di tredici dei 31 membri del consiglio sono noti. La sede provvisoria del CNT si trova a Bengasi, nel palazzo della giustizia. Il consiglio è un gruppo eterogeneo. Ci sono militanti dei diritti umani, tra cui molti esuli provenienti da Londra, poi ci sono monarchi come Senoussi che risiede a Ginevra in Svizzera, ci sono i fondamentalisti islamici del fronte nazionale per la salvezza della Libia (FNSL) e anche il gruppo islamico combattente in Libia (GCIL), fondato in Afghanistan dai Mujaheddin libici. Questo gruppo è affiliato ai terroristi di Al – Qaida. Un altro filone del Consiglio nazionale di transizione è composto da personalità provenienti dal regime di Muammar Gheddafi.

L’obbiettivo del consiglio è molto chiaro: dare alla Libia una costituzione democratica ed organizzare le elezioni libere una volta rovesciato il regime del colonnello. Tuttavia per mettere in atto questi obiettivi, il consiglio dovrebbe dimostrare di avere il controllo totale e la gestione del territorio libico, cosa molto difficile per ora. Oggi, il Consiglio nazionale di transizione è riconosciuto da 52 nazioni come rappresentante legittime del popolo libico.

Per condurre questa sanguinosa guerra civile libica, il Consiglio nazionale di transizione ha creato un comitato di crisi che agisce come braccio esecutivo del consiglio. Mustapha Abdel Jalil 58 anni è il Primo ministro ad interim di questa struttura. L’uomo è anche il Segretario del Consiglio nazionale di transizione. Mustapha è stato il ministro della Giustizia nel regime di Gheddafi prima di dimettersi il 21 febbraio scorso. Fu il primo membro del governo ad abbandonare il colonnello. Omar el – Hariri, 67 anni è il capo degli affari militari in questo comitato di crisi. È stato il compagno del Rais durante il colpo di stato contro il Re Idris nel 1969. Fino a qualche settima fa, il capo militare dei combattenti era Abdelfettah Younes 67 anni, ex ministro dell’Interno di Gheddafi. Younes è stato ucciso in situazioni ancora misteriose il 29 luglio a Bengasi. Una faida tra ribelli. Sempre in questo comitato, la gestione degli affari esteri è sotto la responsabilità di Ali Essaoui, ex ministro dell’economia del Rais. Prima di ricoprire questo incarico, Ali Essaoui era ambasciatore della Libia in India fino alle sue dimissioni il 21 febbraio scorso. Altro posto strategico è quello del petrolio. Il responsabile di questo dicastero è Ali Tarhouni. Otto mesi fa, era ancora professore di macroeconomia all’Università di Washington a Seattle negli Stati Uniti d’America. Ali Tarhouni lasciò la Libia nel 1973 senza mai rompere il contatto con l’opposizione.

Ecco le personalità e le organizzazioni influenti che combattono con i ribelli o gestiscono gli affari politici e militari del CNT. Molti di loro sono fondamentalisti islamici e collaborano tuttora con terroristi di Al – Qaida. Altri invece hanno collaborato per anni con il dittatore Muammar Gheddafi. Tutto questo preoccupa gli osservatori internazionali. Nessuna sa esattamente come potrebbe essere la natura politica della Libia del dopo Gheddafi. D’altra parte, se un domani il Rais venisse arrestato e portato davanti a un tribunale per essere processato per crimini e violazioni dei diritti umani, probabilmente molti esponenti politici della nuova Libia non potrebbero avere il sonno tranquillo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Cospito. Malan (FdI): titolo del Domani è istigazione alla violenza contro premier Meloni

(ASI) “Gravissimo il titolo sbattuto in prima pagina dal quotidiano Domani di oggi. Scrivere “il presidente Meloni è pronta a lasciar morire in carcere Cospito” non soltanto è palesemente falso, ma è anche ...

Cina. Effetto riaperture: indici PMI in risalita dopo la fine della politica zero-Covid

(ASI) Quando il governo cinese, tra novembre e dicembre, aveva annunciato la graduale rimozione della stringente politica zero-Covid, il nuovo trend sembrava ormai chiaro. In Occidente, non pochi osservatori e ...

Dati Istat. Paolo Capone, Leader UGL: “Riformare politiche del lavoro per rilanciare occupazione”

(ASI) “I dati Istat relativi al mese di dicembre 2022 evidenziano una crescita dell’occupazione che si attesta al 60,5% per effetto dell'aumento dei dipendenti permanenti e degli autonomi (+34 mila). Un ...

Pil, Fenu (M5S): USA e UE puntano su crediti imposta, governo va indietro

(ASI) Roma - “Basterebbe un minimo di analisi comparata per capire quanto sia importante, per la crescita degli investimenti e del Paese in generale, il meccanismo economico dei crediti ...

Sanremo: Casini, controllo RAI su parole Zelensky notizia ridicola e deprimente

(ASI) Roma – “Che sia affidato alla burocrazia della Rai il controllo di ciò che Zelensky dirà a Sanremo è una notizia che non so se sia più ridicola o deprimente”.

Resto al Sud, l’autoimpresa su misura per i giovani. Riflessioni e proposte del giuslavorista Severino Nappi

Resto al Sud, l’autoimpresa su misura per i giovani. Riflessioni e proposte del giuslavorista Severino Nappi

VITA, nasce la rete territoriale della comunità sociale e politica. Il progetto VITA diventa realtà.

(ASI) Sara Cunial “VITA vuole dare al nostro Paese la forza e la consapevolezza per contrastare la politica al servizio di interessi extra nazionali e forze neoliberiste, incentrata sulla paura ...

Cospito. Speranzon (FDI): Quotidiano “Domani” Chieda scusa per titolo contro Meloni

(ASI) Manifestazioni violente, lettere minatorie, sabotaggi, episodi vandalici. Il clima sociale in queste ore è incandescente, di tutto c’è bisogno tranne che di qualche giornale che si metta a soffiare sul ...

Qatargate, Pignedoli (M5S): revoca immunità atto dovuto

(ASI) “La revoca dell’immunità a Andrea Cozzolino e Marc Tarabella, coinvolti nello scandalo corruzione che ha colpito il Parlamento europeo, è un atto dovuto nell’interesse sia dei due europarlamentari, ...

Cisl Fp sottoscrive la lettera-appello “Analisi e Criticità aggiornamento LG 21 per i Disturbi dello Spettro autistico in Età Evolutiva pubblicato dall’Istituto Superiore di Sanità nel Novembre 2022”

(ASI) Chiedendo che si investa con più forza nel sistema di supporto e intervento per le persone affette da disturbi dello spettro autistico e i loro familiari, potenziando la rete ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113