Superbonus: spesi 71,7 miliardi per riqualificare il 3,1% degli edifici residenziali del Paese
(ASI) Cala il sipario sulle cessioni dei crediti, sugli sconti in fattura e il bilancio sul Superbonus è in chiaro-scuro. A fronte di 372.303 asseverazioni depositate entro il 31 gennaio scorso1 , lo Stato, con il cosiddetto 110 per cento, dovrà farsi carico di una spesa di 71,7 miliardi di euro. Ricordando che in Italia sono presenti quasi 12,2 milioni di edifici residenziali2 , l’Ufficio studi della CGIA ha ipotizzato che, fino ad ora, questa misura abbia interessato solo il 3,1 per cento del totale degli immobili ad uso abitativo (vedi Tab. 1). In altre parole, avendo dato la possibilità ai proprietari di riqualificare queste unità abitative con la detrazione fiscale del 110 per cento, lo Stato si è addossato un costo pari a 72,7 miliardi di euro per migliorare l’efficienza energetica di una quota ridottissima di edifici presenti nel Paese.
  • Non va “bocciato” e va trovata una soluzione per i crediti incagliati
Sia chiaro: il Superbonus non va “bocciato” perché ha sicuramente contribuito a incentivare la ripresa economica di un settore, come quello dell’edilizia, che nel nostro Paese ha un peso specifico importante. Tuttavia, questa misura ha provocato un costo in capo alla fiscalità generale spaventoso e non proporzionale al numero di edifici che sono stati “efficientati”. Ora, dopo la cancellazione degli sconti in fattura e delle cessioni del credito, il proprietario di un immobile residenziale potrà beneficiare della detrazione del 90 per cento (e non più del 110), compensando lo sconto solo in sede di dichiarazione dei redditi. E’ evidente che l’appetibilità dello strumento è destinata a scemare. Tuttavia, la cosa più preoccupante è che con il decreto del governo approvato l’altro ieri non è stata trovata una soluzione per le tante aziende e famiglie che sono in possesso di una massa di crediti fiscali importanti e non più esigibili. Una situazione che nel giro di qualche mese rischia di far fallire molte aziende del settore delle costruzioni.
  • Prezzi dei materiali alle stelle
La convinzione di aver speso troppo e di aver “drogato” anche il mercato edilizio è comunque molto elevata.  Ricordiamo che questo meccanismo, che consentiva di detrarre fiscalmente molto più di quanto un proprietario era chiamato a spendere per ristrutturare un edificio, ha innescato una bolla inflattiva preoccupante, alimentata anche dal forte aumento dei prezzi registrato nel 2022 da tutte le materie prime.  A fronte di un boom della domanda che, tra l’altro,  per legge doveva essere soddisfatta entro un determinato periodo di tempo, il Superbonus 110 per cento ha contribuito a far schizzare all’insù i prezzi di moltissimi materiali (ferro, acciaio, legno, sabbia, laterizi, bitume, cemento, etc.) e altri per molto tempo sono pressocché scomparsi dal mercato (lana di roccia, polistirene, ponteggi, etc.).
  • Il Veneto ha guidato la corsa al 110%
A livello regionale è il Veneto ad aver registrato il ricorso più numeroso al Superbonus 110 per cento in relazione agli edifici residenziali esistenti.  Con 46.447 asseverazioni, l’incidenza percentuale di queste ultime sul numero degli edifici residenziali esistenti è pari al 4,4 per cento, in Toscana scende al 4 per cento e in Lombardia al 3,9. Le regioni meno coinvolte, invece, sono la Calabria, Valle d’Aosta e Liguria (tutte con un’incidenza del 2 per cento), insieme alla Sicilia che chiude la graduatoria con l’1,7 per cento. A livello nazionale, infine, l’importo medio delle detrazioni a fine lavori previsto è pari a 192.756 euro per edificio residenziale. I picchi massimi li scorgiamo in Campania (247.337 euro), Basilicata (254.090 euro) e Valle d’Aosta (267.698 euro). Chiudono la graduatoria, invece, Friuli Venezia Giulia (152.056 euro), Toscana (151.206) e Veneto (150.906 euro) (vedi Tab. 2).
 
 
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...

Olimpiadi 2026, Cappelletti (M5S): si fermi capriccio pista bob e Salvini-Zaia chiedano scusa

(ASI) Roma. – “È ormai palese che non ci sono i tempi tecnici per realizzare il “budello del ghiaccio” a Cortina per i Giochi olimpici del 2026. Il governo metta fina a questa ...