lorenzo mattioli(ASI) Roma - «Il Green Pass va considerato come una garanzia per i lavoratori e le imprese, e non come una limitazione della libertà. Il mondo dei Servizi si è sempre schierato a favore di ogni strumento di protezione, come dei vaccini dal momento che sono stati resi disponibili, ed ancor più oggi riteniamo che per fronteggiare le varianti del Covid si debba compiere uno sforzo ulteriore.

Pensiamo alla grande incognita che si staglia, ad esempio, sugli operatori dei Servizi nelle scuole, o chi in generale lavora in situazioni di potenziale esposizione come gli ambienti sanitari o i trasporti: il Green Pass aziendale si traduce in un grande atto di responsabilità per le azienda e  riteniamo che si tratti di uno sforzo utile per rimettere in moto l’economia e creare ulteriori baluardi sanitari». Lo dichiara Lorenzo Mattioli, presidente di Confindustria Servizi HCFS, federazione confindustriale che raccoglie le associazioni di imprese del facility, pulizie e sanificazione, lavanderie industriali e dispositivi di protezione individuale e ristorazione collettiva.

Agenzia Stampa Italia: Giornale A.S.I. - Supplemento Quotidiano di "TifoGrifo" Registrazione N° 33/2002 Albo dei Periodici del Tribunale di Perugia 24/9/2002 autorizzato il 30/7/2009 - Iscrizione Registro Operatori della Comunicazione N° 21374 - Partita IVA: 03125390546 - Iscritta al registro delle imprese di Perugia C.C.I.A.A. Nr. Rea PG 273151
Realizzazione sito web Eptaweb - Copyright © 2010-2021 www.agenziastampaitalia.it. Tutti i diritti sono riservati.