Cause di Esclusione Cessazione e Decadenza per il Concordato Preventivo Biennale.

(ASI) La disciplina del concordato preventivo biennale individua le situazioni che consentono l’accesso al nuovo istituto e quelle che invece lo rendono inapplicabile.

In linea generale, vi sono situazioni che portano:
1) al mancato accesso al concordato (cause di esclusione) che hanno effetto a partire dal periodo d’imposta in cui si verificano e, come tali, non fanno venir meno gli effetti del concordato per gli altri periodi d’imposta;
2) alla cessazione del concordato, a partire dall’anno in cui tali situazioni si verificano (cause di cessazione);
3) alla decadenza dal concordato per entrambi i periodi di imposta (cause di decadenza) e le cause di decadenza comportano la cessazione degli effetti per entrambi i periodi d’imposta oggetto di concordato.
Le tre tipologie sopra citate sono, tra loro indipendenti; le cause di esclusione possono diventare cause di decadenza a seconda del momento in cui le relative fattispecie si verificano. Ad esempio, un contribuente che applica gli ISA e che intende aderire al concordato preventivo relativamente al biennio 2024-2025; per tale soggetto, la condanna per un reato tributario commesso nel triennio 2021-2023 costituisce:
1) una causa di esclusione dal concordato, se la relativa sentenza interviene entro il 15 ottobre 2024 (termine ultimo per accettare la proposta dell’Agenzia delle Entrate); in tal caso non è possibile accedere al concordato fin dall’inizio;
2) una causa di decadenza dal concordato, se la relativa sentenza interviene successivamente all’adesione; il concretizzarsi della causa di decadenza porta alla disapplicazione dell’istituto sia per il 2024 che per il 2025.

Non è chiaro se per l’attivazione della causa di esclusione/decadenza sia necessaria una condanna definitiva oppure se sia sufficiente una condanna anche solo in primo grado. In merito, si tenga conto che:
- da un lato, si pensi, ad esempio, all’art. 10 comma 2 del medesimo DLgs. 13/2024, che ai fini dell’individuazione dei debiti tributari e contributivi ai fini dell’accesso al concordato menziona quelli “definitivamente accertati con sentenza irrevocabile”;
- dall’altro lato, bloccare l’accesso al concordato preventivo biennale in presenza di una sentenza di primo grado sottoposta a impugnazione sembrerebbe eccessivamente penalizzante per il contribuente. Occorrono opportuni chiarimenti ufficiali in merito, anche tenendo conto del fatto che la causa di esclusione/decadenza in oggetto va coordinata con quanto previsto dall’art. 22 comma 2 lett. a) del DLgs. 13/2024, secondo cui costituisce una violazione di non lieve entità (con relativa decadenza dal concordato) la semplice constatazione di violazioni che integrano le fattispecie penali di cui al DLgs. 74/2000, relativamente ai periodi di imposta oggetto del concordato e ai tre precedenti all’ammissione all’istituto.

Per quanto sopra, si osserva che, relativamente al biennio 2024-2025:
- la condanna per un reato tributario commesso nel triennio 2021-2023 integra una causa di esclusione o di decadenza, a seconda del momento in cui la sentenza viene pronunciata;
- la constatazione, in costanza di concordato, di violazioni che integrano reati tributari relativamente al triennio 2021-2023 o ai periodi di efficacia del concordato (2024 e 2025) costituisce una causa di decadenza.

La trasformazione in causa di decadenza interviene anche per la causa di esclusione relativa alla mancata presentazione della dichiarazione dei redditi relativa ad almeno uno dei tre periodi d’imposta precedenti (art. 11 comma 1 lett. a) del DLgs. 13/2024), nel particolare caso in cui il contribuente aderisca al concordato preventivo e non presenti la dichiarazione dei redditi relativa al 2023 o la presenti oltre 90 giorni dalla scadenza del termine (le dichiarazioni presentate entro 90 giorni dalla scadenza del termine sono considerate valide, fermo restando l’applicazione delle sanzioni per il ritardo, per effetto di quanto previsto dall’art. 2 comma 7 del DPR 322/98).
Si tratta di una fattispecie che non dovrebbe verificarsi con frequenza nel 2024, tenuto conto del fatto che il termine di presentazione della dichiarazione relativa al periodo d’imposta 2023, fissato al 15 ottobre 2024, coincide con quello per l’accettazione della proposta di concordato preventivo biennale.

Un ulteriore aspetto di cui tenere conto, sia ai fini dell’accesso che della permanenza nel regime di concordato, è costituto dall’assenza di debiti tributari con riferimento al periodo di imposta 2023, richiesta dall’art. 10 comma 2 del DLgs. 13/2024; tale condizione, infatti, deve essere rispettata sia in fase di accesso che in costanza di concordato.

Non concorrono tuttavia i debiti oggetto di provvedimenti di sospensione o di rateazione, sino alla decadenza dei relativi benefici.

Attendiamo altri chiarimenti e sviluppi in merito alle cause che non ci consento di poter aderire al concordato preventivo biennale.

Maddalena Auriemma - Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

L’eroe irredento della Brigata Sassari: Guido Brunner

(ASI) – Padova. Il nuovo libro di Stefania Di Pasquale, fresco di stampa per i tipi di Ravizza Editore, ha il merito di ricostruire la biografia di Guido Brunner, il quale, ...

Digitale. Convegno al Senato sulla intelligenza artificiale in vista del provvedimento annunciato dal sottosegretario Butti in arrivo in Parlamento

(ASI) Si è svolta, presso la Sala "Caduti di Nassirya" del Senato della Repubblica, la conferenza dal titolo, "IA: Innovazione ed Etica nel Cuore della Rivoluzione Digitale", promossa dalla Senatrice Cinzia ...

Bonus studenti 2024: tutti gli aiuti previsti

(ASI) Nel 2024 sono dodici i bonus studenti attivi, dedicati a coloro che studiano. Sono le famiglie, degli studenti minori a dover fare richiesta, altrimenti, se gli studenti sono maggiorenni, possono ...

Festival del giornalismo, per Forza Nuova è il festival del pensiero unico

(ASI)"Forza Nuova e Lotta Studentesca di Perugia ha voluto salutare il Festival del Giornalismo di Perugia con un’azione politica in centro storico, nell’ultimo giorno della sua edizione.

Valdegamberi (Consigliere Regione Veneto): "La grande finanza di Soros che depredò l’Italia, finanzia politici che si accaniscono contro di me” 

(ASI) "La verità viene sempre a galla. In molte occasioni la deputata del Partito Democratico Rachele Scarpa si è accanita contro di me, con ipocrite strumentalizzazioni e petizioni di scarso ...

Tanti hanno costruito il loro futuro sul martirio: forse c'è speranza anche per i palestinesi

(ASI) La storia è disseminata di episodi che fanno riferimento diretto o indiretto al martirio, cioè alle persecuzioni subite da singole persone o da interi popoli, a causa di poteri religiosi ...

Il pellegrinaggio di una volta dal canonico e il listino prezzi di oggi: l’involuzione della caccia al voto di molti politici

(ASI) Colpito dalle notizie di indagini dei Pm di mezza Italia per il voto di scambio, mi tornano in mente le modalità dei politici nei tempi andati, che sono ...

Crediti d’imposta, Cataldi (commercialisti): “Strumento da migliorare, non eliminare”

(ASI) “La sospensione del credito di imposta per i beni strumentali nuovi 4.0 e quello per le attività di R&S, emersa dapprima con la pubblicazione del decreto “blocca agevolazioni” ...

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Artigianato: la sartoria e il suo concorso il ditale d’oro. a cura dell'economista Gianni Lepre

Energia, Federconsumatori: altro che mercato libero, si va verso il mercato del libero abuso. Nel settore del gas aumentano prezzi e speculazioni. Nuovo primato raggiunto: +6.862 euro annui.

(ASI) "L’Antitrust ha definito ieri come un vero e proprio tsunami quello che sta avvenendo nell’ambito dell’energia, a danno degli utenti. Un uragano fatto di scorrettezze, abusi, ...