Vito Tocci (Vittime Uno Bianca): "giusto non concedere grazia a Roberto Savi, mi hanno colpito due volte come colleghi. Sulla Uno Bianca bisogna ancora indagare".
tocci(ASI) Bologna – Per la terza volta Roberto Savi, l'ex poliziotto della Questura di Bologna considerato leader della Banda della Uno Bianca, è tornato  a chiedere la grazia, dopo le due precedenti richieste respinte nel 2005 e nel 2018. Per la terza volta la Procura Generale ha dato parere negativo.                                                             
 
Roberto Savi è detenuto dal 1994, allorché venne arrestato insieme agli altri componenti della banda criminale, tra cui i suoi due fratelli Fabio e Alberto Savi.  La Banda della Uno Bianca composta per 6/5 da ex poliziotti, oltre alle 103 rapine è stata ritenuta colpevole di 24 omicidi e102 feriti tra Bologna, la Romagna e le Marche.
 
Sulla vicenda è intervenuto Vito Tocci, Carabiniere in congedo di origini abruzzesi, ferito dai banditi della Banda della Uno Bianca in un agguato vicino un cavalcavia in località Miramare di Rimini il 30 aprile 1991. Vito Tocci che all'epoca aveva 27 anni, ha ancora nel suo corpo i frammenti di 4 pallottole delle 7 ricevute dai banditi della banda.
 
“Credo che la Procuratrice reggente Lucia Musti abbia fatto bene a dare il parere negativo sulla ennesima richiesta di grazia di Roberto Savi, anche perché vorrei raccontare un aneddoto: durante una udienza di un processo a Rimini inerente l'omicidio della guardia giurata Giampiero Picello, l'anziana madre di questo ragazzo gli chiese come mai avesse ucciso il suo povero figlio e Roberto Savi rispose con fare di sfida da vero criminale “ne faccia un'altro di figlio”. Pertanto, io mi chiedo, queste persone come fanno ad avere il perdono delle vittime e dei loro parenti, quando ci sono stati tutti questi fatti di sangue. A distanza di un trentennio, non  vedo nessun ravvedimento da parte di queste persone per  la ferocia che hanno mostrato verso le vittime, anche perché le ferite non si rimarginano mai, e anche io a tutt'oggi devo essere sempre curato negli ospedali. In realtà – ha aggiunto Vito Tocci – sui fatti della Uno Bianca ci sono ancora tanti lati oscuri, come ad esempio, chiarire il ruolo della cosiddetta Falange Armata, e più famigliari delle vittime chiedono la riapertura dell'indagini per tutti i lati oscuri di tante vicende che non hanno dato una trasparenza di verità". 
 
Quindi, secondo lei Roberto Savi non è cambiato a distanza di tutti questi anni?
 
“Il fatto non è essere cambiati o meno – ha dichiarato Vito Tocci – perché quando si compie un crimine e ancor di più si indossa una divisa, il crimine vale il doppio, perché quando mi hanno sparato, i poliziotti della Uno Bianca, mi hanno colpito non solo come criminali, ma anche come colleghi, lasciandomi traumi fisici e psicologici per tutta la vita”.
 
Cristiano Vignali - Agenzia Stampa Italia 
Tags

Ultimi articoli

BR, Rampelli (VPC-FDI): nel Trattato del Quirinale è previsto tutto tranne fine dottrina Mitterand

(ASI) "Il benservito dato oggi dalla Francia  sulla mancata estradizione di brigatisti rossi sfuggiti alla giustizia italiana per i crimini commessi, era già previsto pari pari nel Trattato di ...

Ius Scholae, Scalfi (Ist. Veronesi): "Finalmente in aula, ora dibattito serio"

(ASI) "Dovrebbe iniziare entro stasera alla Camera la discussione generale sullo Ius Scholae, la proposta di legge che prevede l'attribuzione della cittadinanza ai ragazzi che abbiano completato un ciclo scolastico ...

Esiste una soluzione alla siccità? Crisi idriche ricorrenti e ruolo delle acque sotterranee

(ASI) Roma -  Ormai con matematica precisione in giugno esplode il caso “siccità” in Italia. Già cinque anni fa l’Associazione Italiana degli Idrogeologi aveva sottolineato che la più ...

Terrorismo, Belotti (Lega): Francia protegge assassini e umilia famiglie vittime

(ASI) Parigi – “Proteggere chi uccide è una vergogna. La Francia dopo 40 anni continua a proteggere e coccolare i terroristi rossi che hanno compiuto omicidi efferati. Trovo incredibile che nell’Unione europea ...

Limite due mandati. Marco Croatti (M5S): non va ridiscusso, ora il M5S scelga la sua strada ascoltando i cittadini

(ASI) Roma - “Non è questo il momento di ridiscutere la regola dei due mandati e di aprire una questione interna che ci farebbe apparire, a distanza di pochi giorni dalla ...

Terrorismo, Meloni: decisione Corte di Appello di Parigi vergognosa, draghi si attivi subito per estrazione ex BR

(ASI) “Inaccettabile e vergognosa la decisione adottata dalla Corte d'Appello di Parigi di respingere le richieste di estradizione per i dieci ex terroristi italiani di estrema sinistra, legati alle Br, ...

Equo compenso: Pellegrini (Lega), via libera norma è risposta concreta

(ASI) Roma. - “Il via libera senza modifiche della commissione Giustizia del Senato alla norma sull’equo compenso è una risposta concreta e attesa da tanti professionisti, che si potranno vedere ...

Scuola di Polizia di Spoleto. PRISCO (Fdi) interroga Lamorgese.

(ASI) "La notizia che la scuola di polizia di Spoleto si fermerà per sei mesi, infligge un duro colpo all'Istituto Sovrintendenti della Polizia di Stato "Lanari", alla città di Spoleto ...

Calcio a tutto mercato in attesa che la palla torni a rotolare a cura di Sergio Curcio

Calcio a tutto mercato in attesa che la palla torni a rotolare a cura di Sergio Curcio

L'Italia non è un Paese per giovani.Riflessioni e proposte del giuslavorista Severino Nappi

L'Italia non è un Paese per giovani.Riflessioni e proposte del giuslavorista Severino Nappi