Fine del Ramadan; Foad Aodi (#CRISTIANINMOSCHEA e CO-MAI): "Mese di Ramadan e festa dell'Eid all'insegna del dialogo interreligioso concreto con più di 1500 iniziative nelle varie regioni italiane

aodi13(ASI) Così Foad Aodi il presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e Fondatore della Confederazione internazionale #CRISTIANINMOSCHEA commenta la fine del mese di Ramadan e la festa dell'Eid festeggiata oggi in tutte le moschee italiane.                                                                                               
Il Presidente Aodi dopo il festeggiamento della festa dell'Eid insieme a numerosi amici arabi e musulmani presso la Grande Moschea di Roma annuncia il bilancio delle iniziative delle Co-mai ,della confederazione internazionale #CRISTIANINMOSCHEA,delle Comunità Arabe ,dei centri culturali musulmani e delle moschee in Italia .
Nelle varie città e regioni italiane si sono organizzate più di 1500 cene collettive nell'arco del Mese di Ramadan dove hanno partecipato italiani ,cristiani e musulmani e altre confessioni.
Inoltre la festa dell Eid e'stata un'occasione importante per scambiare gli auguri tra cristiani ,musulmani ,ebrei e delle altre confessioni dopo la preghiera della festa dell'Eid nelle varie moschee in Italia.
Aodi ringrazia tutti gli esponenti della Co-mai e di #CRISTIANINMOSCHEA di tutte le città e le religioni italiane per il loro impegno continuo e costante a favore del dialogo interreligioso quello concreto sincero e coraggioso in un momento molto delicato e con alta tensione per tutti senza distinzione dopo i continui attentati in Europa ed in Medio Oriente compreso gli attacchi alle moschee e alle chiese che le condanniamo tutte allo stesso modo e con la stessa determinazione.
Sicuramente il grandissimo successo dell'iniziativa di #CRISTIANINMOSCHEA dell 11 e 12 settembre scorso ci ha dato ancora di più il coraggio di proseguire la nostra missione interreligiosa nonostante le strumentalizzazioni politiche e mediatiche disumane e irresponsabili contro l'islam ed il mondo arabo.
Alcuni giornalisti e trasmissioni televisive ,radiofoniche e dei giornali ormai vanno avanti con le loro costruzioni anti islamiche per motivi di odienze e fini elettorali.
Infine Aodi dichiara che l'atmosfera molto pesante e forte anti musulmani che si respira in Europa ed in Italia è colpa anche del populismo ,della discriminazione religiosa e razziale ,di alcune trasmissioni televisive e radiofoniche anti islam,anche per motivi di sicurezza ,abbiamo deciso di dare notizie di tutte queste iniziative costruttive a favore del dialogo inter religioso dopo la fine di Ramadan e della Festa dell'Eid.
Facciamo un nostro appello alle istituzioni italiane affinché vigilino sui messaggi non costruttivi che arrivano da alcune trasmissioni televisive e giornalistiche che danneggiano la vera convivenza ed il rispetto reciproco. Conclude Aodi amareggiato e molto preoccupato come tutti i musulmani ed arabi in Italia ed in Europa per questa situazione che vede la libertà personale e la libertà di espressione in grande pericolo per colpa del franchising del terrore che vuole scatenare una guerra di religioni dopo aver scatenato una guerra alle religioni". Conclude Foad Aodi il presidente delle Comunità del Mondo Arabo in Italia (Co-mai) e Fondatore della Confederazione internazionale #CRISTIANINMOSCHEA.

 

Ultimi articoli

Inchiesta Perugia, PD: "Da Melillo e Cantone contributo di rigore e chiarezza"

(ASI) "La richiesta di urgente audizione a Commissione  Antimafia, Copasir e CSM da parte del Procuratore Nazionale Antimafia Melillo e del Procuratore di Perugia Cantone va accolta subito. Per ...

Ternana-Parma 1-3, i Ducali escono vittoriosi dal “Liberati”

(ASI) TERNI – Dopo la bella vittoria sul campo del Palermo, la Ternana affronta al “Liberati” il Parma capolista. I rossoverdi di Breda devono cercare di dare continuità di risultati mentre ...

"Quo Vadis Italia", conferenza de La Rete dei Patrioti sul futuro della nazione con Valerio Arenare e Giustino D'Uva.

(ASI) "Si è tenuta sabato 2 marzo la conferenza organizzata dai movimenti aderenti a La Rete dei Patrioti, dal titolo "Quo vadis Italia". Una panoramica della situazione socio-politica nazionale, con uno sguardo ...

Avv. Trisciuoglio: Assumo la difesa del 18enne accusato di tentato omicidio per i fatti avvenuti il 7 gennaio a Savona ed estradato dalla Spagna in Italia.

(ASI)"Le incongruenze e la contraddittorietà delle prove a supporto del provvedimento custodiale in carcere ci permettono di confidare nella richiesta di scarcerazione che sarà avanzata a breve. Un ...

Campi Flegrei, Caso (M5S): “Accelerare con verifiche degli edificI”

(ASI) “La scossa di stamattina, di magnitudo 3.4 ha generato paura tra i cittadini che, nelle aree vicino all'epicentro, al confine tra Pozzuoli e Napoli, sono scese in strada. Non bisogna ...

Difesa: nave Duilio abbatte drone nel Mar Rosso

(ASI) Roma -  Nel pomeriggio di oggi, in attuazione del principio di auto difesa, Nave Duilio ha abbattuto un drone nel Mar Rosso. Il drone, dalle caratteristiche analoghe a ...

Immigrazione. Tubetti (FdI): Operazione alto impatto ha stroncato traffico di esseri umani

(ASI) "Occorre rivolgere un vivo ringraziamento agli uomini e alle donne in divisa, pilastri di uno Stato giusto, per aver portato a termine con successo l’operazione ad alto impatto ...

Dossieraggio: Iezzi (Lega), Lega attenzionata abusivamente, pronti a tutelarci in sedi opportune

(ASI) Roma  - “Sconcertanti dettagli dall’inchiesta sui dossieraggi, con la Lega attenzionata abusivamente. Contro Matteo Salvini e i leghisti la macchina del fango non si ferma mai, per ...

Google in tribunale: media europei rivendicano danni da 2,1 miliardi di euro per pratiche anticoncorrenziali

(ASI) Bruxelles - In una mossa audace che sottolinea la battaglia sempre più intensa tra conglomerati mediatici e giganti tecnologici, Google di Alphabet si trova coinvolta in una causa da 2,1 ...

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre