Papa Francesco e la virtù dimenticata.

papafrancesco11(ASI) Città del Vaticano – Il Santo Padre, all’udienza generale del mercoledì riprende il filo del discorso da dove lo aveva interrotto, la scorsa settimana e continua con l’approfondimento sulla speranza.
Citando san Paolo, il Santo Padre invita a riflettere sulla dimensione comunitaria della famosa virtù cardinale. Non si tratta, semplicemente di aiutarsi gli uni gli altri nelle vicende principali della vita, pur essendo doveroso, ma si tratta di sostenersi a vicenda nella speranza. E per primi tocca a coloro che hanno la responsabilità nella Chiesa non perché siano i migliori ma in forza di un ministero divino, che merita rispetto, comprensione e supporto da parte dei tutto il popolo di Dio.

Papa Francesco dedica la sua attenzione, in primis, a coloro che rischiano di perdere la speranza e di cadere nella disperazione. Perché senza speranza non si hanno più rimedi contro l’abbattimento, con la conseguenza di “fare cose brutte”. Per debolezza, per il peso della vita e delle proprie colpe, ad un certo punto non ci riesce più a sollevare. In questi frangenti c’è bisogno delle vicinanza della Chiesa, attraverso la compassione, da distinguere, dice il Pontefice, dal compatimento. La compassione ti fare soffrire con l’altro, attraverso gesti concreti come “una parola, una carezza, ma che venga dal cuore; questa è la compassione”. La speranza cristiana, infatti, secondo Bergoglio, non riesce a fare a meno della genuina carità. A tal proposito, il Santo Padre, ricorda le parole di san Paolo che dice: Noi, che siamo i forti – che abbiamo la fede, la speranza, o non abbiamo tante difficoltà – abbiamo il dovere di portare le infermità dei deboli, senza compiacere noi stessi”(15,1). Per questo motivo, un cristiano mai potrà dire “me la pagherai”, mai, ricorda Francesco, in nessun caso, perché non è un comportamento per i discepoli di Cristo. Chi ha scelto di seguire il Maestro è invitato a fare come Lui, in piena libertà, ad offrire l’intera sua vita per la salvezza degli altri. Chi ci offende, chi ci umilia, chi ci fa del male non opera secondo Dio, sta, quindi, distruggendo anche la sua vita. Il cristiano è chiamato a percorre la via dell’amore, “forte e tenero al tempo stesso”, dice il Papa.

Ecco perché, il vescovo di Roma, intende la speranza in una dimensione comunitaria. “Nessuno impara a sperare da soli”, ha affermato, perché se ancora abbiamo fiducia nel Signore è perché qualcuno, prima di noi, ci ha insegnato a sperare, ci ha fatto vedere la gioia nelle loro difficoltà o nelle nostre e ci è stato vicino.

Chiudersi in noi stessi, alla ricerca di una sicurezza relativa solo a noi, non è sperare, ma rintanarsi nella speranza di farcela. E questo non è un sentimento cristiano.

Ilaria Delicati – Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

Attacco a Israele, Italia convoca leader del G7

(ASI) La Presidenza italiana del G7 ha convocato, per il primo pomeriggio di oggi, una conferenza in collegamento a livello leader per discutere dell’attacco iraniano contro Israele.

Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga.

(ASI) Iran rappresentante di alle Nazioni Unite sull'attacco a Israele: Questo è un conflitto tra Teheran e Tel Aviv, gli Stati Uniti devono starne alla larga. Se il regime israeliano ...

Bertoldi (Alleanza per Israele): È imperativo che l'Italia sostenga Israele.

(ASI) "Un attacco militare della Repubblica è Islamica dell'Iran contro Israele rappresenta una sfida bellica estesa all'interno occidente. È imperativo che l'Italia sostenga Israele, anche attraverso un intervento militare difensivo se richiesto, ...

Vicino Oriente, l'Iran oltre i doni avrebbe lanciato razzi contro Israele

(ASI) Roma - Secondo fonti anche israeliane, l'Iran lanciato anche missili da crociera contro Israele nell'ambito dell'attacco iniziato questa notte.

L’Europa satanista partorisce la democrazia totalitaria: il nostro mondo al capolinea

(ASI) Satana è l’avversario, l’oppositore in giudizio, il “loico” del male che inquina la storia e rende l’uomo marionetta impotente. Il parlamento europeo che vota in massa la ...

Corsica: è nato il Partito "Per l'Indipendenza"

(ASI) Ajaccio - Abbiamo intervistato Johan Bernardini, segretario generale del nuovo partito politico corso "Per l'Indipendenza" che ci ha parlato del loro programma politico, a cui abbiamo posto alcune domande.&...

Donne, Mori (Pd): Proposta politica femminista contro nazionalismi e destre per rafforzare pace, welfare e autodeterminazione

(ASI) A margine dell'iniziativa sui "Femminismi. Conoscere il passato per costruire il futuro" promosso dalla Conferenza regionale delle Democratiche della Calabria tenutosi a Vibo Valentia nel pomeriggio, la Portavoce nazionale ...

Case Green, Procaccini (FDI-ECR): "Pericoloso salto nel buio come il superbonus, attacco a modello sociale italiano " 

(ASI) "La direttiva sulle case green voluta dalla UE e' una norma irrealistica e pericolosa perché costringe gli Stati, in particolare l'Italia che non ha un patrimonio immobiliare ...

Olimpiadi 2026, Cappelletti (M5S): si fermi capriccio pista bob e Salvini-Zaia chiedano scusa

(ASI) Roma. – “È ormai palese che non ci sono i tempi tecnici per realizzare il “budello del ghiaccio” a Cortina per i Giochi olimpici del 2026. Il governo metta fina a questa ...