×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Da Iwo Jima al crollo dell'Urss: le storie straordinarie degli ultimi samurai del Sol Levante
(ASI)“Se la pace era già fatta a lui non importava niente/avrebbe chiesto alla sua lama di spaccargli il ventre” Chissà se il tenente Hiro Onoda conosceva il brano di Massimo Morsello a lui dedicato?

Forse sì, ci piace pensare che il vecchio soldato nipponico, per trent'anni “ultima raffica” del banzai nippon su un'isola del Mar delle Filippine, abbia ascoltato le note del cantautore romano e magari le abbia anche apprezzate.

A due giorni dalla scomparsa dell'ufficiale, la sua storia è tornata di attualità. I reduci della Seconda Guerra Mondiale stanno man mano scomparendo di fronte all'avanzare dell'età, ma quel conflitto non cessa di far parlare di sé, facendoci comprendere quanto davvero sia stato “mondiale” per il numero di storie individuali e di vite intrecciatesi durante i sei anni di battaglie dalla Polonia al Nord dell'Australia.

Soldati fantasma Hiro Onoda è stato un zan-ryū Nippon hei , letteralmente soldato giapponese lasciato indietro. Così nel Sol Levante chiamano i militari dell'Imperatore rimasti a lungo fuori dal territorio patrio. In occidente usiamo invece il termine “soldati fantasma”. Sì, perché il tenente, non fu l'unico caso di zan-ryu Nippon hei. Dal 1945 al termine degli Anni Novanta i reduci ancora in armi in tutto il Pacifico erano molti, alcuni soli, altri uniti in gruppetti di sopravvissuti, altri ancora passati ad unità di guerriglia come il Viet Minh nell'Indocina dei 50s.

Sulla rete veniamo a conoscenza di diversi casi; vi proponiamo quelli, a nostro avviso, più straordinari.

L'ultimo di Saipan Il primo zan-ryu della storia fu l'ufficiale Sakae Ōba. Primo soldato fantasma e ultimo combattente di Saipan, l'isola conquistata dagli americani nell'estate del 1945. Si arrese col suo reparto di 46 soldati agli statunitensi nel dicembre 1945.

Guadalcanal e Iwo Jima Dalle due isole simbolo della reconquista USA del Pacifico i giapponesi non volevano proprio andarsene. Nel 1947 si arrende l'ultimo “difensore” di Guadalcanal; nel 1949 due militi si arrendono spontaneamente a Okinawa. Sono passati 4 anni dalla fine delle rispettive battaglie.

L'ultimo reparto. Nel Dicembre 1949 un reparto nipponico di 15 mila uomini si arrende in Manciuria.

Contro la Francia nel Viet Minh Nel 1954, dopo la sconfitta francese in Indocina, il tenente Kikuo Tanimoto che aveva servito nel Viet Minh fa ritorno in patria. Un altro suo collega, Sei Igawa, maggiore inquadrato anche lui nel Viet Minh, era stato ucciso dai francesi nel 1946.

Hiro Onoda e Nakamura. Nel 1974, nel mese di Marzo, il tenente Hiro Onoda sull'isola di Lubang accetta la resa solo dopo aver parlato con l'ufficiale superiore giunto appositamente dal Giappone. Nell'inverno seguente a Morotai il sergente Teruo Nakamura viene individuato da un aereo. Il governo nipponico gli riconosce gli arretrati della sua paga ma pare non lo abbia ricevuto con troppi onori: Nakamura era infatti nato a Formosa, vale a dire al di fuori del territorio metropolitano. Insomma, non era considerato giapponese a tutti gli effetti malgrado 29 anni di guerra.

Il sito internet Wanpela.com e il volume di Tim Tzouliadis I dimenticati forniscono ulteriori dettagli sui soldati fantasma: ultimi casi accertati negli Anni 90 in Thailandia e in Siberia. Già, anche la Russia ha le sue storie da raccontare. Quando Tokyo era in ginocchio Stalin dichiarò guerra al Giappone deportando, secondo alcune stime, mezzo milione tra civili e militari in Siberia. Un reduce dei gulag, rimasto nella steppa fino al crollo dell'Urss (1991), all'atto del suo ritrovamento non parlava quasi più la lingua d'origine. Storie straordinarie di patimenti e dolore ma anche di voglia di vivere che non coinvolgono solo i samurai del Sol Levante: tantissimi infatti sono ancora gli americani e i militari dell'Asse prigionieri che, arrestati dalla NKVD sovietica nel 1945, risultano ancora dispersi nella sterminata Russia.

Marco Petrelli - Agenzia Stampa Italia

Ultimi articoli

Continuano le polemiche sui libri di Roberto Vannacci. Sì ad un confronto civile, no alla intolleranza

(ASI) Bologna - Il 24 aprile 2024, alla vigilia della Festa della Liberazione del 25 aprile, al Centro Ca Nova di Medicina a Bologna è in programma la presentazione del secondo libro di Roberto ...

Università: Nasce il “Premio di Laurea di Iniziativa” nell'ambito del piano di assunzioni della società

(ASI) Il primo bando pilota parte in collaborazione con il Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni (DEMI) dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Il bando rientra nelle attività ...

La Campania locomotiva del Mezzogiorno. Gianni Lepre (economista): “natalità e nuzialità leve economiche antiche ma efficaci”

(ASI) La regione Campania si conforme sempre di più locomotiva del Mezzogiorno e non solo per i dati macroeconomici, ma anche e soprattutto per l’andazzo sociale e produttivo diretto ...

Giovanni Gentile: a 80 dalla sua tragica fine verso l’infinito

(ASI) Firenze – Giovanni Gentile, non può che essere riconosciuto tra i massimi filosofi e pensatori che l’Italia abbia mai avuto. Il 15 aprile 1944, trovava morte a causa di un agguato ...

Dalle Filippine no all’imperialismo militare Usa

(ASI) Il presidente filippino Ferdinand Marcos ha dichiarato che gli Stati Uniti non avranno accesso ad altre basi militari filippine: “La risposta è no. Le Filippine non hanno in programma di ...

Energia, iWeek: SWG, il 51% degli italiani voterebbero “Sì” a un referendum sul nucleare. 

Sei cittadini su dieci a favore dell’implementazione delle nuove tecnologie nucleari in Italia. Il 65% considera un rimpianto l’aver rinunciato al nucleare  (ASI) Milano – Il&...

Testimoni di Geova, sulla sensibilizzazione alla lotta alla tossicodipendenza che coinvolge in tutto il mondo circa 300 milioni di persone, un numero di casi che sta aumentando vertiginosamente alle stelle. Il sito JW.ORG fornisce, a tal proposito, cont

 (ASI) Perugia - Intervento di Roberto Guidotti, portavoce dei Testimoni di Geova,  sulla sensibilizzazione alla lotta alla tossicodipendenza che coinvolge in tutto il mondo circa 300 milioni ...

Verso il Club delle Città Bilionarie: l'esperienza di Changzhou nello sviluppo delle nuove forze produttive di qualità

(ASI) Conosciuta come la Città del Dragone, Changzhou, centro di livello prefetturale da circa 5,2 milioni di abitanti, si trova nella provincia del Jiangsu, all'interno della regione deltizia del Fiume Azzurro, ...

Domani Schlein incontra la stampa estera

  (ASI) La segretaria del Partito democratico Elly Schlein incontrerà i corrispondenti della stampa estera domani, lunedì 15 aprile alle ore 10.30, presso la sede dell'Associazione della stampa estera (Via del Plebiscito, 102 – ...

Iran, nostro attacco ad Israele una legittima difesa in risposta ad aggressione subita consolato Damasco. La questione può dirsi conclusa.

(ASI) Il Rappresentante dell'Iran presso l'ONU  sull'attacco a Israele dichiara: "Condotta in base all'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite relativo alla legittima difesa, l'azione militare dell'Iran è stata una risposta ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113