×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Pedofilia e Nozze gay: Papa Ratzinger si è realmente dimesso per motivi di salute?
(ASI)Dibattiti - Primo punto da chiarire. L'autore di questo articolo non si sogna nemmeno lontanamente di dare del menzognero al capo spirituale dei cattolici del mondo e ribadisce il pieno rispetto per questa personalità come segno di civiltà e cultura. Per annullare qualsiasi sospetto in questo senso viene ribadito come premessa il massimo rispetto alla religione ed al credo cristiano ed alla Chiesa.

Però è pur sempre lecito riflettere. Almeno l'Islam ed il Corano invitano a farlo sempre, anche sulle cose più sacre e ritengono priva di valore una fede che non sia accompagnata dalla ragione.

 

Quindi riteniamo sia lecito domandarsi se tranne l'età avanzata, elemento che nessuno vuole mettere in dubbio, ci sia stato qualche altro elemento che abbia spinto Papa Ratzinger a dimettersi; le dimissioni di un Papa nella storia, almeno contemporanea, del Vaticano, non appaiono tanto consuete.

Una realtà che ha caratterizzato sicuramente la vita della Chiesa dal 2005 in poi, è stato il moltiplicarsi dei casi scoperti di pedofilia del clero. Un problema sulla quale Ratzinger ha mostrato di voler andare fino in fondo a costo di non dare una idea tanto nitida della Chiesa. Molti sono stati i casi, e soprattutto è stato considerevole il suo sforzo per affrontare la realtà. Lui stesso è stato accusato per via di alcuni casi scoperti a Ratisbona.

Altro caso particolare è stato quello del "corvo", il suo maggiordomo che aveva agevolato una fuga di notizie.

Nel rapporto con lo Stato italiano c'è stata ad un certo punto la polemica sollevata da tanti cittadini italiani che in tempo di crisi contestavano l'esenzione dalle tasse concessa alla Chiesa da Mario Monti.

Ed infine ci è stato, circa una settimana fa, e cioè agli inizi del Febbraio 2013, il discorso del Monsignor Paglia, Ministro Vaticano per la Famiglia, che ha come hanno scritto i quotidiani italiani, ha espresso aperture senza precedenti verso le coppie dello stesso sesso: "sì al riconoscimento dei diritti per le coppie di fatto e omosessuali secondo il Codice civile", aveva detto. Per fugare ogni sorta di equivoco, Paglia aveva anche chiarito dicendo che il "no" della Chiesa alle nozze gay "non è un fatto religioso", ma un qualcosa che riguarda la Costituzione italiana.

Ciò mentre il 14 Dicembre scorso, lo stesso Ratzinger, si era espresso chiaramente e nettamente contro ricordando che " i tentativi di rendere le nozze tra un uomo e una donna giuridicamente equivalenti a forme radicalmente diverse di unione sono un'offesa contro la verità della persona umana e una ferita grave inflitta alla giustizia ed alla pace".

In altre parole il no del Papa aveva invece un aspetto decisamente religioso e non certo dovuto alla Costituzione italiana.

Ci sono allora due diversi modi di vedere la questione all'interno della Chiesa?

È dunque vero che nella Chiesa ci sarebbero i cosiddetti "tradizionalisti" di cui Ratzinger faceva sicuramente parte e i cosiddetti "modernisti"?

La crisi "morale" che ha coinvolto la Chiesa con l'incubo della pedofilia ora si sta palesando pure in un altro modo?

Il Cattolicesimo, che secondo gli stessi pensatori cristiani negli ultimi anni ha subito colpi considerevoli, questa volta sarebbe dinanzi ad un pericolo davvero mortale.

L'unica cosa che si può dire adesso è che l'augurio sincero è che la decisione del Papa sia dovuta solo ed unicamente a questioni di salute.

Ultimi articoli

Assange, Ascari (M5S): rivelare crimini non e' un crimine. A Londra per seguire l'udienza che deciderà su estradizione

(ASI) Londra - "Mi trovo a Londra, dove con la collega europarlamentare Sabrina Pignedoli, seguirò i due giorni di udienze al termine dei quali l'Alta Corte di Giustizia britannica deciderà ...

Ospedali, Migliore (Fiaso): "Utilizzo IA è già realtà, bisogna formare medici e personale sanitario"

(ASI) Roma -"Gli ospedali sono stati e sono il motore dell'innovazione, dell'eccellenza del servizio sanitario nazionale". "Adesso gli ospedali sono di fronte a una nuova sfida - dice Migliore ...

Faisa Cisal: Sicurezza, priorità imprescindibile anche nel Settore dei Trasporti.

(ASI) Firenze - Durante il Consiglio Regionale della Faisa Cisal della Toscana, il Segretario Generale Mauro Mongelli ha ribadito l'assoluta centralità del tema sicurezza anche nel settore dei trasporti. ...

Smog. Greco (S.I.d.R.): "Dati inquinamento Milano allarmano, alto rischio infertilità

(ASI) Milano - "I dati diffusi dalla società svizzera IQAir, che indicano Milano tra le città più inquinate al mondo, con una concentrazione di PM2.5 di 29,7 volte il valore guida ...

Giovedì 22 febbraio a Trevo verrà presentato il Convegno internazionale: "La Cooperazione Internazionale Strumento di Sviluppo"

(ASI) Trevi. Si terrà giovedì 22 febbraio 2024 ore 10.30 presso la sala consiliare del Comune di Trevi la conferenza stampa del Convegno: "La Cooperazione Internazionale ...

Argentina: livello di povertà sempre più allarmante

Non funziona la cura ultraliberista del neopresidente argentino Javier Milei. Gli ultimi dati riferiscono infatti che le persone colpite dalla povertà in Argentina a gennaio ammontano a 27 milioni, pari al 57,4% ...

In Campania e nel Sud imprese più giovani e più solide. Gianni Lepre: “C’è voglia di rinascita, si riparta da qui”

(ASI) A dispetto di quelli che sono i numeri e i dati che circolano nel nostro Paese su Imprese e sistema produttivo, le rilevazioni dell’Istituto Tagliacarne sul 2023 fanno registrare ...

"Al mattino su whatsapp", Il libro del Generale Petrella su fede e sulla vita

(ASI) Un "viaggio spirituale" che trae spunto dai messaggi inviati da Giuseppe Petrella, generale dell'Arma dei Carabinieri, ogni giorno ad una platea di amici e conoscenti.

Credito d’Imposta, Bonus pubblicità 2024

(ASI) Dal primo marzo 2024 è possibile presentare la domanda di accesso al credito d’imposta “bonus pubblicità 2024” e c’è tempo fino al 2 Aprile termine ultimo per presentare domanda, ed è il provvedimento ...

Cina. La Festa di Primavera surriscalda il turismo e rilancia i consumi interni, alta velocità sugli scudi

(ASI) Ben 474 milioni di spostamenti turistici nazionali - il 23% in più rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso e il 19% in più rispetto al 2019 - per una spesa complessiva superiore ai 632 ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113