Riqualificazione e destinazione d'uso del retro porto di Catania, interviene la Ugl. "Sia l'Amministrazione che verrà ad esprimersi, ma serve una visione complessiva del territorio per evitare il caos"
(ASI) "Sulla destinazione d'uso dell'intera area considerata nel retro porto di Catania ad esprimersi dovrà essere la nuova Amministrazione comunale. Soltanto una visione complessiva della città e delle emergenze legate alla riqualificazione di questa, come di altre zone limitrofe all'area portuale, oltre allo sviluppo delle diverse infrastrutture connesse ad una zona così strategica del centro cittadino, può contribuire ad evitare azioni frastagliate o in contraddizione tra loro."                                                                                                                                                      Ad esprimere questo pensiero su un tema così delicato, tornato sulla ribalta mediatica in questi giorni con le notizie della possibile vendita all'asta dell'immobile ex mulino "Santa Lucia" e di alcuni progetti privati sui terrenti dell'ex "Italcementi", è la Ugl di Catania che chiede al commissario straordinario del Comune di Catania di vigilare sull'eventuale rilascio di autorizzazioni da parte dell'ente. "Come organizzazione sindacale non abbiamo (e non possiamo di certo avere) nulla in contrario nei confronti dell'iniziativa privata, anzi siamo ben lieti quando il privato vuole investire sulla città creando occasioni di lavoro. Non abbiamo neanche la velleità di entrare nel merito dell'esame di questi soggetti che trasformano progettualità in opere, ritenendo che questo sia compito delle istituzioni preposte, ma siamo sempre attenti perché questi lavori siano improntati al massimo rispetto delle regole. Vogliamo soltanto – aggiungono dalla Ugl – che qualsiasi iniziativa volta alla valorizzazione del territorio sia pensata in assoluta armonia con ciò che la circonda ed in un'ottica funzionale rispetto all'intero complesso cittadino. Abbiamo letto ad esempio dell'ipotesi di un polo intermodale da realizzare proprio nel retro porto – aggiungono dal sindacato. Sarebbe stata possibilmente una buona idea se non ci fosse già in costruzione a pochi chilometri di distanza un'infrastruttura deputata a tale scopo, sulla quale da anni si stanno investendo ingenti risorse pubbliche. In questo caso il pubblico, oltre a dover difendere la propria visione di intermodalità sulla quale ha speso soldi dei cittadini, non dovrebbe avallare valutazioni diverse tali da relegare il proprio progetto a cattedrale nel deserto essendo tenuto, al contrario, ad incentivarlo ulteriormente dopo aver puntato tanto e forse anche troppo su di esso. Certo ci sarebbe anche da immaginare l'impatto che potrebbe avere una idea di intermodalità alle porte del centro storico, in un'area sempre più compromessa in termini di viabilità e sicurezza stradale. Abbiamo anche letto di probabili strutture congressuali e ricettive. Siamo sicuri che la nostra città abbia bisogno di altri posti letto o di centri fieristici non adeguatamente serviti da infrastrutture di supporto o dalla mobilità cittadina, quando quasi vicino c'è "Le Ciminiere" che invece da anni aspetta il suo parcheggio? Bene quindi l'attività privata, ma siamo consapevoli ancor di più che questa debba essere esercitata all'interno di una cornice definita che solo la prossima Amministrazione dovrà disegnare in piena correlazione con il piano urbano della mobilità sostenibile e il piano strategico della Città metropolitana. Ai candidati sindaco che in questi giorni si stanno affacciando nell'agone elettorale ed alle loro coalizioni, non possiamo che chiedere di esprimersi a chiare lettere su una tematica del genere – concludono dalla Ugl – perché, per noi, il governo del territorio è una condizione indispensabile per lo sviluppo e l'occupazione. Un abbandono di questa linea, infatti, procurerebbe solo caos che, forse, a qualcuno potrebbe far comodo, ma non di certo alla città che per crescere ha bisogno di organizzazione."

ASI precisa: la pubblicazione di un articolo e/o di un'intervista scritta o video in tutte le sezioni del giornale non significa necessariamente la condivisione parziale o integrale dei contenuti in esso espressi. Gli elaborati possono rappresentare pareri, interpretazioni e ricostruzioni storiche anche soggettive. Pertanto, le responsabilità delle dichiarazioni sono dell'autore e/o dell'intervistato che ci ha fornito il contenuto. L'intento della testata è quello di fare informazione a 360 gradi e di divulgare notizie di interesse pubblico. Naturalmente, sull'argomento trattato, il giornale ASI è a disposizione degli interessati e a pubblicare loro i comunicati o/e le repliche che ci invieranno. Infine, invitiamo i lettori ad approfondire sempre gli argomenti trattati, a consultare più fonti e lasciamo a ciascuno di loro la libertà d'interpretazione

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Femminicidio: Sudano (Lega), annullato ergastolo per omicidio Quaranta. Motivazione disarmante 

(ASI) Roma,  - "Lascia a dir poco senza parole la decisione della Cassazione di annullare con rinvio la condanna all'ergastolo per il femminicidio di Lorena Quaranta da parte del ...

Commercialisti. Fdi: bene sentenza consulta, ordini professionali garantiscono pubblico interesse 

  (UNWEB) "Plaudiamo alla sentenza della Corte Costituzionale, che oggi ha posto un chiaro altolà al rilascio del visto di conformità sulle dichiarazioni dei redditi per i tributaristi, limitando di ...

DL - Sport-Scuola, Maiorino (M5S): sport inserito in costituzione ma violato da maggioranza e governo

(ASI) Roma,  – "Siamo di fronte all'ennesimo decreto pot-pourri, che non reca né il requisito della necessità né quello dell'urgenza. Questo governo ha ormai trasformato l'urgenza in uno strumento ordinario, ...

Caos treni, Mazzetti (FI): "Miopia Pd ha reso la Toscana una barriera tra Nord e Sud"

(ASI) Firenze,  Con questa visione vetusta e miope la Toscana non ha molte speranze di crescita in un mondo che chiede comunicazioni affidabili e veloci: stiamo perdendo competitività giorno ...

Crollo Scampia, Ruotolo (Pd): ferita per Napoli e Italia, varare piano rigenerazione edilizia pubblica

(ASI) "Due persone morte. 13 feriti, dei quali sette bambini: tutti in codice rosso. Questo è il bilancio allo stato attuale della tragedia di Scampia. Non doveva accadere e invece è successo. E' ...

Sangalli su indagine desertificazione commerciale: “Innovazione e fondi europei per riqualificare le citta’”

(ASI) "Anche nell’era digitale i negozi di vicinato sono insostituibili: rendono le città più vivibili, più attrattive e più sicure. E’ necessario, però, contrastare la desertificazione che sta facendo ...

800 milioni per la cultura in Campania. Gianni Lepre: "Un piano faraonico che ribalta le condizioni del Sud"

(ASI) Come si può in maniera intuitiva e pratica colmare il gap sociale e istituzionale tra il nord e il sud del Paese? Attualmente ci sta provando in maniera energica ...

Il Fondo unico per l'inclusione delle persone con disabilità

(ASI) Il Fondo unico per l'inclusione delle persone con disabilità è un capitale di risorse che il Governo ha attivato dal 1° gennaio 2024, e viene gestito Ministero dell'Economia e delle Finanze. Il ...

Arte musica ed eventi: 1 Attimo in Forma e l'artista Angelo Accardi presentano nuove date della "Grande Bellezza"

(ASI) Dopo il successo in Italia, il progetto continua la sua espansione internazionale con la prima tappa a Ibiza. Ospite d’eccellenza il rapper Geolier.

Diritti, Pavanelli (M5S): aberrante DDL Lega per abolire uso femminile

(ASI) Roma - "Mentre tutte le amministrazioni si dotano di regole e di linee guida per il rispetto formale e sostanziale della parità di genere, la Lega decide di presentare ...