Suprema Corte Usa e Aborto. Pro Vita & Famiglia: in America è iniziata la riscossa della Vita.

(ASI) "La Corte Suprema degli Stati Uniti d’America ha deciso che l’aborto non è (più) un diritto costituzionale. Significa che i singoli Stati americani posso decidere liberamente se e come fare leggi in merito.

I cittadini detteranno la linea alle elezioni. Non si tratta di una vittoria piena, perché nessuno, nemmeno una maggioranza democratica, può disporre della sacralità della vita umana. Il traguardo resta il rispetto universale del diritto a nascere di ogni essere umano, e l’abrogazione totale dell’aborto. La sentenza però è epocale: tredici Stati hanno già iniziato a limitare o vietare l’aborto, e altri si stanno muovendo. Appena appresa la notizia ho registrato un breve messaggio per spiegarti perché questa sentenza può avere un impatto anche in Italia. 

Il fronte progressista e abortista in America e in tutto il mondo è letteralmente indemoniato. Per loro l’aborto è un dogma intoccabile, e ieri ha subito un colpo durissimo (a favore della Vita). I collettivi femministi pianificano di assaltare le Chiese, gli uffici pro-vita e le stesse abitazioni dei giudici della Corte. Decine di politici, attori, cantanti, scrittori, artisti, giornalisti, sportivi di tutto il mondo hanno rilasciato dichiarazioni dai toni tragici e isterici. L’Alto Commissario per i Diritti Umani dell’ONU, Michelle Bachelet, ha definito la sentenza “una grave battuta d’arresto per la tutela della salute e dei diritti sessuali e riproduttivi (...) e un duro colpo per i diritti umani delle donne”. 

Per l’ONU - che dovrebbe garantire la pace nel mondo - i diritti dei bambini innocenti e indifesi nel grembo materno non contano, non esistono. E poi ci meravigliamo se il mondo sta piombando verso la terza guerra mondiale.  Ieri è iniziata una Riscossa della Vita che dobbiamo portare anche in Italia. La Legge 194 che nel 1978 ha legalizzato l’aborto in Italia non è intoccabile. Può essere abrogata. Può esserlo, e un giorno lo sarà. Vogliamo che l'aborto non diventi solo illegale, ma impensabile. Non importa quanto tempo servirà. Accadrà. Accadrà perché le menzogne abortiste non reggono più il confronto con le evidenze scentifiche sulla realtà dell’aborto e sull’inizio della vita umana. Accadrà perché le menzogne abortiste hanno lasciato morti e feriti dietro di sé, soprattutto a danno delle donne che promettevano di “liberare”.

Accadrà perché le menzogne abortiste hanno nascosto per decenni interessi economici miliardari ormai sotto gli occhi di tutti. Accadrà perché sta già crescendo una nuova generazione pro-vita che contesta la radicale incompatibilità dell’aborto con una società giusta, civile, equa, solidale e realmente umana.  Accadrà perché io e te oggi ci impegniamo a batterci, nel nostro piccolo, perché la vita umana torni ad essere protetta in Italia sin dal concepimento. Pro Vita & Famiglia esiste perché questo nostro impegno - mio e tuo - sia pianificato, organizzato, coordinato al meglio e raggiunga, infine, il traguardo sperato."  Così la nota di Jacopo Coghe,  Portavoce Pro Vita & Famiglia, espressa nel bollettino dell'asociazione.

Il messaggio di Jacopo Coghe, Portavoce Pro Vita & Famiglia   youtu.be/Av7TbToEcog

Tags
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Investire di più e meglio nella Sanità per garantire igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro. Intervista a Claudio Campion di FM Specialist

(ASI) Per gli Speciali A.S.I. questa puntato l'abbiamo dedicata  alla Sanità e inestimenti per garantire igiene e sicurezza nei luogjhi di lavoro. Abbiamo intervistato,  Claudio ...

ll mito di Marilyn Monroe

A 60 anni di distanza dalla tragica scomparsa della più celebre star di Hollywood, ancora ci si interroga sui misteri della diva. Lo psicologo Pinzani così la descrive: “Talento straordinario, donna ...

Tensioni tra Kosovo e Serbia: soffia vento di guerra tra i due Paesi

(ASI) Non è per ora scongiurato il pericolo della ripresa di un conflitto armato tra Kosovo e Serbia, causato questa volta da una manovra politica varata dalle autorità kosovare. Per ...

Stefania Aversa si candida al Parlamento con Italexit per "Un patto d' amore verso tutti gli italiani di buona volontà"

  (ASI) La 'leonessa' delle piazze partenopee schierate contro il green pass e l’obbligo vaccinale, contro l’Unione Europea e il filo atlantismo, la punta di diamante delle battaglie ...

Vienna, Borrell: pronto il testo finale per sancire l’accordo sul nucleare iraniano tra Iran e Stati Uniti.

(ASI) Vienna - È stato recentemente raggiunto un accordo sul nucleare iraniano secondo il capo degli Affari Esteri dell’Unione Europea Josep Borrell, il quale ha twittato nel suo profilo che ...

Avv. Vincenzo Di Nanna (Amnistia Giustizia e Libertà Abruzzi): "La fondazione Marco Pannella pronta a espellere Marco Pannella? Il presidente chiarisca"

(ASI) "La fondazione Marco Pannella è pronta a espellere Marco Pannella?". Lo domanda l'avv. Vincenzo Di Nanna, segretario dell'associazione Amnistia Giustizia e Libertà Abruzzi.              &...

Decreto Aiuti: Mims, per il settore trasporti previsti 70 milioni di euro per l’anno 2022

(ASI) Roma – Il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili (Mims) destina 70 milioni per sostenere il settore dei trasporti per fare fronte all’aumento eccezionale del prezzo dei carburanti. È quanto ...

Elezioni. Ciriani (FdI): centrodestra unica coalizione con programma di governo

(ASI) "Il centrodestra è l'unica coalizione che ha un programma di governo condiviso per l'Italia. E per Fratelli d'Italia sarà importante anche rinegoziare il PNRR per renderlo adeguato alle nuove esigenze ...

Sicurezza, Lucentini (Lega): Civitanova si chiede dove sia finito il ministro Lamorgese

(ASI) Roma – “A Civitanova Marche abbiamo assistito a un altro omicidio, un tunisino ucciso da un connazionale. Il presunto assassino non aveva alcun permesso di soggiorno.

Brambilla, Unione Cattolica: "La dottrina sociale e la pace" 

(ASI) Roma  - "Oggi, molte regioni e comunità, hanno smesso di ricordare un tempo in cui vivevano in pace e sicurezza. Altre hanno bruscamente scoperto la fragilità di una ...