L’assurdo conflitto e l’intervento del Tar nella lotta al Covid-19

(ASI) Tra i tanti protagonisti di questa lunghissima ed estenuante lotta al Sars-CoV-2, mancava solo la chiamata in campo dei giudici amministrativi. Dico subito, al fine di evitare polemiche demenziali, che, essendo del tutto profano della materia,non sono né a favore né contro quello che ci dicono (o ci impongono) di fare in questa pandemia e, dunque,pur con tantissime incertezze, sono regolarmente vaccinato e congreen pass, però i dubbi (compresi i miei) che hanno molti, nascono, e sono alimentati, da queste intollerabili, irrazionali, incredibili battaglie.

Come l’assurdo conflittosorto tra il ministero della Sanità e il Comitato cura domiciliare Covid-19. Già il solo fatto che siastato necessario costituire un Comitato cura domiciliare (se ho ben capito si tratta dei medici di base o di famiglia) e che questo sia addirittura in conflitto con il ministero della Salute, cioè inlotta sono due esercitiche combattono (o dovrebbero combattere)lo stesso nemico, e cioè il virus, mi sembra veramentequalcosa di inconcepibile. Il ministero della Salute, in una circolare, aggiornata al 26 aprile 2021, indica i comportamenti da tenere ai medici di famiglia verso i pazienti, come quello di “vigilante attesa” nei primi giorni di insorgenza dell’infezione da Covid-19 e la somministrazione di farmaci “a base di paracetamolo”. I medici di famiglia, e non solo, sostengono, da sempre,esattamente il contrario, e cioè che bisogna intervenire subito, o comunque prima possibile, con antinfiammatori o con altre terapie ritenute idonee ed efficaci al contrasto con la malattia Covid-19, al fine di evitare l’aggravamento del quadro clinico. Così, in questi due anni, hanno fatto,con le cure domiciliari, migliaia di medici di famiglia,con risultati soddisfacenti, e così sostengono bisogna fare. Fortemente convinti, confortati dai risultati, i medici non potevano accettare i vincoli ministeriali imposti alla loro professione. E sono stati costretti a rivolgersi al Tar, che ha dato, giustamente, loro ragione, annullando la circolare ministeriale. Ciò perché - sostengono i giudici amministrativi - “la validità giuridica di tali prescrizioni è onere imprescindibile di ogni sanitario di agire secondo scienza e coscienza, assumendosi la responsabilità circa l’esito della terapia prescritta quale conseguenza della professionalità e del titolo specialistico acquisito”.  In un Paese normale, la querelle che, peraltro, dura, come si è visto, da molti mesi, non sarebbe nemmeno sorta, perché, coinvolgendo la vita di milioni di persone,nel supremo interesse generale,si sarebbe risoltapiù rapidamente possibile, cercandorisposte certe nella ricerca e nello studio. E nell’esperienza maturata sul campo. E, invece, no, è stato necessario chiamare in causa il giudice amministrativo. Si rimane esterrefatti e senza parole. 

Fortunato Vinci – www.lidealiberale.com – Agenzia Stampa Italia  

Tags
 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Calabresi, Gasparri: non dimentichiamo suo esempio ma nemmeno odio che aizzò gli assassini 

(ASI) “Cinquant’anni fa, gli estremisti rossi di Lotta Continua assassinavano il commissario Luigi Calabresi. Esempio di correttezza, uomo onesto, che ha sacrificato sé stesso per l’ordine e la ...

Alleanza per Israele: parole Albanese inaccettabili, dimissioni subito

(ASI) Roma - “Le parole di Francesca Albanese, nuova Relatrice ONU per i diritti umani nei Territori palestinesi, con le quali giustifica la violenza dei terroristi palestinesi contro Israele e ...

Disuguaglianze, Scalfi (Azione): atti concreti per risanare i divari nella società

(ASI) “Il Covid ha accentuato le disuguaglianze nel nostro Paese in particolar modo per donne, giovani e Meridione. Anni di disinvestimenti sociali e materiali, accentuati dalla pandemia, ci hanno lasciato ...

La strana ricchezza di Zelensky 

(ASI) La ricchezza del leader di un'Ucraina dilaniata dalla guerra ha attirato l'attenzione dei politici europei. I Paesi Bassi hanno espresso interesse per le origini dei capitali del presidente ...

Pakistan, attentato a Karachi: vittime

(ASI) Una donna è morta e altre 11 persone, tra cui tre poliziotti, sono rimaste ferite in un'esplosione nella città meridionale di Karachi, in Pakistan. La polizia della città pachistana ha comunicato ...

Omotransfobia. Pro Vita Famiglia: Emergenza è fake news, no indottrinamento scuole

(ASI) Roma -  «Gli ultimi dati Oscad riferiti al 2021, su un totale di 361 segnalazioni di matrice discriminatoria, parlano di 77 segnalazioni riguardanti l’omotransfobia, in netto calo rispetto agli anni ...

Diritto & Società Bilancio consuntivo condominiale. L'analisi è dell'avvocato Alessandro Di Dato nella rubrica Diritto & Società

(ASI) Diritto & Società Bilancio consuntivo condominiale. L'analisi è dell'avvocato Alessandro Di Dato nella rubrica Diritto & Società

Frosinone, incontro tra i dirigenti dell'Ospedale Spaziani e i sindacalisti di Confintesa Sanità Lazio

(ASI) Presso i locali della Direzione Sanitaria dell’Ospedale Spaziani di Frosinone si è svolto un incontro tra il Direttore Sanitario dei presidi ospedalieri di Frosinone ed Alatri, Dr Fabi ed ...

Continua la polemica sul Reddito di Cittadinanza. A Napoli e provincia una spesa pari all’intero nord Italia

(ASI) Continua senza sosta la polemica sul Reddito di Cittadinanza, una misura nata con le migliori intenzioni, ma poi finita con la solita ‘frittata all’italiana’. Analisti ed esperti sono ...

Nato, Turhia: “No di Ankara all’ingresso di Svezia e Finandia”

(ASI) La Turchia "non dirà sì" all'ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato. Lo ha detto, nelle ultime ore nella capitale, il leader di Ankara, Recep Tayyip Erdogan, in una ...