×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Continuano gli scontri a Lampedusa. Viminale: isola libera entro 48 ore

(ASI) "Siamo in presenza di uno scenario da guerra, la gente si fa giustizia da sola". Sono le parole di Dino De Rubeis, sindaco di Lampedusa, dove nelle ultime ore sono degenerate le proteste dei cittadini e dei clandestini accolti nell'isola.

Dopo le contestazioni di centinaia di tunisini e l'incendio doloso che ieri pomeriggio ha distrutto il centro d'accoglienza di contrada Imbriacola, è esplosa la rabbia degli abitanti dell'isola. Numerosi infatti i lampedusani che oggi sono scesi in piazza per protestare contro il sindaco e la gravosa situazione che, ormai da mesi, va avanti nell'isola siciliana.

"Lo Stato mandi subito dei mezzi necessari per trasferire i tunisini che vagano per l'isola dopo avere incendiato ieri il centro di accoglienza. Scrivete pure che ho una mazza da baseball dentro il cassetto della mia scrivania. Mi devo difendere, e sono pronto a usarla" ha aggiunto De Rubeis che nelle ultime ore è asserragliato assieme alla sua scorta nel municipio, teatro delle contestazione dei cittadini.

Stessa sorte anche per i cronisti arrivati nell'isola per documentare lo scenario di guerriglia: numerosi giornalisti di varie testate sono stati aggrediti e bersagliati dalla folla.

"Ci era stato promesso una decina di giorni fa che tutti i clandestini presenti nell'isola sarebbero stati trasferiti- ha aggiunto De Rubeis- invece ne stanno spostando solamente 100 al giorno. Adesso che il centro é stato bruciato, non ci sono più neanche gli spazi per potere ospitare tutte queste persone. Sono ancora in attesa di potere parlare con Berlusconi e con il ministro Maroni per sapere cosa intendono fare e come dovremo regolarci".

Inevitabile lo tsunami politico che ha generato la questione: dal Viminale è Sonia Viale a prendere parola promettendo il trasferimento dei clandestini entro 48 ore dall'isola. "Esprimo la più ferma condanna per le violenze in corso sull’isola di Lampedusa - dichiara Viale in un comunicato del ministero - e confermo la massima e costante attenzione del Viminale su quanto sta accadendo. Gli atti vandalici e le rivolte poste in essere dai cittadini tunisini nascono dalla loro consapevolezza di essere rimpatriati. Tali episodi di inaccettabile violenza non modificano il piano dei rimpatri, che prosegue e non subirà rallentamenti. Entro le prossime 48 ore tutti i clandestini presenti a Lampedusa saranno trasferiti per essere poi rimpatriati. Un ringraziamento va al Prefetto, al Questore, alle Forze dell’ordine ed ai Vigili del Fuoco che stanno tenendo un comportamento attento e responsabile in un momento di forte tensione".

Inevitabili le contestazioni da parte dell'opposizione: Fabio Giambrone, vicecapogruppo dell’Italia dei Valori al Senato, ha dichiarato in merito: "Quello che sta succedendo a Lampedusa è l’inevitabile effetto di una situazione insostenibile, la causa del disastro è però da ricercare tutta nell’approssimazione, nella negligenza e nell’incapacità con cui il governo continua ad affrontare il problema immigrazione. Il Ministro Maroni venga subito a riferire in Aula sull’accaduto. E’ ovvio che è stato ancora una volta commesso un gravissimo errore di sottovalutazione, e questo nonostante i ripetuti allarmi lanciati dall'alto commissariato Onu per i rifugiati, dalle forze di polizia dallo stesso sindaco di Lampedusa. Il dato di fatto è che sull’isola si continua a passare da un’emergenza all’altra, senza che il governo abbia trovato uno straccio di soluzione. Evidentemente – conclude Giambrone - Berlusconi è troppo impegnato nell’organizzare feste e festini ad Arcore o a Palazzo Grazioli per potersi occupare di un dramma che riguarda non solo migliaia e migliaia di migranti disperati ma anche i sempre più esasperati abitanti di Lampedusa”.

Dalle file del Partito Democratico sono i senatori Francesco Ferrante, Roberto Di Giovanpaolo, Roberto Della Seta e Marco Perduca a parlare ed in una nota congiunta dichiarano a riguardo: ""La situazione a Lampedusa sta degenerando con scontri violenti tra la polizia e gli immigrati tunisini, nel silenzio tombale del governo. E' assolutamente urgente che il governo venga in Parlamento a riferire sui fatti di oggi, sulla drammatica condizione sia degli immigrati nel centro di accoglienza che degli abitanti dell'isola siciliana. Purtroppo - continuano i senatori del Pd - ciò che sta accadendo a Lampedusa ha tutta l'aria di una tragedia annunciata di cui il governo ha precise responsabilità. A parte show mediatici e promesse, niente è stato fatto per migliorare le condizioni degli immigrati detenuti nel centro di accoglienza e per allentare la pressione sugli abitanti dell'isola. Lampedusa è stata abbandonata a se stessa. E' urgente che il ministro dell'Interno Maroni venga a riferire in Senato su quanto sta avvenendo e su quanto il governo intende fare per affrontare la situazione".

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Il Messico al tempo della guerra in Ucraina: il  trasformismo di Obrador

(ASI) Cancun (Messico) - L'ambasciata russa in Messico ha, da pochi giorni, ringraziato il presidente Andrés Manuel López Obrador (AMLO), dopo le critiche che questi ha espresso ...

Rifiuti, Costa(M5S): discariche scoperte grazie intercettazioni telefoniche e ambientali, escluderle significa rinunciare a trovare responsabili

(ASI) Roma - “La Commissione sul Ciclo dei Rifiuti fu una splendida intuizione del 1997. Oggi si arricchisce di nuove e importanti competenze, anche sulle Agromafie e le Zoomafie divenendo, così, ...

Governo. De Carlo (FdI): nei primi 100 giorni iniziato il percorso per riportare settore agroalimentare al centro

(ASI) "Nei primi 100 giorni del suo operato il governo Meloni ha avviato un chiaro percorso che intende rimettere al centro il settore agroalimentare italiano", lo dichiara il presidente della XI° ...

Sanità, Scibetta (Lista Civica “Francesco Rocca Presidente”): “Dare la giusta centralita’ ai medici di base per contrastare i tempi di attesa nelle struttre ospedaliere”

(ASI) “Ritengo  che la criticità maggiore nella sanità sia nel fatto che non viene data la giusta centralità ai medici di base. Solamente rimettendo al centro del processo sanitario ...

La parola alle persone: l’Unione europea vista dai cittadini

(ASI) Bruxelles – Prima di essere un’istituzione aspirante a ricoprire un ruolo rilevante nel complesso scenario internazionale, l’Ue è innanzitutto un’unione di Stati. Come tale, ogni giorno la sua ...

Comune Perugia, Mencaglia (FDI): carne sintetica non è progresso. Approvata mozione in difesa del nostro patrimonio alimentare

(ASI) Perugia - Lotta senza sconti al cibo sintetico in difesa del nostro patrimonio alimentare e di uno stile di vita sano, legato alla dieta mediterranea, riconosciuta come patrimonio immateriale ...

Torino, Roma, Napoli e Palermo Italia Libera il popolo della resistenza si riunisce. Italia Libera: il 4 febbraio è per l'unità del fronte del dissenso.

(ASI)  "Torino, Roma, Napoli e Palermo non sarà solo un Cineforum e dei convegni, ma sarà il giorno del dissenso. Perché non saremo solo noi, ma altre realtà, tanti ...

Serie A: mentre il Napoli vola, le altre affondano tra illeciti e scandali. Il Punto sul campionato di Sergio Curcio

Serie A: mentre il Napoli vola, le altre affondano tra illeciti e scandali. Il Punto sul campionato di Sergio Curcio

Ministro dell’interno Piantedosi: nostre forze dell’ordine hanno grandi capacità investigative in scenari operativi complessi

(ASI) “L’operazione di oggi, condotta dalla Polizia di stato con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Ancona, testimonia le grandi capacità investigative delle nostre forze dell’ordine ...

Docente negazionista, Valditara: “Negare l’Olocausto incompatibile con qualsiasi ruolo pubblico”

(ASI) “Sulla vicenda del professore di un Itis milanese che ha interrotto una rappresentazione teatrale sulla Shoah, il Ministero, attraverso l’ufficio scolastico territoriale, si è subito attivato chiedendo una relazione ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113