×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Lavoro, gli italiani sono disoccupati,ma anche il lavoro spesso fatica a trovare chi voglia occuparlo...
(ASI) La difesa dei posti di lavoro è diventata una battaglia prioritaria in occidente. Aumenta la disoccupazione ovunque. Le nuove forme d'impiego sono precarie e non garantiscono il futuro. 
In questa situazione di emergenza lavorativa è inevitabile che crescano le tensioni sociali e vengano fuori l'enormi contraddizioni in seno alle democrazie liberiste. Questo fenomeno tocca l'Italia?

Il responsabile nazionale del dipartimento infrastrutture del Movimento Patria Nostra Paul Manuguerra ci fornisce una sua opinione in merito.

“ Dire che,noi italiani vediamo alla disoccupazione come uno dei grandi mali ( se non il più ) che affliggono l'Italia ma anche l'Europa e il mondo in questi tempi di profonda crisi. Equivale a svelare il segreto di Pulcinella. Secondo i più recenti dati Istat infatti. Il tasso di disoccupazione italiano è all'8,6 per cento. Crescono,invece,i cosiddetti "non occupati" nella fascia 15-24 anni. Questi i dati. Ma i motivi?

I motivi sono,per quanto si credano banali e di immediata individuazione,piuttosto sfaccettati,indefiniti e certo anche contorti. Primo fra tutti l'uccisione,avvenuta praticamente in sordina,dell'oramai mitico posto fisso. Mito che ha generato nell'Italia del dopoguerra,uno dei più sensibilmente notevoli fenomeni di "migrazione di massa dei lavoratori" o aspiranti tali. Oramai un lavoratore è costretto rivolgere Lassù le sue preghiere anche ogni settimana. Questa infatti l'esile durata di taluni contratti propriamente detti a termine.

Saremmo portati a credere che la manifestazione più prossima di questa piaga,sarebbe quella di una drastica caduta in picchiata delle richieste dei mutui per la casa. Dai più recenti dati risulta invece il contrario. L’Istat ha pubblicato alcune interessanti statistiche sul settore immobiliare.

L’Italia è tra i paesi europei con più proprietari: 7 su 10 hanno una casa propria. Il 13,4% del totale (famiglie affittuarie, proprietarie e usufruttuarie) è gravato da un mutuo. Infine 2 su 10 invece paga l’affitto. I dati dimostrano che nonostante la crisi l’italiano medio cerca stabilità e certezza nella propria abitazione. È pronto ad indebitarsi per 30 anni purché abbia una dimora sicura. D’altra parte la cultura italiana è sempre stata quella del lavoro fisso (se statale o in banca ancora meglio) e casa. Ecco però che chi non può permettersi il mutuo a tasso fisso è costretto (dalla tirannide delle banche che hanno certo la complicità dello stato ) a "scegliere" l'opzione del tasso variabile;il quale sempre poi muta in maniera negativa per le famiglie.

L'altro dei motivi di crisi occupazionale,è dato da questa semplice proposizione:il lavoratore è caro. Al giorno d'oggi,un principale,piccolo o grande che sia,non assume se non con contratto con termine determinato. Questa è purtroppo l'unica via possibile per evitare il fallimento. Anche questo capo d'accusa e' a carico del nuovo corso delle cose economico-lavorative.

Ho scritto nel titolo che anche il lavoro spesso fatica a trovare chi voglia occuparlo,sempre più spesso occorre aggiungere. E come tutte le medaglie,anche questa di facce ne ha due. Se la prima vede i potenziali lavoratori,davvero desiderosi di utilizzare i dignitosi frutti del lavoro,per giungere alle proprie mete ideali. L'altra faccia della proverbiale medaglia invece,decisamente pigra e figlia della non-educazione lavorativa da parte delle nuove generazioni di genitori e senz'altro delle istituzioni. Ci mostra ragazzini ma non solo. I quali adorano parassitare sulle spalle dei loro incapaci genitori. Genitori questi che tra le molte ingenuità e mancanze hanno quella di credere ancora nell'utopico "pezzo di carta".Che,sempre secondo questi novelli mamma e papà,aprirà ai loro figli le porte di un lavoro sicuro,ben retribuito,pulito. Se qualcuno ancora si domanda da dove proviene "l'esercito dei disoccupati",ora lo sa. Forse alcuni dei genitori chiamati in causa,storceranno il naso dopo queste mie. Ma io è così che interpreto il dato di cui sopra relativo alla crescita di disoccupazione per quanto riguarda la fascia d'età 15-24.

Un'ultima considerazione. Le ore di cig autorizzate lo scorso anno,sono state 1,2 miliardi;per un totale di circa 580000 lavoratori coinvolti e un taglio netto del reddito per oltre 4,6 miliardi di euro. Una perdita pari a più di 8mila euro per ogni lavoratore. Talvolta le due facce ne generano una terza”.

Davide Caluppi - Agenzia Stampa Italia

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Presidente Tesei : l'Aeroporto dell'Umbria è strategico. I risultati lo stanno dimostrando

(ASI) Perugia. Questa mattina presso l’aeroporto di Sant’Egidio a Perugia, in occasione dell’approvazione del bilancio SASE 2021, è intervenuta ai microfoni di Agenzia Stampa Italia Donatella Tesei, Presidente della ...

IEF a Modena: conferenza con Ministro Dadone, Vice Ministro Picchetto Fratin, Danilo Iervolino, Presidente Bonaccini e Presidente Coldiretti Prandini

(ASI) Domani, sabato 25 Giugno, alle ore 15:00, si terrà presso la Direzione Generale BPER Banca di Modena, la conferenza stampa di lancio della Quarta Edizione degli Stati Generali dell’Export, che ...

Droga, Gasparri: si rifletta su parole Mattarella contro droghe

(ASI) “Grazie al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che in previsione della giornata mondiale dell'ONU contro le droghe ha avuto parole chiarissime contro l'uso di stupefacenti e a sostegno delle ...

I ministri Franco e Cingolani firmano il Decreto carburanti. Sconto di 30 centesimi esteso fino al 2 agosto

(ASI) Il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Daniele Franco, e il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, hanno firmato il Decreto Interministeriale che proroga fino al 2 agosto le misure ...

Cuzzupi (UGL): Scuola Alta Formazione, ennesimo carrozzone con ingenti compensi poltronari

(ASI) “Oltre un milione di euro sperperati per creare un organismo che è un carrozzone servo della malapolitica e che non ha alcuna ricaduta sulle classi né sui docenti per ...

Occupazione, Nappi (Lega): beato De Luca che riesce a vedere bicchiere mezzo pieno

(ASI) “Beato De Luca che davanti ai numeri tragici del report Bankitalia, riesce a vedere il bicchiere mezzo pieno. Gli ricordo che siamo nella regione dove il lavoro femminile è distanziato ...

Stipendi dirigenti Scabec, interrogazione di Nappi (Lega): hackeraggio o "depistaggio"? De Luca chiarisca

(ASI) "Hackeraggio o 'depistaggio'? De Luca chiarisca sul nuovo mistero di Scabec Spa. Come riportato da organi di stampa, il sito internet della società sarebbe stato attaccato da hacker. Quando ...

Dati INPS. Paolo Capone, Leader UGL: "Investire in politiche e attive e formazione per riattivare mercato del lavoro"

(ASI) "Preoccupano i dati dell'Osservatorio dell'INPS sulle ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate nel mese di maggio pari a 54,7 milioni. Un incremento particolarmente significativo pari al +19,8% rispetto al mese precedente. ...

Si è svolta in Umbria la scuola di formazione del partito Democrazia e Sussidiarietà

(ASI) Una Scuola di formazione politica  e  corsi Online, gratuiti  rivolti a tutti gli iscritti a Democrazia e Sussidiarietà:  Lavoro , Famiglia , Vita , Popolo , Solidarietà, Sicurezza, ...

Lituania, Russia: “Ue non parli di art. 5 Nato”

(ASI) L'Occidente dovrebbe smettere di parlare dell'attivazione dell'articolo 5 della Nato in relazione alle crescenti tensioni”, tra Vilnus e Mosca, “dopo il blocco parziale del traffico merci verso Kaliningrad".

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113