×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Libia: cosa sta accadendo e perché.
(ASI) Il mondo arabo è in rivolta, ha sete di giustizia sociale. Il popolo di quelle nazioni ha preso coscienza dei propri diritti e si vuole sbarazzare di tutti quei despoti, spesso auspicati e/o tollerati dall'Occidente. E' iniziato tutto dalla Tunisia, poi la protesta per il pane, ossia, la lotta per il diritto ai bisogni primari, ha toccato l’Egitto per poi espandersi velocemente ad altre nazioni e comunità islamiche. Da qualche giorno anche la Libia, governata dal 1969 da Muhammar Gheddafi, è in rivolta, notizie si inseguono e non sempre sono attendibili o quantomeno verificabili.
Scorrono nei telegiornali le immagini di Bengasi e delle altre città coinvolte negli scontri violentissimi,senza che non si arrivi a vedere in prospettiva una soluzione politica che non sia troppo traumatica per le popolazione libica e per le nazioni come l'Italia che hanno relazioni tradizionalmente strette economiche e culturali. Agenzia Stampa Italia ha incontrato Fabrizio Di Ernesto, giornalista e saggista, autore del libro “Petrolio, Cammelli e Finanza” edito da Fuoco Edizioni per porgli qualche domanda su quello che sta succedendo nel vicino Medio Oriente e per capire quali scenari futuri si potrebbero creare.

 

Per comprendere meglio gli affari e la storia tra Libia e Italia, lei ha scritto un interessante libro edito da Fuoco Edizioni dal titolo “Petrolio, Cammelli e Finanza”. Potrebbe questo testo aiutare ai lettori a comprendere quello che sta accadendo in questo momento in Libia?

 

Spero proprio di sì. Il mio saggio racconta la storia della Libia dal 1911, anno in cui l’Italia iniziò la colonizzazione e quindi tratta anche in modo esauriente gli ultimi 40, ovvero quelli che hanno visto Gheddafi salire e consolidare il proprio potere. A più riprese tratto anche il ruolo politico e commerciale che gioca oggi Tripoli sullo scacchiere mondiale che, a mio parere, offre buoni basi geopolitiche per capire chi realmente può avere interesse a destabilizzare il Paese traendone il massimo profitto. L’ultimo capitolo del mio saggio inoltre appare quasi profetico essendo incentrato sugli scenari futuri del paese nordafricano ed in cui analizzo anche le possibile conseguenze di una caduta del Rais sia volontaria, con il potere affidata ai figli, sia più cruenta con fine contemporanea di Gheddafi e della Jamahiryya.

 

I rapporti Italia-Libia quali effetti potrebbero avere con questa cruenta rivolta?

La prima e più scontata conseguenza sarà un aumento di petrolio e gas, non a caso è proprio di oggi la notizia che l’Eni ha chiuso il condotto Greenstream che da Wafa a Gela, passando per Mellrtah e Bahr Essalam porta in Italia il gas libico. Ieri inoltre in borsa tutte le grandi società italiane che hanno interessi libici o che vedono la Lafico, il fondo d’investimento statale libico, importante azionista hanno subito dei bruschi cali. A breve termine i rapporti economici potrebbero subire una frenata ma a livello politico credo che, una volta normalizzata la situazione tutto tornerà come prima. Per l’Italia la Libia ha un ruolo troppo importante per quanto concerne l’approvvigionamento energetico e nel contrasto all’immigrazione clandestina; sull’altro versante Tripoli non può fare a meno degli euro italiani e quindi se anche dovesse esserci un ribaltone Roma dovrà normalizzare quanto prima i rapporti.

 

Cosa potrebbe cambiare per gli Stati Uniti e per Israele?

Il Gheddafi odierno non è più il terrorista di Lockerbie. Oggi il Rais e la Libia sono stati pienamente inseriti nell’ottica occidentale. Nonostante ciò la caduta di un governo che dura ormai da oltre 40 anni farebbe il gioco di Washington e Tel Aviv. Gli Usa in particolare scottati da quando avvenuto nel 1979 in Iran ora sembrano più attenti nello scegliersi gli alleati ed hanno tutto l’interesse ad accerchiare Teheran. A parole lottano contro il fondamentalismo religioso ed in favore degli stati laici eppure ci si dimentica che l’Iraq di Saddam era uno stato laico e che le divisioni religiose sono iniziate dopo l’invasione atlantica. Difficile che un eventuale cambiamento non sia a vantaggio di Usa ed Israele magari proprio fomentando un divide et impera, anche in nome della religione, tra Tripolitani e Cirenaica come avvenuto nell’ex Yugoslavia.

 

E la Cina? Attenta osservatrice delle vicende globali, come sta vedendo le vicende del Medio Oriente?

La Cina per il momento osserva silenziosamente in disparte. A Pechino però sono preoccuparti da un eventuale aumento smisurato del petrolio che andrebbe ad incidere sui costi dei loro prodotti, oltretutto per il momento il bacino nordafricano rappresenta un’area, diciamo così, di influenza atlantica e la Cina pur interessandosene vuole evitare di entrare in rotta di collisione con Washington.

 

In Egitto Mubarak se n’è andato. I militari hanno confermato che rispetteranno i trattati internazionali, allora in pratica, la rivolta non ha cambiato nulla?

Non vorrei apparire troppo catastrofista ma l’Egitto mi ricorda il Cile di Pinochet: potere ai militari, scioglimento del Parlamento e asservimento dei diktat atlantici. I militari hanno promesso che la transizione durerà sei mesi, lo spero anche se ho paura che alla fine si arrivi ad una soluzione gattopardesca: cambiare tutto affinché nulla cambi. Probabile che tutta la corte che circondava Mubarak nel frattempo si riorganizzi e torni in sella, magari nascondendosi dietro un volto più presentabile e poco compromesso con il passato, sempre che i militari non si facciano corrompere dal potere e decidano i tenerlo nelle proprie mani.

 

E’ stato il trentaduesimo anniversario della rivoluzione islamica iraniana. Secondo lei, questa ricorrenza, ha potuto incidere sulle vicende del vicino Medio Oriente?

Sinceramente non credo, gli Usa sono ormai molti anni che cerca di destabilizzare, con scarsi risultati, l’Iran ed ora hanno cambiato strategia cercando di isolare quel Ahmadinejad che viene regolarmente eletto dalla maggioranza degli iraniani ma che l’occidente considera un dittatore in quanto antepone gli interessi del suo paese a quello delle grandi lobby internazionali.

 

La rivolta del pane nei paesi arabi, la lotta per il lavoro in occidente e la crisi mondiale possano decretare la fine di un certo turbo capitalismo?

Il capitalismo è in crisi anche se purtroppo, temo avrà vita ancora lunga.
Tutte le rivoluzioni cui abbiamo assistito negli ultimi anni, da quelle colorate nell’est europeo a quelle nel nord africa, avevano dietro le quinte i sponsor occulti del capitalismo, Soros in primis. La strada del cambiamento a mio parere viene da Paesi come il Venezuela o l’Iran che stanno rilanciando l’economia sociale e non a caso sono additati al mondo come paesi non democratici. Purtroppo il turbo capitalismo, nonostante l’attuale crisi economica, sociale e politica, credo durerà ancora molti anni anche perché l’occidente è quotidianamente bombardato dal diktat capitalistico “cresci, consuma, crepa” con le menti, specie quelle più giovani che dovrebbero portare avanti le istanze di cambiamento narcotizzate da questo bombardamento.



 

 

 

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Lavoro. Speranzon (FdI): Presentata pdl per favorire staffetta generazionale nelle aziende

(ASI)“Nelle aziende dei servizi ambientali e del trasporto pubblico locale si registra da anni il bisogno di un ricambio generazionale. Ho presentato una proposta di legge al Senato per ...

Pratica di Mare, Gasparri: Berlusconi è stato vero pacifista

(ASI) "Il 28 maggio del 2002, a Pratica di Mare, il Presidente Berlusconi portò il presidente americano George Bush e quello russo Putin a firmare degli accordi tra la federazione russa e ...

Air Dolomiti, Sciopero di 24 ore dei piloti. Uiltrasporti: pronti ad azioni di lotta per tutta stagione estiva se inascoltati

(ASI) Roma - I piloti della compagnia aerea Air Dolomiti, di proprietà del gruppo Lufthansa, continuano con determinazione la loro protesta per ottenere, a oltre 10 anni dalla scadenza, il rinnovo ...

50 anni fa, nel corso di una manifestazione contro il terrorismo in Piazza della Loggia a Brescia, una bomba provocò la morte di 8 persone e ne ferì oltre cento.

(ASI) “Il 28 maggio 1974 costituisce una ferita profonda nella storia del Paese. La ferocia e la violenza dell’ignobile disegno eversivo colpirono vittime innocenti nel tentativo di minare le basi della ...

Giornata Nazionale di Confcommercio “Legalità, Ci Piace!”

Domani, alle ore 10.00, in Confcommercio con Sangalli, Valditara e Molteni. (ASI) Domani 29 maggio, alle ore 10.00 a Roma, nella sede della Confederazione, si svolgerà la Giornata nazionale di Confcommercio “Legalità, ci ...

Napoli grande polo culturale europeo

(ASI) Che Napoli sia la capitale geografica del Mediterraneo è assodato e universalmente riconosciuto, ma che la città di Parthenope possa assumere anche il ruolo di polo culturale europeo è un fatto ...

Cnpr forum, logistica settore strategico per la competitività

(ASI)  “In Italia per poter usufruire di un servizio adeguato di logistica sono necessari due grandi fattori: gli investimenti su strade, ferrovie e porti da un lato; usufruire di ...

MO: Provenzano (PD), Netanyahu si fermi, subito cessate il fuoco 

(ASI) "Ancora orrore dalla Striscia di Gaza. Ieri una strage di civili e bambini a Rafah. Immagini inaccettabili, tanto più a due giorni dalla pronuncia della Corte internazionale di Giustizia.

Presidente Giorgia Meloni e Presidente degli Emirati Arabi Uniti, Mohamed bin Zayed bin Sultan Al Nahyan: ribaditi gli eccellenti rapporti bilaterali.

Creata joint venture MAESTRAL tra Fincantieri e l’emiratina EDGE Group (ASI) "Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, ha avuto oggi una conversazione telefonica con il Presidente degli Emirati ...

MO: Laureti (PD), subito cessate il fuoco e riconoscimento stato Palestina 

(ASI) "Nel Sud di Gaza, a Rafah, un raid israeliano contro un campo di persone sfollate. L'ennesima strage di civili, in una comunità piegata, da mesi, dalla violenza militare e ...

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113