×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113
Il primo  nemico di Bersani è veramente  Berlusconi? No, è Renzi
(ASI) In questa campagna elettorale sostanzialmente prima di contenuti pratici, due sembrano essere le principali preoccupazioni di Bersani e dei vertici del PD: salvare il rapporto con Monti e attaccare ogni giorno sempre più forsennatamente Berlusconi, qualunque cosa il Cavaliere faccia o dica. Infatti, Bersani non perde occasione per ricordare la lealtà del PD nei confronti del Professore, quando era al governo. E  anche se  c’è stato qualche contrasto non lieve su alcune pesanti misure economico-fiscali  adottate in quell’occasione da  Monti, il Segretario del PD tiene a ribadire che il rapporto con Monti deve rimanere improntato all’amicizia e, se possibile, anche alla collaborazione. Tuttavia, guardando meglio  e più in profondità,  ci si accorge che quella tra Bersani e Monti è, più che una pace, una tregua armata, che può  dare origine in qualunque momento ad una guerra con armi politiche di… “distruzione di massa”.           Che cosa può innescare questa deflagrazione, se non la temuta fuga in massa dei Montiani dal Partito Democratico? Alcuni segni già si vedono, e i  primi abbandoni  notoriamente sono stati quelli del Prof. Ichino e di alcuni elementi minori del partito. Il colpo è stato parzialmente assorbito dal buon incassatore Bersani, che o non ha commentato o non ha dato grande rilevo all’avvenimento. Perché? Perché non c’è stata ancora una rovinosa frana nel PD.   
In ogni caso, Bersani non può ancora dichiarare il PD fuori pericolo, perché il bello deve ancora venire e potrebbe chiamarsi Matteo Renzi. E’ impensabile infatti che i Montiani non abbiamo già preso contatto con Renzi, gli abbiamo proposto di aderire  all’Agenda Monti, anche se il Sindaco di Firenze per il momento tace.  Ma siamo sicuri che da un momento all’altro potrebbe non passare, armi e bagagli, nelle file dei Montiani? Il dubbio assale anche Bersani che è letteralmente terrorizzato da questa eventualità, anche se non lo dà ad intendere e continua ad ostentare sicurezza.  Per questo, abilmente cerca di sviare l’attenzione da questo incombente pericolo ad un altro: il solito Berlusconi, che viene additato di nuovo come il nemico numero 1, mentre, pretestuosamente, viene scaricata solo su di lui la responsabilità dell’attuale disastrosa situazione italiana, assolvendo totalmente Monti dai suoi  pesantissimi addebiti. Così Bersani, con una maldestra manovra di spostamento di bersaglio, cerca di allontanare la minaccia che rappresentata da  Matteo Renzi e dai Montiani che alloggiano nel PD. Ma questa operazione non garantisce affatto l’incolumità politica e, quindi, si potrebbe avere un Bersani-bersaglio di Renzi. Con grande sollievo del Cavaliere Berlusconi.

 
L'onestà intellettuale crea dibattito e stimola nelle persone l'approfondimento. Chi sostiene l'informazione libera, sostiene il pluralismo e la libertà di pensiero. La nostra missione è fare informazione a 360 gradi.

Se credi ed apprezzi la linea editoriale di questo giornale hai la possibilità di sostenerlo concretamente.
 

 

 

Ultimi articoli

Inchiesta Perugia, PD: "Da Melillo e Cantone contributo di rigore e chiarezza"

(ASI) "La richiesta di urgente audizione a Commissione  Antimafia, Copasir e CSM da parte del Procuratore Nazionale Antimafia Melillo e del Procuratore di Perugia Cantone va accolta subito. Per ...

Ternana-Parma 1-3, i Ducali escono vittoriosi dal “Liberati”

(ASI) TERNI – Dopo la bella vittoria sul campo del Palermo, la Ternana affronta al “Liberati” il Parma capolista. I rossoverdi di Breda devono cercare di dare continuità di risultati mentre ...

"Quo Vadis Italia", conferenza de La Rete dei Patrioti sul futuro della nazione con Valerio Arenare e Giustino D'Uva.

(ASI) "Si è tenuta sabato 2 marzo la conferenza organizzata dai movimenti aderenti a La Rete dei Patrioti, dal titolo "Quo vadis Italia". Una panoramica della situazione socio-politica nazionale, con uno sguardo ...

Avv. Trisciuoglio: Assumo la difesa del 18enne accusato di tentato omicidio per i fatti avvenuti il 7 gennaio a Savona ed estradato dalla Spagna in Italia.

(ASI)"Le incongruenze e la contraddittorietà delle prove a supporto del provvedimento custodiale in carcere ci permettono di confidare nella richiesta di scarcerazione che sarà avanzata a breve. Un ...

Campi Flegrei, Caso (M5S): “Accelerare con verifiche degli edificI”

(ASI) “La scossa di stamattina, di magnitudo 3.4 ha generato paura tra i cittadini che, nelle aree vicino all'epicentro, al confine tra Pozzuoli e Napoli, sono scese in strada. Non bisogna ...

Difesa: nave Duilio abbatte drone nel Mar Rosso

(ASI) Roma -  Nel pomeriggio di oggi, in attuazione del principio di auto difesa, Nave Duilio ha abbattuto un drone nel Mar Rosso. Il drone, dalle caratteristiche analoghe a ...

Immigrazione. Tubetti (FdI): Operazione alto impatto ha stroncato traffico di esseri umani

(ASI) "Occorre rivolgere un vivo ringraziamento agli uomini e alle donne in divisa, pilastri di uno Stato giusto, per aver portato a termine con successo l’operazione ad alto impatto ...

Dossieraggio: Iezzi (Lega), Lega attenzionata abusivamente, pronti a tutelarci in sedi opportune

(ASI) Roma  - “Sconcertanti dettagli dall’inchiesta sui dossieraggi, con la Lega attenzionata abusivamente. Contro Matteo Salvini e i leghisti la macchina del fango non si ferma mai, per ...

Google in tribunale: media europei rivendicano danni da 2,1 miliardi di euro per pratiche anticoncorrenziali

(ASI) Bruxelles - In una mossa audace che sottolinea la battaglia sempre più intensa tra conglomerati mediatici e giganti tecnologici, Google di Alphabet si trova coinvolta in una causa da 2,1 ...

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

La mille proroghe ed il rientro in bonis dei contribuenti. Il punto dell'economista Gianni Lepre

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 113